Associazione culturale “La Radice”
Registrazione Tribunale di Catanzaro n° 38 del 12.04.1995

In inglese


Home Info Autori Biografie Autori  Elenco periodici Cerca Badolato Link

Archivio

Altro spazio Estinti
Articolo meno letto:

Autore:     Data:  
WebCam su badolato borgo


 LINK Culturali su Badolato:

Storia di Badolato a partire dai 50 anni della parrocchia Santi Angeli custodi di Badolato Marina, i giovani di ieri si raccontano.
www.ricordando.net

Comune di Badolato, servizio per la ricerca e visione dei testi conservati nella biblioteca comunale di Badolato.
www.laradice.it/bibliotecabadolato

Archivio di foto di interesse artistico culturale e storico - chiunque può partecipare inviando foto, descrizione e dati dell'autore
www.laradice.it/archiviofoto

Per ricordare chi ci ha preceduto e fà parte della  nostra storia
www.laradice.it/estinti


ACCETTIAMO:
  • MATERIALE da pubblicare o da conservare;
  • NOTIZIE storiche e d'altro genere;
  • INDIRIZZI di Badolatesi che ancora non ricevono il giornale;
  • FOTOGRAFIE di qualche interesse;
  • SUGGERIMENTI, che terremo presenti;
  • CONTRIBUTI in denaro.

Visite:
Pagine richieste:
Utenti collegati:
dal 01/05/2004

Locations of visitors to this page

Data: 30/09/2003 - Anno: 9 - Numero: 3 - Pagina: 12 - INDIETRO - INDICE - AVANTI

IL MOTO PERPETUO

Letture: 1089               AUTORE: Salvatore Mongiardo (Altri articoli dell'autore)        

(Salvatore Mongiardo è ormai uno sei nostri, e non soltanto per il Sissizio al quale ci stiamo ritrovando ormai da alcuni anni, ma soprattutto per la vicinanza amicale culturale partecipata anche attraverso i suoi libri, la cui lettura crea un clima sicuramente coinvolgente. Recentemente ci ha regalato una gustosa pagina del suo prossimo libro, che noi qui riportiamo anche perché riguarda per più versi Badolato, Con l’invito, anzi, ai nostri lettori, di comunicarci ogni eventuale notizia sull’argomento, nel caso ne fossero a conoscenza, magari tramite il racconto di un nonno. Noi abbiamo cercato, ma fin qui non abbiamo trovato.) IL MOTO PERPETUO Uno dei primi libri che presi per catalogare era un erbario appartenuto a do Peppe Addino, un prete originale, tanto amato dal popolo quanto osteggiato dagli altri preti. L’erbario di don Peppe aveva salvato mezzo paese da morbi e malattie: don Peppe non voleva nulla in cambio e a tutti prescriveva un rimedio infallibile. Non era però riuscito a guarire una donna alla quale aveva ordinato di bere un certo decotto. Quella donna non sapeva cosa fosse un decotto e aveva bollito nella pentola un crocefisso, bevendo poi il Dio cotto. Don Peppe si era messo in testa di risparmiare le suole delle scarpe che consumava andando sempre in giro per raccogliere erbe medicinali. Chiese a mio padre di fargli delle suole in ferro, e mio padre obiettò che era impossibile camminare con suole scivolose e rigide. Don Peppe non sentì ragioni e mio padre dovette forgiargli le due suole. Alla fine don Peppe ammise che non poteva usare le scarpe ferrate perché non riusciva a chinarsi quando doveva raccogliere le erbe. Un altro marchingegno volle da mio padre, ed era un verricello che gli permetteva di tirare da solo sulla spiaggia la piccola spiaggia da pesca con la quale usciva in mare. Alla fine tentò nientedimeno la realizzazione del… moto perpetuo! Si mise d’accordo con il Barone Gallelli di Badolato, convinto anche lui che era possibile invertire il movimento in discesa dell’acqua e creare una macchina che producesse energia all’infinito. Nel greto del fiume Gallipari approntarono la centrale con le macchine e gli ingranaggi che avevano fatto fondere a Taranto. Mio padre dovette passare parecchio tempo a mettere in opera i marchingegni, e quando l’acqua entrò negli ingranaggi, l’effetto fu così forte che tutta la centrale saltò in aria. Don Peppe dovette vendere la casa per pagare le fonderie di Taranto e, forse pressato da quelle angustie finanziarie, bisticciò con gli altri preti di Sant’Andrea per la divisione della congrua, la cassa del clero dove affluivano le offerte dei fedeli per messe, battesimi e funerali. Don Peppe afferrò il grosso piede in legno della croce professionale, smontato e appoggiato alla parte della sacrestia, per picchiare i confratelli. Da allora rimase il detto menare con il piede della croce per dire picchiare forte. Fu mandato in punizione a Nardo di Pace, un centro montano piccolo e poverissimo delle Serre. Lì trovò la morte nel portare il viatico ad una morente che abitava fuori paese, a Ragonà, e per far prima prese una scorciatoia pericolosa. Al ragazzo che gli faceva da guida e lo sconsigliava di prendere quel malo passo, don Peppe disse: “Se ci passano le capre ci passo pure io”. Non fu così. Precipitò e morì in fondo al dirupo.
noleggio lungo termine noleggio lungo termine www.panificiopilato.it www.sistemic.it bed and breakfast soverato la villa

E-mail: info@laradice.it             Webmaster: www.giuseppecaporale.it               Segnalazione errori

Testi e materiale Copyright©
Associazione culturale La Radice
  www.laradice.it

Sviluppo e design Copyright©
Giuseppe Caporale
 www.giuseppecaporale.it

Tecnologie e software Copyright©
SISTEMIC di Giuseppe Caporale
 www.sistemic.it

Advertising e link support
by www.Golink.it

Golink www.Golink.it

noleggio lungo termine noleggio lungo termine www.panificiopilato.it www.sistemic.it bed and breakfast soverato la villa www.sistemic.itwww.panificiopilato.itwww.panificiopilato.it