Associazione culturale “La Radice”
Registrazione Tribunale di Catanzaro n° 38 del 12.04.1995

In inglese


Home Info Autori Biografie Autori  Elenco periodici Cerca Badolato Link

Archivio

Altro spazio Estinti Gestionale
Articolo meno letto:
LIBRI RICEVUTI

Autore:Vincenzo Squillacioti     Data:31/12/2016  
WebCam su badolato borgo

Inserisci email per essere aggio Inserisci email per essere aggiornato


 LINK Culturali su Badolato:

Storia di Badolato a partire dai 50 anni della parrocchia Santi Angeli custodi di Badolato Marina, i giovani di ieri si raccontano.
www.ricordando.net

Comune di Badolato, servizio per la ricerca e visione dei testi conservati nella biblioteca comunale di Badolato.
www.laradice.it/bibliotecabadolato

Archivio di foto di interesse artistico culturale e storico - chiunque può partecipare inviando foto, descrizione e dati dell'autore
www.laradice.it/archiviofoto

Per ricordare chi ci ha preceduto e fà parte della  nostra storia
www.laradice.it/estinti


ACCETTIAMO:
  • MATERIALE da pubblicare o da conservare;
  • NOTIZIE storiche e d'altro genere;
  • INDIRIZZI di Badolatesi che ancora non ricevono il giornale;
  • FOTOGRAFIE di qualche interesse;
  • SUGGERIMENTI, che terremo presenti;
  • CONTRIBUTI in denaro.

Visite:
Pagine richieste:
Utenti collegati:
dal 01/05/2004

Locations of visitors to this page

Data: 30/09/2003 - Anno: 9 - Numero: 3 - Pagina: 22 - INDIETRO - INDICE - AVANTI

E TUTTI I SANTI I CASTÀGNI VANNU ARRÀNTI

Letture: 1500               AUTORE: Tota Gallelli (Altri articoli dell'autore)        

Questo proverbio intendeva dire non soltanto che la raccolta delle castagne era finita ma che chiunque poteva raccogliere le castagne nel castagneto altrui liberamente per cui ognuno si affrettava a finire la raccolta prima. La raccolta delle castagne, come tutti i frutti impegnava soprattutto le donne ed era molto faticosa. Ancora prima dell’alba le donne s’incamminavano a piedi verso la montagna per arrivare lì sul far del giorno. Raccolte le castagne tra quei ricci spinosi, riempiti i sacchi, se li caricavano sulla testa e via verso il paese per i viottoli scoscesi, riposandosi di tanto in tanto durante il percorso appoggiando il loro carico (a cohràta) sui “riposatùri” che consistevano in un sentiero più alto o un tronco d’albero e proseguendo così il cammino arrivavano a casa prima di mezzogiorno. “L’arrantùra” in particolare delle castagne e delle olive era l’espressione della vita sociale ed economica del paese; “L’arrantòti” era gente laboriosa ma viveva alla giornata, non aveva campi da coltivare, ma avendo famiglia aveva bisogno di farsi le provviste e allora aspettava che gli altri finissero il raccolto per racimolare qualche tomolo di castagne, o di grano e qualche macina di olive. E queste donne giravano tutto il giorno spostandosi da un campo all’altro per giorni e giorni, un lavoro duro, faticoso, ma fatto con tanta dignità.
302 Found

Found

The document has moved here.


E-mail: info@laradice.it             Webmaster: www.giuseppecaporale.it               Segnalazione errori

Testi e materiale Copyright©
Associazione culturale La Radice
  www.laradice.it

Sviluppo e design Copyright©
Giuseppe Caporale
 www.giuseppecaporale.it

Tecnologie e software Copyright©
SISTEMIC di Giuseppe Caporale
 www.sistemic.it

Advertising e link support
by www.Golink.it

Golink www.Golink.it

302 Found

Found

The document has moved here.

302 Found

Found

The document has moved here.