Associazione culturale “La Radice”
Registrazione Tribunale di Catanzaro n° 38 del 12.04.1995

In inglese


Home
Info
Autori
Biografie
Periodici
Cerca
Video
Link
Archivio
Lettere
Estinti
Gestionale
Articolo meno letto:
COMUNE DI BADOLATO Servizi Demografici – Ufficio Anagrafe
Autore:Vincenzo Rudi     Data: 30/12/2020  
WebCam su badolato borgo

Inserisci email per essere aggio Inserisci email per essere aggiornato


 LINK Culturali su Badolato:

Storia di Badolato a partire dai 50 anni della parrocchia Santi Angeli custodi di Badolato Marina, i giovani di ieri si raccontano.
www.ricordando.net

Comune di Badolato, servizio per la ricerca e visione dei testi conservati nella biblioteca comunale di Badolato.
www.laradice.it/bibliotecabadolato

Archivio di foto di interesse artistico culturale e storico - chiunque può partecipare inviando foto, descrizione e dati dell'autore
www.laradice.it/archiviofoto

Per ricordare chi ci ha preceduto e fà parte della  nostra storia
www.laradice.it/estinti


ACCETTIAMO:
  • MATERIALE da pubblicare o da conservare;
  • NOTIZIE storiche e d'altro genere;
  • INDIRIZZI di Badolatesi che ancora non ricevono il giornale;
  • FOTOGRAFIE di qualche interesse;
  • SUGGERIMENTI, che terremo presenti;
  • CONTRIBUTI in denaro.

Visite:
Pagine richieste:
Utenti collegati:
dal 01/05/2004

Locations of visitors to this page

Data: 30/12/2020 - Anno: 26 - Numero: 2 - Pagina: 21 - INDIETRO - INDICE - AVANTI

L’AUTO CHE PORTÒ UMBERTO DI SAVOIA PER BADOLATO

Letture: 80               AUTORE: Claudio Caroleo (Altri articoli dell'autore)        

… In un lunedì di maggio del 1932, precisamente il 30 alle ore 14.00, giungono a Badolato
le Altezze Reali Umberto di Savoia e Maria José del Belgio, scesi da un treno partito da
Catanzaro Sala. L’accoglienza del popolo badolatese è decisamente calorosa, dimostrando così
un senso dell’ospitalità ineguagliabile. Le Altezze Reali affrontano il valico della folla seduti su
un’elegantissima e lussuosa automobile: l’allora prestigiosa Fiat 507…
È la sintesi di uno dei tanti avvenimenti narrati negli impegnativi capitoli de La Storia di
Badolato, di Antonio Gesualdo, testo che a pag. 533 ne riporta la relativa foto in bianco e nero,
nella quale, in tutta la sua bellezza e maestosità, risalta una Fiat 507.
Gran bella macchina, imponente e lussuosa, connotatasi quale importante emblema per il
marchio torinese, dando “il via” ad una futura serie di automobili, cosiddette “di grossa taglia”!
La 507 fu progettata a metà degli anni ʼ20. Montava un motore a 4 cilindri in linea, con
cilindrata di 2.296 cc ed una potenza di 35 cv. Il cambio era un manuale a 4 rapporti, ovviamente
non sincronizzati. Il peso dell’auto si aggirava intorno ai 1400 kg, abbastanza per gli standard
dell’epoca, ma “quasi leggera” rispetto alla media delle auto odierne.
La 507 ebbe, però, vita breve. Infatti, fu prodotta solamente dal 1926 al 1927, con circa 3700
esemplari costruiti.
Tanto detto, è opportuno
riflettere e pensare ad una cosa:
com’è possibile che un marchio
fornitore delle proprie vetture alla
“Casa Reale”, oggi sia praticamente
sparito? O, per lo meno, come
accettare che esso “galleggi” solo
nel mondo dell’Alta Finanza che,
in questo nostro contesto di forzata
globalizzazione, non si preoccupa
minimamente dei sentimenti dei
veri appassionati?
Claudio Caroleo
(Nel ringraziare il giovanissimo giornalista pubblicista Claudio per il fresco articolo inviatoci, dovuto
-ci risulta- alla sua passione per il mondo delle automobili, suggeriamo, ai lettori che volessero saperne
di più relativamente al viaggio in Calabria dei due giovani principi, di leggere anche l’articolo apparso
alle pagine 37/41 del n° 1/2001 di questo periodico. - Ndd)


E-mail: info@laradice.it             Webmaster: www.giuseppecaporale.it               Segnalazione errori

Testi e materiale Copyright©
Associazione culturale La Radice
  www.laradice.it

Sviluppo e design Copyright©
Giuseppe Caporale
 www.giuseppecaporale.it

Tecnologie e software Copyright©
SISTEMIC di Giuseppe Caporale
 www.sistemic.it

Advertising e link support
by www.Golink.it

Golink www.Golink.it