Associazione culturale “La Radice”
Registrazione Tribunale di Catanzaro n° 38 del 12.04.1995

In inglese


Home
Info
Autori
Biografie
Periodici
Cerca
Video
Link
Archivio
Lettere
Estinti
Gestionale
Articolo meno letto:
COMUNE DI BADOLATO Servizi Demografici – Ufficio Anagrafe
Autore:Vincenzo Rudi     Data: 30/12/2020  
WebCam su badolato borgo

Inserisci email per essere aggio Inserisci email per essere aggiornato


 LINK Culturali su Badolato:

Storia di Badolato a partire dai 50 anni della parrocchia Santi Angeli custodi di Badolato Marina, i giovani di ieri si raccontano.
www.ricordando.net

Comune di Badolato, servizio per la ricerca e visione dei testi conservati nella biblioteca comunale di Badolato.
www.laradice.it/bibliotecabadolato

Archivio di foto di interesse artistico culturale e storico - chiunque può partecipare inviando foto, descrizione e dati dell'autore
www.laradice.it/archiviofoto

Per ricordare chi ci ha preceduto e fà parte della  nostra storia
www.laradice.it/estinti


ACCETTIAMO:
  • MATERIALE da pubblicare o da conservare;
  • NOTIZIE storiche e d'altro genere;
  • INDIRIZZI di Badolatesi che ancora non ricevono il giornale;
  • FOTOGRAFIE di qualche interesse;
  • SUGGERIMENTI, che terremo presenti;
  • CONTRIBUTI in denaro.

Visite:
Pagine richieste:
Utenti collegati:
dal 01/05/2004

Locations of visitors to this page

Data: 31/12/2021 - Anno: 27 - Numero: 3 - Pagina: 18 - INDIETRO - INDICE - AVANTI

UN ALTRO ROMANZO BADOLATESE (di Vittoria Leuzzi)

Letture: 115               AUTORE: Giovanna Durante (Altri articoli dell'autore)        

Nel leggere il libro di Vittoria Leuzzi, ci si trova subito immersi in un mondo ricco di storia,
leggende, ricordi e toccanti sentimenti: sono preziosi frammenti di vita che, nel bene o nel male,
hanno segnato fasi diverse di tutta una generazione. È il vissuto della gente di Badolato, antico
borgo medievale della Calabria ionica, quello evocato dalla
scrittrice, il mondo dove sono vissuti da protagonisti i suoi
antenati e dove in parte si è svolta la sua vita; un mondo di
cui bisogna preservare la memoria per trasmetterla alle future
generazioni, come perle di saggezza, poiché, come disse
opportunamente Carlo Levi, “Il futuro ha un cuore antico”.
Dai racconti smozzicati del vecchio questuante del
convento abbandonato del paese emerge un contesto non privo
di fatica, soprusi, sottomissioni e disuguaglianze sociali, ma
anche ricco di valori umani quali l’amore, la condivisione, la
solidarietà, e soprattutto la dignità e l’orgoglio di un popolo
che ha sempre lottato per rialzarsi e per migliorare la sua
condizione umana e sociale. C’è inoltre da notare come la
brava scrittrice percorra le vicende dei protagonisti del suo
romanzo con un coraggio ed una partecipazione emotiva che
suggerisce e impone riflessioni sulla vita di un mondo, quello
meridionale, intriso di rabbia e sconforto ma comunque rivolto
alla speranza ed alla voglia di riscatto e di giustizia.
Ogni pagina del libro “parla” per raccontare avvenimenti religiosi, familiari e sociali da cui si
evince la presenza di una comunità fortemente motivata dalla vita di gruppo; fatti realmente accaduti,
a volte romanzati come la contrastata storia d’amore di due giovani, Margarita e Vittorio, appartenenti
a due classi sociali diverse. Ogni vicoletto, ogni ruga, ogni chiesa o fontana narra una storia o una
leggenda che fa rinascere nella memoria l’eco di un passato pregno di antiche tradizioni, con i suoi
pregiudizi e una mentalità arretrata. E noi tutti sappiamo che, per quanto piccolo ed arretrato possa
essere il nostro paese, è sempre e comunque qualcosa di unico: è come un prezioso scrigno che
conserva la nostra esistenza e ne custodisce i ricordi.
Lo stile espressivo, complesso e del tutto personale, ha la capacità di affascinare il lettore, mentre
le espressioni dialettali arricchiscono il romanzo, riportando alla memoria termini, locuzioni e
proverbi ormai scomparsi.
È questo un libro che io ho letto con trasporto, e che suggerisco a chiunque voglia conoscere
un’avvincente pagina di narrativa, ma soprattutto a chi ama le proprie radici.


E-mail: info@laradice.it             Webmaster: www.giuseppecaporale.it               Segnalazione errori

Testi e materiale Copyright©
Associazione culturale La Radice
  www.laradice.it

Sviluppo e design Copyright©
Giuseppe Caporale
 www.giuseppecaporale.it

Tecnologie e software Copyright©
SISTEMIC di Giuseppe Caporale
 www.sistemic.it

Advertising e link support
by www.Golink.it

Golink www.Golink.it