Associazione culturale “La Radice”
Registrazione Tribunale di Catanzaro n° 38 del 12.04.1995

In inglese


Home Info Autori Biografie Autori  Elenco periodici Cerca Badolato Link

Archivio

Altro spazio Estinti Gestionale
Articolo meno letto:

Autore:     Data:  
WebCam su badolato borgo


 LINK Culturali su Badolato:

Storia di Badolato a partire dai 50 anni della parrocchia Santi Angeli custodi di Badolato Marina, i giovani di ieri si raccontano.
www.ricordando.net

Comune di Badolato, servizio per la ricerca e visione dei testi conservati nella biblioteca comunale di Badolato.
www.laradice.it/bibliotecabadolato

Archivio di foto di interesse artistico culturale e storico - chiunque può partecipare inviando foto, descrizione e dati dell'autore
www.laradice.it/archiviofoto

Per ricordare chi ci ha preceduto e fà parte della  nostra storia
www.laradice.it/estinti


ACCETTIAMO:
  • MATERIALE da pubblicare o da conservare;
  • NOTIZIE storiche e d'altro genere;
  • INDIRIZZI di Badolatesi che ancora non ricevono il giornale;
  • FOTOGRAFIE di qualche interesse;
  • SUGGERIMENTI, che terremo presenti;
  • CONTRIBUTI in denaro.

Visite:
Pagine richieste:
Utenti collegati:
dal 01/05/2004

Locations of visitors to this page

Data: 30/06/2004 - Anno: 10 - Numero: 2 - Pagina: 14 - INDIETRO - INDICE - AVANTI

I PAGGHJàRA

Letture: 1463               AUTORE: Tota Gallelli (Altri articoli dell'autore)        

Arrivava l’estate e molte famiglie scendevano al mare per quindici, venti giorni e anche un mese; alcune a luglio, ma le famiglie contadine preferivano agosto perché, finita la trebbiatura, non solo potevano pigliarsi il lusso di un po’ di riposo, ma i lavori di annaffiatura e della raccolta dei frutti cominciavano, in marina, proprio in agosto, in coincidenza, anche, con la maturazione della migliore qualità di pesche, che venivano vendute nella marina stessa, ed essendo sul posto il lavoro si sgravava del viaggio, a piedi, dal paese al mare e viceversa. Cominciavano i preparativi per la villeggiatura, si doveva anzitutto fare il pagliaio in spiaggia. Uomini e donne tagliavano canne e pali di sostegno, raccoglievano frasche e costruivano il pagliaio di uno o due vani a seconda delle famiglie. Fatto il pagliaio, le donne facevano il pane, i taralli con l’anice (i cururèhr1i d’ànnassi) e riempivano il cestone di altri alimenti, di qualche capo di biancheria e di qualche indumento, ciò che necessitava per almeno una settimana, e si scendeva al mare. Spesso la mattina i marinai tiravano le reti e le donne facevano le provviste del pesce sotto sale barattando con olio, vino e altri generi. Si cucinava all’aria aperta e si mangiava dentro il pagliaio, si dormiva sulla sabbia, un po’ scomodi ma freschi. Un po’ più distante alcuni facevano una capannuccia per il maiale costretti a portarlo dietro per cibarlo. La sera i ragazzini raccoglievano legna e quando era buio facevano i falò e si riunivano più famiglie, scherzavano, giocavano, cantavano, suonavano, raccontavano storie, indovinelli. Una villeggiatura semplice, serena che univa il lavoro allo svago.
noleggio lungo termine www.sistemic.it bed and breakfast soverato la villa

E-mail: info@laradice.it             Webmaster: www.giuseppecaporale.it               Segnalazione errori

Testi e materiale Copyright©
Associazione culturale La Radice
  www.laradice.it

Sviluppo e design Copyright©
Giuseppe Caporale
 www.giuseppecaporale.it

Tecnologie e software Copyright©
SISTEMIC di Giuseppe Caporale
 www.sistemic.it

Advertising e link support
by www.Golink.it

Golink www.Golink.it

noleggio lungo termine www.sistemic.it bed and breakfast soverato la villa www.sistemic.itwww.panificiopilato.itwww.panificiopilato.it