Associazione culturale “La Radice”
Registrazione Tribunale di Catanzaro n° 38 del 12.04.1995

In inglese


Home Info Autori Biografie Autori  Elenco periodici Cerca Badolato Link

Archivio

Altro spazio Estinti Gestionale
Articolo meno letto:
CALABRIA, INVASORI E INVASI.

Autore:Ulderico Nisticň     Data:31/12/2016  
WebCam su badolato borgo


 LINK Culturali su Badolato:

Storia di Badolato a partire dai 50 anni della parrocchia Santi Angeli custodi di Badolato Marina, i giovani di ieri si raccontano.
www.ricordando.net

Comune di Badolato, servizio per la ricerca e visione dei testi conservati nella biblioteca comunale di Badolato.
www.laradice.it/bibliotecabadolato

Archivio di foto di interesse artistico culturale e storico - chiunque può partecipare inviando foto, descrizione e dati dell'autore
www.laradice.it/archiviofoto

Per ricordare chi ci ha preceduto e fĂ  parte della  nostra storia
www.laradice.it/estinti


ACCETTIAMO:
  • MATERIALE da pubblicare o da conservare;
  • NOTIZIE storiche e d'altro genere;
  • INDIRIZZI di Badolatesi che ancora non ricevono il giornale;
  • FOTOGRAFIE di qualche interesse;
  • SUGGERIMENTI, che terremo presenti;
  • CONTRIBUTI in denaro.

Visite:
Pagine richieste:
Utenti collegati:
dal 01/05/2004

Locations of visitors to this page

Data: 30/06/2005 - Anno: 11 - Numero: 2 - Pagina: 11 - INDIETRO - INDICE - AVANTI

SCALO DEI PESCHETI

Letture: 1379               AUTORE: Vincenzo Squillacioti, Mario R. Gallelli (Altri articoli dell'autore)        

Chiunque conosca sia pure sommariamente la storia economica di Badolato sa che la sua marina produceva decine di migliaia di quintali di pesche pregiate (d’agosto) che finivano, quasi tutte, sui mercati e nei conservifici (es.: Cirio, Arrigoni) di Catania, di Palermo e di Napoli. Così sino alle alluvioni del 1951, poi altra storia. I laboriosi contadini badolatesi, uomini e donne, adulti giovani e bambini, raccoglievano le pesche nella piccola e ubertosa pianura della marina, e con gli asini o sulla testa le portavano ai centri di raccolta dislocati lungo la S.S. 106 e la ferrovia. Uno di tali centri era nei pressi della sorgente di Frascà, nella zona, all’incirca, ove ora si trova il negozio di ferro e cemento di Garretta (Scalo dei pescheti. Chissà perché dei pescheti e non delle pesche!) In tale centro acquistava pesche, e le pagava in giornata, a sera, Vincenzo Parretta detto Giosi, che aveva collaboratori in Ciccio Peronace, o in Bruno Naimo, o in Pasquale Piroso. Altro centro di raccolta, sempre di Vincenzo Parretta, era nei pressi del casello ferroviario di Cardàra. Acquistavano anche altri, ovviamente: Domenico De Rosi, Ciccio Pultrone, Salvatore Staiano. E i centri erano dislocati un po’ dappertutto: nel palazzo Paparo (oggi rivendita sali e tabacchi), nei pressi della stazione (oggi farmacia), a Rosàcina, al Lacco,… A portare via la pregiata merce centinaia di vagoni ferroviari, con 80/100 quintali ciascuno. C’è chi dice che sino a circa trent’anni fa in uno dei mercati alimentari di Catania resisteva ancora una tabella su cui c’era scritto: “Pesche di Badolato”.
SCALO DEI PESCHETI - Vincenzo Squillacioti, Mario R. Gallelli
noleggio lungo termine noleggio lungo termine www.panificiopilato.it www.sistemic.it bed and breakfast soverato la villa

E-mail: info@laradice.it             Webmaster: www.giuseppecaporale.it               Segnalazione errori

Testi e materiale Copyright©
Associazione culturale La Radice
  www.laradice.it

Sviluppo e design Copyright©
Giuseppe Caporale
 www.giuseppecaporale.it

Tecnologie e software Copyright©
SISTEMIC di Giuseppe Caporale
 www.sistemic.it

Advertising e link support
by www.Golink.it

Golink www.Golink.it

noleggio lungo termine noleggio lungo termine www.panificiopilato.it www.sistemic.it bed and breakfast soverato la villa www.sistemic.itwww.panificiopilato.itwww.panificiopilato.it