Associazione culturale “La Radice”
Registrazione Tribunale di Catanzaro n° 38 del 12.04.1995

In inglese


Home Info Autori Biografie Autori  Elenco periodici Cerca Badolato Link

Archivio

Altro spazio Estinti
Articolo meno letto:

Autore:     Data:  
WebCam su badolato borgo


 LINK Culturali su Badolato:

Storia di Badolato a partire dai 50 anni della parrocchia Santi Angeli custodi di Badolato Marina, i giovani di ieri si raccontano.
www.ricordando.net

Comune di Badolato, servizio per la ricerca e visione dei testi conservati nella biblioteca comunale di Badolato.
www.laradice.it/bibliotecabadolato

Archivio di foto di interesse artistico culturale e storico - chiunque può partecipare inviando foto, descrizione e dati dell'autore
www.laradice.it/archiviofoto

Per ricordare chi ci ha preceduto e fà parte della  nostra storia
www.laradice.it/estinti


ACCETTIAMO:
  • MATERIALE da pubblicare o da conservare;
  • NOTIZIE storiche e d'altro genere;
  • INDIRIZZI di Badolatesi che ancora non ricevono il giornale;
  • FOTOGRAFIE di qualche interesse;
  • SUGGERIMENTI, che terremo presenti;
  • CONTRIBUTI in denaro.

Visite:
Pagine richieste:
Utenti collegati:
dal 01/05/2004

Locations of visitors to this page

Data: 30/04/2014 - Anno: 20 - Numero: 1 - Pagina: 27 - INDIETRO - INDICE - AVANTI

DAL MARE DELLA LIGURIA AL MARE DELLA CALABRIA IONICA

Letture: 1345               AUTORE: Lello e Clara (Altri articoli dell'autore)        

Quell’anno dovevamo decidere se passare le solite due settimane di settembre in Sardegna, come facevamo da diversi anni con i nostri amici, o scendere da Franco che insistentemente ci invitava a venire a conoscere il paese di cui si era innamorato e dove aveva deciso di acquistare una casa. Decidiamo per la Calabria, anche spinti dalla curiosità per i racconti di Franco e i molti servizi che sia stampa che televisione, in quel periodo, facevano su Badolato per via dell’accoglienza ai Curdi. Così a settembre del 2000 ci mettiamo in viaggio e attraversando tutta l’Italia giungiamo a Badolato Marina; iniziamo a salire verso il Borgo e dopo la fatidica curva che apre agli occhi del viaggiatore la vista del paese, smettiamo di parlare e in una sorta di religioso silenzio continuiamo a salire guardando a volte il paese e a volte, volgendo lo sguardo sulla sinistra, veniamo catturati dalla vista di quelle incredibili colline argillose che si susseguono in tutta la loro bellezza. Conosciamo molto presto i nuovi amici di Franco (Daniela, Fernando, Mimmo, Albino, Giuseppe, Domenico) che allora facevano parte dell’Associazione Pro-Badolato (Associazione nata per sostenere l’accoglienza ai rifugiati) e che si davano un gran da fare a convincere chiunque passasse per Badolato ad acquistare una casa pensando che questo potesse portare a ripopolare e risanare il Borgo. Ci fu presto una serata passata insieme allegramente mangiando, bevendo e naturalmente cantando, conclusasi con la classica SERENATA ad una anzi a due giovani ragazze del paese che, per le modalità con cui si svolse, ci lasciò davvero interdetti (mi riferisco al fatto che dopo aver svegliato le persone che vivevano in quella casa e non solo, i destinatari della serenata praticamente dopo essersi rivestiti, allestiscono un piccolo rinfresco con ciò che hanno in casa e accolgono gli amici che sono venuti a fare la serenata nella loro casa). Durante la serata i ragazzi ci strapparono un appuntamento per il giorno dopo per vedere alcune case nel borgo, benché avessimo premesso che non avevamo alcuna intenzione di acquistare casa. Ahimè però, galeotta fu una terrazza, dove una volta arrivati dobbiamo aver pensato che di quella vista non avremmo voluto più fare a meno. Era quella la terrazza della casa o meglio delle case che pochi giorni dopo con una stretta di mano con il suocero del proprietario di una e con un incontro fantastico con il proprietario dell’altra (un meraviglioso prete in pensione, Don Andrea) abbiamo acquistato. Naturalmente il rientro a Genova e la comunicazione a tutti i familiari (figlia, sorelle e genitori compresi) non fu del tutto indolore, le recriminazioni furono molte, comprese quelle di tipo campanilistico, in particolare da parte del babbo che non poteva accettare come noi Pugliesi, potessimo preferire la Calabria alla Puglia per acquistare una seconda casa. Ma questa scelta dopo un po’ fu accettata grazie anche agli infiniti racconti sulla bellezza del paese, delle spiagge e della pace che in questo posto si poteva godere. Fu a tal punto accettata che esattamente un anno dopo, incuriosita da tutti i nostri racconti, mia sorella venne a fare qui una vacanza con un’amica e in quell’occasione decise di acquistare anche lei una casa che nel giro di pochissimo tempo rese vivibile e si trasferì portando con sé i nostri genitori, che ora riposano vicini nel cimitero che sovrasta il paese e guarda le colline e il mare. La ristrutturazione della casa è stata lunga e difficile, ma nel frattempo la frequentazione del paese era sempre più assidua, in particolare da parte di Lello che, essendo già in pensione, poteva seguire i lavori che con periodi di maggiore speditezza e altri di forte rallentamento terminarono nel 2010. In tutto questo tempo pian piano comincia a maturare in noi la decisione che questa sarebbe diventata la nostra residenza, qui avevamo trovato la giusta dimensione, una vita serena di condivisione con le poche persone rimaste a vivere nel Borgo e con quelle che nel Borgo sono venute a stare, alcune in maniera definitiva come noi e altri, tra cui molti stranieri, acquistando una casa non soltanto per quelle due settimane estive per andare al mare, ma cercando di venire appena possono, d’estate come in autunno o a primavera, e anche d’inverno. Tutte persone innamorate del paese, che stringono fra loro un’amicizia non da frequentazione occasionale ma da condivisione di esigenze e di stile di vita. Rimane un grande handicap: la lontananza da Genova, quindi dagli affetti, dalla nostra unica figlia e dal suo compagno, dalle altre sorelle, dagli amici di ieri, che sono tanti e che riusciamo a vedere molto poco anche se li portiamo sempre nel cuore. In vista delle prossime manifestazioni per il ventennale della rivista “La Radice”, una delle prime voci che abbiamo incontrato subito dopo il nostro arrivo in Badolato, è nata la voglia di fare una riflessione su questa nostra decisione, una di quelle che decisamente cambiano la vita, e a noi l’hanno decisamente cambiata. Ora mentre sto terminando di scrivere, sono seduta davanti ad una delle finestre che affacciano sulle colline e sul mare, che in questo momento è increspato e un grande arcobaleno si offre ai miei occhi, la luce e i colori sono splendidi… Anche questo è Badolato.
noleggio lungo termine noleggio lungo termine www.panificiopilato.it www.sistemic.it bed and breakfast soverato la villa

E-mail: info@laradice.it             Webmaster: www.giuseppecaporale.it               Segnalazione errori

Testi e materiale Copyright©
Associazione culturale La Radice
  www.laradice.it

Sviluppo e design Copyright©
Giuseppe Caporale
 www.giuseppecaporale.it

Tecnologie e software Copyright©
SISTEMIC di Giuseppe Caporale
 www.sistemic.it

Advertising e link support
by www.Golink.it

Golink www.Golink.it

noleggio lungo termine noleggio lungo termine www.panificiopilato.it www.sistemic.it bed and breakfast soverato la villa www.sistemic.itwww.panificiopilato.itwww.panificiopilato.it