Associazione culturale “La Radice”
Registrazione Tribunale di Catanzaro n° 38 del 12.04.1995

In inglese


Home Info Autori Biografie Autori  Elenco periodici Cerca Badolato Link

Archivio

Altro spazio Estinti Gestionale
Articolo meno letto:

Autore:     Data:  
WebCam su badolato borgo

Inserisci email per essere aggio Inserisci email per essere aggiornato


 LINK Culturali su Badolato:

Storia di Badolato a partire dai 50 anni della parrocchia Santi Angeli custodi di Badolato Marina, i giovani di ieri si raccontano.
www.ricordando.net

Comune di Badolato, servizio per la ricerca e visione dei testi conservati nella biblioteca comunale di Badolato.
www.laradice.it/bibliotecabadolato

Archivio di foto di interesse artistico culturale e storico - chiunque può partecipare inviando foto, descrizione e dati dell'autore
www.laradice.it/archiviofoto

Per ricordare chi ci ha preceduto e fà parte della  nostra storia
www.laradice.it/estinti


ACCETTIAMO:
  • MATERIALE da pubblicare o da conservare;
  • NOTIZIE storiche e d'altro genere;
  • INDIRIZZI di Badolatesi che ancora non ricevono il giornale;
  • FOTOGRAFIE di qualche interesse;
  • SUGGERIMENTI, che terremo presenti;
  • CONTRIBUTI in denaro.

Visite:
Pagine richieste:
Utenti collegati:
dal 01/05/2004

Locations of visitors to this page

Data: 30/11/1994 - Anno: 1 - Numero: 2 - Pagina: 14 - INDIETRO - INDICE - AVANTI

STOCCA E JUNGIA

Letture: 1674               AUTORE: Pasquale Frascà (Altri articoli dell'autore)        

"Stocca e jungia" è il nome badolatese dell' equiseto o coda cavallina, erbetta ritenuta insignificante che cresce spontanea anche da noi, prediligendo i terreni umidi, gli argini dei ruscelli e degli "acquari" per l'irrigazione. L'asino, appena intravede "a stocca e jungia', per abbuffarsene lascia persino la gramigna, di cui pure è molto ghiotto. Il suo istinto non sbaglia: l'umile piantina ha delle proprietà tanto notevoli quanto poco conosciute: purifica il sangue, pulisce la stomaco, il fegato e i reni. La sua principale proprietà è di arrestare le emorragie e di curare l'ulcera gastrica. ottima per gli anemici. I nostri contadini con la polpa facevano un cataplasma che applicavano sulle ferite dopo averle lavate con l'acqua ottenuta dalla stessa pianta. All'occorrenza si consiglia: far bollire in un litro d'acqua circa 100 grammi di "stocca e jungia" per circa 5 minuti; lasciare in infusione, e poi filtrare; addolcire con miele e bere il liquido ottenuto in 5 somministrazioni nell'arco della giornata.

E-mail: info@laradice.it             Webmaster: www.giuseppecaporale.it               Segnalazione errori

Testi e materiale Copyright©
Associazione culturale La Radice
  www.laradice.it

Sviluppo e design Copyright©
Giuseppe Caporale
 www.giuseppecaporale.it

Tecnologie e software Copyright©
SISTEMIC di Giuseppe Caporale
 www.sistemic.it

Advertising e link support
by www.Golink.it

Golink www.Golink.it