Associazione culturale “La Radice”
Registrazione Tribunale di Catanzaro n° 38 del 12.04.1995

In inglese


Home Info Autori Biografie Autori  Elenco periodici Cerca Badolato Link

Archivio

Altro spazio Estinti Gestionale
Articolo meno letto:

Autore:     Data:  
WebCam su badolato borgo

Inserisci email per essere aggio Inserisci email per essere aggiornato


 LINK Culturali su Badolato:

Storia di Badolato a partire dai 50 anni della parrocchia Santi Angeli custodi di Badolato Marina, i giovani di ieri si raccontano.
www.ricordando.net

Comune di Badolato, servizio per la ricerca e visione dei testi conservati nella biblioteca comunale di Badolato.
www.laradice.it/bibliotecabadolato

Archivio di foto di interesse artistico culturale e storico - chiunque può partecipare inviando foto, descrizione e dati dell'autore
www.laradice.it/archiviofoto

Per ricordare chi ci ha preceduto e fà parte della  nostra storia
www.laradice.it/estinti


ACCETTIAMO:
  • MATERIALE da pubblicare o da conservare;
  • NOTIZIE storiche e d'altro genere;
  • INDIRIZZI di Badolatesi che ancora non ricevono il giornale;
  • FOTOGRAFIE di qualche interesse;
  • SUGGERIMENTI, che terremo presenti;
  • CONTRIBUTI in denaro.

Visite:
Pagine richieste:
Utenti collegati:
dal 01/05/2004

Locations of visitors to this page

Data: 31/12/2002 - Anno: 8 - Numero: 4 - Pagina: 26 - INDIETRO - INDICE - AVANTI

“U STRUMBU”

Letture: 2508               AUTORE: Mario Ruggero Gallelli (Altri articoli dell'autore)        

Gran parte degli strumenti utilizzati dai ragazzi per divertirsi avevano alle spalle una storia. Alcuni venivano realizzati dagli stessi e la trafila, per la ricerca dei materiali, accresceva di molto il desiderio di possederlo. Per altri, di realizzazione pi complessa, ci si doveva affidare a persone esperte, ed allora imastru prontu ? no! torna domna! si sprecavano. Ci accadeva quasi sempre a chi sognava di possedere u strumbu. La sua modellatura non era facile e pertanto ci si doveva rivolgere allabilit di uno dei tanti falegnami operanti nel borgo di Badolato. Lo strumento, a forma di cono, con la base leggermente bombata, di diametro 7/8 cm, veniva abilmente tornito, rigorosamente, a mano, con raspa e carta vetrata, incavando poi il suo perimetro con cerchi a intervalli brevi e regolari, che partivano dal culmine fino a circa 2 cm dalla punta. Qui veniva inchiodata nattccia(una bulletta) del tipo applicato dagli scarpri (calzolai) ai tacchi degli scarponi, che, per la sua bombatura rigata, si differenziava da quelle usate per la pianta che erano di forma quadrata, appiattite, lisce e smussate ai quattro lati. Per lapplicazione al gioco necessitava fornirsi di una cordicella spessa tanto quanto erano profondi gli incavi realizzati lungo la circonferenza do strumbu. Si avvolgeva la cordicella intorno, partendo dalla punta verso lalto, tenendo la parte finale di essa attorcigliata fra le dita della mano con la quale veniva effettuato il lancio. Questo avveniva tenendo u strumbu con la parte concava rivolta verso il basso, e, prima che esso toccasse terra, con scaltrezza, si dava uno strappo allindietro; la brusca azione permetteva allo strumento, gi caricato di effetto rotatorio, di capovolgersi e toccare terra con la punta in gi iniziando i vorticosi giri a mo di trottola. Il tempo di durata era oggetto di scommessa e a volte di litigio fra i ragazzi che, per, superavano prontamente tali controversie, tanto era lentusiasmo e lorgoglio di possedere u strumbu.

E-mail: info@laradice.it             Webmaster: www.giuseppecaporale.it               Segnalazione errori

Testi e materiale Copyright©
Associazione culturale La Radice
  www.laradice.it

Sviluppo e design Copyright©
Giuseppe Caporale
 www.giuseppecaporale.it

Tecnologie e software Copyright©
SISTEMIC di Giuseppe Caporale
 www.sistemic.it

Advertising e link support
by www.Golink.it

Golink www.Golink.it