Associazione culturale “La Radice”
Registrazione Tribunale di Catanzaro n° 38 del 12.04.1995

In inglese


Home Info Autori Biografie Autori  Elenco periodici Cerca Badolato Link

Archivio

Altro spazio Estinti Gestionale
Articolo meno letto:

Autore:     Data:  
WebCam su badolato borgo

Inserisci email per essere aggio Inserisci email per essere aggiornato


 LINK Culturali su Badolato:

Storia di Badolato a partire dai 50 anni della parrocchia Santi Angeli custodi di Badolato Marina, i giovani di ieri si raccontano.
www.ricordando.net

Comune di Badolato, servizio per la ricerca e visione dei testi conservati nella biblioteca comunale di Badolato.
www.laradice.it/bibliotecabadolato

Archivio di foto di interesse artistico culturale e storico - chiunque può partecipare inviando foto, descrizione e dati dell'autore
www.laradice.it/archiviofoto

Per ricordare chi ci ha preceduto e fà parte della  nostra storia
www.laradice.it/estinti


ACCETTIAMO:
  • MATERIALE da pubblicare o da conservare;
  • NOTIZIE storiche e d'altro genere;
  • INDIRIZZI di Badolatesi che ancora non ricevono il giornale;
  • FOTOGRAFIE di qualche interesse;
  • SUGGERIMENTI, che terremo presenti;
  • CONTRIBUTI in denaro.

Visite:
Pagine richieste:
Utenti collegati:
dal 01/05/2004

Locations of visitors to this page

Data: 31/03/2003 - Anno: 9 - Numero: 1 - Pagina: 28 - INDIETRO - INDICE - AVANTI

U JO-JҔ

Letture: 1552               AUTORE: Mario Ruggero Gallelli (Altri articoli dell'autore)        

I ragazzi di oggi, accovacciati qua e là nelle piazze o nei cantucci appartati delle proprie case e con il cellulare a portata di mano, affondano la loro attenzione negli SMS e nei giochi sempre più coinvolgenti che I TIM e altri offrono, al fine di carpire i loro ingenui pensieri. Il cellulare, appunto, avendo ormai sostituito vecchi e nuovi giochi, parrebbe ora voler offuscare ogni ricordo. Noi per non dimenticare vogliamo qui esaltare il vecchio caro “jo-jò”, uno dei più semplici e umili strumenti utilizzati per giocare. Da due pezzetti di tavola, spesso riciclati dalle cassette che contenevano “l’arènghi” (le aringhe), venivano ricavate due rotelline di 5 cm di diametro, ben rotonde e altrettanto ben levigate. Al centro di esse veniva praticato un piccolo foro dove s’inseriva un pezzetto di legno, facendo in modo che le due rotelle restassero incastrate e bloccate ad una distanza di 2-3 mm l’una dall’altra. Al legnetto, che fungeva da asse centrale, veniva annodato e avvolto uno spago lungo 60-70 cm, mentre l’altro capo rimaneva ben serrato fra le dita della mano che manteneva le rotelline. Liberando la presa, queste tendevano, con moderata velocità, a cadere fermandosi solo al termine del percorso obbligato dalla lunghezza dello spago. La brusca interruzione e lo scaltro contraccolpo dato dal giocatore, facevano sì che lo spago, come per magia, si riavvolgesse intorno allo stesso asse. Iniziava, così, il ritmato su e giù del “jo-jò”, per il passatempo e la gioia dei bambini.

E-mail: info@laradice.it             Webmaster: www.giuseppecaporale.it               Segnalazione errori

Testi e materiale Copyright©
Associazione culturale La Radice
  www.laradice.it

Sviluppo e design Copyright©
Giuseppe Caporale
 www.giuseppecaporale.it

Tecnologie e software Copyright©
SISTEMIC di Giuseppe Caporale
 www.sistemic.it

Advertising e link support
by www.Golink.it

Golink www.Golink.it