Associazione culturale “La Radice”
Registrazione Tribunale di Catanzaro n° 38 del 12.04.1995

In inglese


HomeInfoAutoriBiografiePeriodiciCercaVideoLinkArchivioAltro spazioEstintiGestionale
Articolo meno letto:
GRATIFICAZIONI
Autore:Direzione     Data: 31/12/2013  
WebCam su badolato borgo

Inserisci email per essere aggio Inserisci email per essere aggiornato


 LINK Culturali su Badolato:

Storia di Badolato a partire dai 50 anni della parrocchia Santi Angeli custodi di Badolato Marina, i giovani di ieri si raccontano.
www.ricordando.net

Comune di Badolato, servizio per la ricerca e visione dei testi conservati nella biblioteca comunale di Badolato.
www.laradice.it/bibliotecabadolato

Archivio di foto di interesse artistico culturale e storico - chiunque può partecipare inviando foto, descrizione e dati dell'autore
www.laradice.it/archiviofoto

Per ricordare chi ci ha preceduto e fà parte della  nostra storia
www.laradice.it/estinti


ACCETTIAMO:
  • MATERIALE da pubblicare o da conservare;
  • NOTIZIE storiche e d'altro genere;
  • INDIRIZZI di Badolatesi che ancora non ricevono il giornale;
  • FOTOGRAFIE di qualche interesse;
  • SUGGERIMENTI, che terremo presenti;
  • CONTRIBUTI in denaro.

Visite:
Pagine richieste:
Utenti collegati:
dal 01/05/2004

Locations of visitors to this page

Data: 31/12/2003 - Anno: 9 - Numero: 4 - Pagina: 29 - INDIETRO - INDICE - AVANTI

i stimatùri

Letture: 148               AUTORE: Tota Gallelli (Altri articoli dell'autore)        

Erano ancora i primi giorni d’autunno quando gruppetti di persone con passo lento e pesante, qualcuno con la giacca sulle spalle, giravano per i campi di uliveti guardando di qua e di là le ancora verdi olive e andavano avanti così per tutto il giorno da un campo all’altro, mentre qualcuno di loro annotava sul quaderno il nome del fondo e la quantità dell’olive stimata.
La stima era fatta in due modi: quella aperta e quella chiusa. L’una veniva fatta apertamente e si fittava sul campo ai coloni o ad altri interessati che li seguivano, se la stima era conveniente; l’altra doveva conoscerla prima il padrone, la sera si portava il quaderno e poi lui fittava a modo suo, non certo meno della stima.
La sera e per tante sere file di persone stavano lì davanti i portoni padronali per poter pigliare in fitto le olive o per fare il contratto, nel caso della stima aperta.
Succedeva, nel caso della stima aperta, che le olive non le voleva nessuno perché erano care; il padrone costringeva allora lo stimatore a pigliarsele lui, male aveva fatto a non stimarle bene. “Cu’ fa’ ped’ihr!u fa’”, dice un proverbio badolatese.



E-mail: info@laradice.it             Webmaster: www.giuseppecaporale.it               Segnalazione errori

Testi e materiale Copyright©
Associazione culturale La Radice
  www.laradice.it

Sviluppo e design Copyright©
Giuseppe Caporale
 www.giuseppecaporale.it

Tecnologie e software Copyright©
SISTEMIC di Giuseppe Caporale
 www.sistemic.it

Advertising e link support
by www.Golink.it

Golink www.Golink.it