Associazione culturale “La Radice”
Registrazione Tribunale di Catanzaro n° 38 del 12.04.1995

In inglese


HomeHomeInfoAutoriBiografie AutoriElenco periodiciCercaVideoBadolato LinkArchivioAltro spazioEstintiGestionale
Articolo meno letto:

Autore:     Data:  
WebCam su badolato borgo

Inserisci email per essere aggio Inserisci email per essere aggiornato


 LINK Culturali su Badolato:

Storia di Badolato a partire dai 50 anni della parrocchia Santi Angeli custodi di Badolato Marina, i giovani di ieri si raccontano.
www.ricordando.net

Comune di Badolato, servizio per la ricerca e visione dei testi conservati nella biblioteca comunale di Badolato.
www.laradice.it/bibliotecabadolato

Archivio di foto di interesse artistico culturale e storico - chiunque può partecipare inviando foto, descrizione e dati dell'autore
www.laradice.it/archiviofoto

Per ricordare chi ci ha preceduto e fà parte della  nostra storia
www.laradice.it/estinti


ACCETTIAMO:
  • MATERIALE da pubblicare o da conservare;
  • NOTIZIE storiche e d'altro genere;
  • INDIRIZZI di Badolatesi che ancora non ricevono il giornale;
  • FOTOGRAFIE di qualche interesse;
  • SUGGERIMENTI, che terremo presenti;
  • CONTRIBUTI in denaro.

Visite:
Pagine richieste:
Utenti collegati:
dal 01/05/2004

Locations of visitors to this page

Data: 31/12/2003 - Anno: 9 - Numero: 4 - Pagina: 34 - INDIETRO - INDICE - AVANTI

PANA ’E VILàNZA NON LINCHJA PANZA

Letture: 1818               AUTORE: Giovanna Durante (Altri articoli dell'autore)        

(Il pane comprato a peso non riempie la pancia) Tale proverbio nato nelle campagne tra gente umile e laboriosa in un periodo storico dominato da uneconomia prettamente rurale. I contadini, malgrado le tecniche agricole e gli attrezzi piuttosto rudimentali, cercavano di sfruttare al meglio le risorse della terra e le massaie utilizzavano i prodotti ricavandone abbondanti provviste. Le famiglie, quasi tutte numerose, erano generalmente autosufficienti per ci che concerneva granaglie, legumi, olio, vino, frutta e verdura; ma quando si verificavano annate di carestia o di scarsa produzione, i disagi erano rilevanti e la lotta per la sopravvivenza pi evidente. Si era in un periodo in cui la moneta circolava ben poco, i proventi dei prodotti agricoli erano scarsi e gli esigui risparmi dellannata precedente non consentivano sonni tranquilli, specie se si era costretti a ricorrere al bottegaio anche per generi di prima necessit. In queste circostanze si constatava quanto fosse apprezzabile in quantit, oltre che in qualit, il consumo della roba casereccia che solitamente riempiva il famoso cascini e quanto, al contrario, risultasse scarso ci che passava sulla bilancia del commerciante. In particolare, per quel che concerne il pane, le massaie solevano panificare in casa, settimanalmente o anche pi volte la settimana; e le sfornate dal cocipna (forno a legna) erano tali da soddisfare pienamente le esigenze nutrizionali di tutta la famiglia. Non dimentichiamo che un tempo il pane rappresentava lelemento principale di ogni pasto giornaliero consumato in casa o in campagna. Quando la materia prima, ossia il grano necessario alla panificazione veniva a mancare, occorreva rifornirsi di pane presso il fornaio del paese; in tal caso il risparmio era dobbligo e nella famiglia, grandi e piccini soffrivano per limprovvisa ristrettezza: non riuscivano a saziarsi col pane da vilnza, comprato a peso nella quantit strettamente indispensabile o addirittura razionato, come si verific nel periodo bellico (pana cu a tssara). Oggi le innumerevoli qualit di pane in commercio sostituiscono il vecchio pana e casa che rimarr nel nostro ricordo come qualcosa di raro e prelibato, sia per le sue caratteristiche di bont e genuinit ma anche per il suo inconfondibile sapore dinfanzia.

E-mail: info@laradice.it             Webmaster: www.giuseppecaporale.it               Segnalazione errori

Testi e materiale Copyright©
Associazione culturale La Radice
  www.laradice.it

Sviluppo e design Copyright©
Giuseppe Caporale
 www.giuseppecaporale.it

Tecnologie e software Copyright©
SISTEMIC di Giuseppe Caporale
 www.sistemic.it

Advertising e link support
by www.Golink.it

Golink www.Golink.it