Associazione culturale “La Radice”
Registrazione Tribunale di Catanzaro n° 38 del 12.04.1995

In inglese


Home Info Autori Biografie Autori  Elenco periodici Cerca Badolato Link

Archivio

Altro spazio Estinti Gestionale
Articolo meno letto:

Autore:     Data:  
WebCam su badolato borgo

Inserisci email per essere aggio Inserisci email per essere aggiornato


 LINK Culturali su Badolato:

Storia di Badolato a partire dai 50 anni della parrocchia Santi Angeli custodi di Badolato Marina, i giovani di ieri si raccontano.
www.ricordando.net

Comune di Badolato, servizio per la ricerca e visione dei testi conservati nella biblioteca comunale di Badolato.
www.laradice.it/bibliotecabadolato

Archivio di foto di interesse artistico culturale e storico - chiunque può partecipare inviando foto, descrizione e dati dell'autore
www.laradice.it/archiviofoto

Per ricordare chi ci ha preceduto e fà parte della  nostra storia
www.laradice.it/estinti


ACCETTIAMO:
  • MATERIALE da pubblicare o da conservare;
  • NOTIZIE storiche e d'altro genere;
  • INDIRIZZI di Badolatesi che ancora non ricevono il giornale;
  • FOTOGRAFIE di qualche interesse;
  • SUGGERIMENTI, che terremo presenti;
  • CONTRIBUTI in denaro.

Visite:
Pagine richieste:
Utenti collegati:
dal 01/05/2004

Locations of visitors to this page

Data: 30/09/2005 - Anno: 11 - Numero: 3 - Pagina: 18 - INDIETRO - INDICE - AVANTI

U TRìVOLU

Letture: 1546               AUTORE: Tota Gallelli (Altri articoli dell'autore)        

è naturale che la morte di una persona cara provochi grande dolore che si manifesta in afflizione e pianto. Un pianto che tempo fa, non solo non veniva contenuto, ma esplodeva in scene di disperazione; si piangeva raccontando i momenti più significativi dei rapporti con l’estinto quando era in vita, dell’affetto che lo legava alla famiglia, mentre gli amici più stretti, commossi, consolavano i piangenti. Se si trattava della morte del marito, la moglie si scioglieva le trecce, e piangendo ogni tanto si strappava un ciuffo di capelli e li deponeva nella bara, dimostrando così a tutti il suo grande dolore: poi ognuno fuori commentava. Quando, invece, moriva la moglie, il marito di solito non piangeva. Se capitava che piangesse, e poi nel giro di pochi mesi si trovasse la fidanzata, come spesso avveniva, le donne del vicinato commentavano: “Questo era quello che piangeva!” E l’altra: “Non ha perso tempo a consolarsi!” E se la futura moglie abitava sulla via che portava in chiesa o al cimitero dicevano: “Di sicuro gli sarà venuta in mente al ritorno dal funerale. E l’altra ancora: “Di certo non avrà dormito la notte!” Ma c’era sempre qualcuno che aveva una parola buona: “Prima o poi doveva farlo, meglio prima che poi.” “U trìvolu”, però, consisteva nel lamento di donne, amiche conoscenti o vicine di casa che raccontavano episodi della vita trascorsa a stretto contatto col morto, della loro amicizia, del rispetto reciproco; quando finiva una iniziava un’altra; durante questi momenti i familiari dovevano smettere di piangere per permettere ai presenti di ascoltare: il racconto lamentoso di questi ricordi onorava la memoria del defunto; e chi gli faceva “trìvolu” era come se gli offrisse una corona di fiori; non fiori, dunque, ma “u trìvolu”. Da tempo “u trìvolu” è scomparso, e a poco a poco nemmeno scene tragiche si fanno più, son cambiati i tempi, è cambiata la mentalità delle persone, certo non è cambiato il sentimento del dolore per la perdita di una persona cara, ma senza rimembranza alcuna, senza una parola, senza una lacrima.

E-mail: info@laradice.it             Webmaster: www.giuseppecaporale.it               Segnalazione errori

Testi e materiale Copyright©
Associazione culturale La Radice
  www.laradice.it

Sviluppo e design Copyright©
Giuseppe Caporale
 www.giuseppecaporale.it

Tecnologie e software Copyright©
SISTEMIC di Giuseppe Caporale
 www.sistemic.it

Advertising e link support
by www.Golink.it

Golink www.Golink.it