Associazione culturale “La Radice”
Registrazione Tribunale di Catanzaro n° 38 del 12.04.1995

In inglese


Home Info Autori Biografie Autori  Elenco periodici Cerca Badolato Link

Archivio

Altro spazio Estinti Gestionale
Articolo meno letto:

Autore:     Data:  
WebCam su badolato borgo

Inserisci email per essere aggio Inserisci email per essere aggiornato


 LINK Culturali su Badolato:

Storia di Badolato a partire dai 50 anni della parrocchia Santi Angeli custodi di Badolato Marina, i giovani di ieri si raccontano.
www.ricordando.net

Comune di Badolato, servizio per la ricerca e visione dei testi conservati nella biblioteca comunale di Badolato.
www.laradice.it/bibliotecabadolato

Archivio di foto di interesse artistico culturale e storico - chiunque può partecipare inviando foto, descrizione e dati dell'autore
www.laradice.it/archiviofoto

Per ricordare chi ci ha preceduto e fà parte della  nostra storia
www.laradice.it/estinti


ACCETTIAMO:
  • MATERIALE da pubblicare o da conservare;
  • NOTIZIE storiche e d'altro genere;
  • INDIRIZZI di Badolatesi che ancora non ricevono il giornale;
  • FOTOGRAFIE di qualche interesse;
  • SUGGERIMENTI, che terremo presenti;
  • CONTRIBUTI in denaro.

Visite:
Pagine richieste:
Utenti collegati:
dal 01/05/2004

Locations of visitors to this page

Data: 31/03/2006 - Anno: 12 - Numero: 1 - Pagina: 14 - INDIETRO - INDICE - AVANTI

SOFTWARE OPENSOURCE

Letture: 1599               AUTORE: Marina Gervasi (Altri articoli dell'autore)        

Talvolta, riteniamo che gli Istituti del nostro circondario, a causa delle esigue risorse, limitino le attivit alla spiegazione dei programmi delle singole discipline ed elaborino solo Progetti di facile soluzione. Al contrario, allinizio dellanno, sono stati presentati dei Progetti alquanto interessanti e in fase di elaborazione, sia presso lI.T.G. G. Malafarina di Satriano, che nella sede associata, IPSIA di S. Andrea, scuole dove si registra una numerosa presenza di allievi Badolatesi e che hanno destato molto interesse. Particolare rilevanza, ha avuto il Progetto, presentato dallIng. Franco Babbo, docente presso lIPSIA di S. Andrea, dal titolo Software opensource, che riguarda il miglioramento della fruizione dei pc connessi in rete. Loriginalit del contenuto e la finalit del Progetto, mi hanno indotta ad intervistare il curatore del Progetto, Ing. Franco Babbo, per meglio approfondirne i contenuti generali, sicura di fare cosa gradita a quanti sono interessati a tale iniziativa. Ecco, di seguito lintervista: In cosa consiste questo progetto? In linea con le direttive ministeriali, si vuole introdurre concretamente il software libero e la filosofia opensource nel nostro istituto migliorando, nel contempo, in maniera sensibile la fruizione dei pc connessi in rete. Nellistituto di S.Andrea, in particolare, stiamo sperimentando lottimizzazione ed il monitoraggio della navigazione in Internet da parte degli studenti. Cos il software opensource e perch si deciso di usarlo? linsieme dei sistemi operativi e programmi liberamente modificabili, ridistribuibili e totalmente gratuiti. Facendone uso possibile abbattere i costi legati alle licenze. Il Ministero ne incoraggia ormai da diverso tempo ladozione. Perch si rende necessario il controllo della navigazione nelle scuole? La navigazione incontrollata, spesso diretta verso siti dai contenuti tuttaltro che edificanti, induce la comparsa di ogni sorta di software maligno. Oltre a contrapporsi al discorso etico e formativo questa sconsiderata pratica genera quindi vari problemi quali comparsa di home page oscene persistenti, malfunzionamenti pi o meno prolungati, compromissione della privacy, della sicurezza in rete e molto altro. Come vengono effettuati navigazione e monitoraggio? Un pc del laboratorio stato recuperato e su questo stato installato Linux come sistema operativo. Tale computer funge da proxy server grazie ad un software (squid) atto al filtraggio, al monitoraggio ed allottimizzazione delle connessioni ad Internet. Per ridurre al minimo lincidenza di virus, stato inoltre installato, su tutti i pc del laboratorio, oltre al preesistente Windows, anche Linux, incoraggiandone luso da parte degli studenti. La connessione avviene tramite un nome utente ed una password personali. Quali sono i risultati ottenuti? Lidea di responsabilizzare gli studenti con luso di una password ha dato subito ottimi risultati. Nel giro di due settimane stata azzerata totalmente la navigazione presso siti diciamo cos diseducativi e lincidenza di software maligno ormai trascurabile. Ma, soprattutto, gli studenti hanno potuto apprendere luso di un sistema operativo sempre pi in uso e conoscere la nuova filosofia opensource contrapposta al ben noto copyright. In Italia sono molti gli istituti che adottano software libero nei propri laboratori informatici? La percentuale sul totale degli istituti non molto elevata e comprende, nella maggior parte dei casi, scuole a carattere tecnico. Tuttavia lazione di sensibilizzazione del ministero, come dimostra ad esempio il monitoraggio sulle I.C.T. nelle scuole da parte dellO.T.E. (Osservatorio Tecnologico Europeo www.osservatoriotecnologico.net), sta generando una decisa crescita di questa pratica. Sono da segnalare, inoltre, molti interessanti casi, anche di scuole primarie, in cui si sta facendo uso di software opensource di tipo didattico per linsegnamento ai bambini. Ci sono altri progetti per il futuro? Stiamo sperimentando ladozione di un software alternativo ai classici sussidi didattici a pagamento usati per le presentazioni in rete ed entro un paio di mesi avremo anche perfezionato un domain controller per regolamentare gli accessi alla rete locale. Il prossimo anno vorrei dotare la scuola di un web server su cui pubblicare il sito Internet dellistituto ed una piattaforma per le-learning molto efficiente che ho avuto modo di sperimentare in altri contesti. Naturalmente tutto rigorosamente opensource.

E-mail: info@laradice.it             Webmaster: www.giuseppecaporale.it               Segnalazione errori

Testi e materiale Copyright©
Associazione culturale La Radice
  www.laradice.it

Sviluppo e design Copyright©
Giuseppe Caporale
 www.giuseppecaporale.it

Tecnologie e software Copyright©
SISTEMIC di Giuseppe Caporale
 www.sistemic.it

Advertising e link support
by www.Golink.it

Golink www.Golink.it