Associazione culturale “La Radice”
Registrazione Tribunale di Catanzaro n° 38 del 12.04.1995

In inglese


Home Info Autori Biografie Autori  Elenco periodici Cerca Badolato Link

Archivio

Altro spazio Estinti Gestionale
Articolo meno letto:

Autore:     Data:  
WebCam su badolato borgo

Inserisci email per essere aggio Inserisci email per essere aggiornato


 LINK Culturali su Badolato:

Storia di Badolato a partire dai 50 anni della parrocchia Santi Angeli custodi di Badolato Marina, i giovani di ieri si raccontano.
www.ricordando.net

Comune di Badolato, servizio per la ricerca e visione dei testi conservati nella biblioteca comunale di Badolato.
www.laradice.it/bibliotecabadolato

Archivio di foto di interesse artistico culturale e storico - chiunque può partecipare inviando foto, descrizione e dati dell'autore
www.laradice.it/archiviofoto

Per ricordare chi ci ha preceduto e fà parte della  nostra storia
www.laradice.it/estinti


ACCETTIAMO:
  • MATERIALE da pubblicare o da conservare;
  • NOTIZIE storiche e d'altro genere;
  • INDIRIZZI di Badolatesi che ancora non ricevono il giornale;
  • FOTOGRAFIE di qualche interesse;
  • SUGGERIMENTI, che terremo presenti;
  • CONTRIBUTI in denaro.

Visite:
Pagine richieste:
Utenti collegati:
dal 01/05/2004

Locations of visitors to this page

Data: 31/03/2006 - Anno: 12 - Numero: 1 - Pagina: 48 - INDIETRO - INDICE - AVANTI

AHR!’ACCHJAPPAFÈRRU

Letture: 1471               AUTORE: Mario Ruggero Gallelli (Altri articoli dell'autore)        

La semplicità e l’inventiva caratterizzavano i giochi dei bambini di una volta: un oggetto misero poteva persino essere fonte creativa di divertimento sano e formativo. Da questa prerogativa, si può dire, sia scaturito il gioco “Acchjappafèrru”, che per la sua dinamicità potrebbe, ancora oggi, affascinare quei bambini sedentari e ammaliati dai passatempi ad alta tecnologia. Si sorteggiava fra i partecipanti colui che doveva fare da cacciatore, mentre tutti gli altri si sguinzagliavano nei vicoli della “ruga” in cerca di un qualsiasi oggetto di ferro a cui aggrapparsi. Poteva essere uno dei tanti anelli fissati davanti i “catòja” dove si legavano gli asini o i muli, uno dei chiodi piramidali che ornavano i grandi portoni dei maestosi portali, un battiporta, ecc. L’oggetto individuato veniva afferrato diventando così un porto sicuro. Ma non per molto tempo: era possibile, infatti, rimanere attaccati alla presa qualche secondo per passare obbligatoriamente ad un altro oggetto anch’esso ferroso. Se nel lasso di tempo fra una presa e l’altra, non protetti dal ferro, si veniva toccati dal cacciatore, i ruoli venivano invertiti e da preda si diventava inseguitore. La dinamicità del gioco imponeva, appunto, prontezza decisionale nell’individuare il momento propizio per abbandonare una postazione così da “acchiappare” il ferro successivo.

E-mail: info@laradice.it             Webmaster: www.giuseppecaporale.it               Segnalazione errori

Testi e materiale Copyright©
Associazione culturale La Radice
  www.laradice.it

Sviluppo e design Copyright©
Giuseppe Caporale
 www.giuseppecaporale.it

Tecnologie e software Copyright©
SISTEMIC di Giuseppe Caporale
 www.sistemic.it

Advertising e link support
by www.Golink.it

Golink www.Golink.it