Associazione culturale “La Radice”
Registrazione Tribunale di Catanzaro n° 38 del 12.04.1995

In inglese


Home
Info
Autori
Biografie
Periodici
Cerca
Video
Link
Archivio
Lettere
Estinti
Gestionale
Articolo meno letto:
LETTERE
Autore:Vincenzo Squillacioti     Data: 30/12/2020  
WebCam su badolato borgo

Inserisci email per essere aggio Inserisci email per essere aggiornato


 LINK Culturali su Badolato:

Storia di Badolato a partire dai 50 anni della parrocchia Santi Angeli custodi di Badolato Marina, i giovani di ieri si raccontano.
www.ricordando.net

Comune di Badolato, servizio per la ricerca e visione dei testi conservati nella biblioteca comunale di Badolato.
www.laradice.it/bibliotecabadolato

Archivio di foto di interesse artistico culturale e storico - chiunque può partecipare inviando foto, descrizione e dati dell'autore
www.laradice.it/archiviofoto

Per ricordare chi ci ha preceduto e fà parte della  nostra storia
www.laradice.it/estinti


ACCETTIAMO:
  • MATERIALE da pubblicare o da conservare;
  • NOTIZIE storiche e d'altro genere;
  • INDIRIZZI di Badolatesi che ancora non ricevono il giornale;
  • FOTOGRAFIE di qualche interesse;
  • SUGGERIMENTI, che terremo presenti;
  • CONTRIBUTI in denaro.

Visite:
Pagine richieste:
Utenti collegati:
dal 01/05/2004

Locations of visitors to this page

Data: 30/06/2006 - Anno: 12 - Numero: 2 - Pagina: 38 - INDIETRO - INDICE - AVANTI

U LAVATU

Letture: 753               AUTORE: Caterina Guarna (Altri articoli dell'autore)        

Se lo passavano di casa in casa le donne della ruga .
U lavtu era un impasto di pasta acida che lultima che aveva fatto il pane conservava in un piccolo recipiente di terracotta, dai bordi molto alti. Era la base da cui si partiva per fare il primo impasto che la sera prima si preparava, e si lasciava poi tutta la notte a lievitare. Poi al mattino si versava nella majhr!a, aggiungendo ancora via via farina e acqua e le mani veloci, a pugno, mescolavano, battevano, rigiravano la pasta morbida che man mano cresceva. Quindi si preparavano le forme di pane che si lasciavano ancora a lievitare nelle cerngghje, sotto una coperta. E intanto si accendeva il fuoco nel cocipna, che non mancava quasi in nessuna casa, e in cui la legna ardeva, fino a far diventare bianca la volta.
Era il momento di infornare. Dopo unora il profumo di pane fresco e fragrante si diffondeva per la casa e per tutta la ruga. Le grandi forme venivano estratte dal forno e conservate e duravano giorni e giorni. Una di esse veniva aperta subito per fare u pagnccu, da mangiare subito, con un misto di olive, alici sottolio, pomodori e origano, la versione paesana della pizza, dal sapore squisito.
Poi era il momento di infornare i curuhr!hr!i, delizia di noi bambini.
Questo, come tanti altri, era compito esclusivo delle donne, infaticabili e insostituibili pilastri delleconomia familiare: bisogner pur scriverlo una volta o laltra un libro dedicato alle fatiche delle donne che tra un parto e laltro andavano e venivano dalla campagna trasportando gli enormi gistni sul capo, si recavano alla fiumara a lavare i panni, tessevano, preparavano tutte le provviste da conservare per linverno e per i tempi pi magri.
Ricordando questo rito legato alla mia infanzia ho voluto riprendere a fare il pane a casa mia, in Toscana, come lo facevano la nonna e le zie, perch questa sapienza antica non si perdesse e per tramandarla alle figlie e alle nipoti: mi sono procurata u lav`88tu che ora, in mancanza di vicine con cui scambiarlo, conservo in frigorifero rinnovandolo ogni volta che faccio il pane secondo lusanza della nonna e quando le grandi forme escono fragranti dal forno fatto costruire apposta in giardino, il suo profumo mi riporta alla mia infanzia.

(1) E perch no?! Lamica professoressa Caterina Guarna lo scriva, il libro, e La Radice ne programmer la pubblicazione (ndd).


E-mail: info@laradice.it             Webmaster: www.giuseppecaporale.it               Segnalazione errori

Testi e materiale Copyright©
Associazione culturale La Radice
  www.laradice.it

Sviluppo e design Copyright©
Giuseppe Caporale
 www.giuseppecaporale.it

Tecnologie e software Copyright©
SISTEMIC di Giuseppe Caporale
 www.sistemic.it

Advertising e link support
by www.Golink.it

Golink www.Golink.it