Associazione culturale “La Radice”
Registrazione Tribunale di Catanzaro n° 38 del 12.04.1995

In inglese


Home Info Autori Biografie Autori  Elenco periodici Cerca Badolato Link

Archivio

Altro spazio Estinti Gestionale
Articolo meno letto:

Autore:     Data:  
WebCam su badolato borgo

Inserisci email per essere aggio Inserisci email per essere aggiornato


 LINK Culturali su Badolato:

Storia di Badolato a partire dai 50 anni della parrocchia Santi Angeli custodi di Badolato Marina, i giovani di ieri si raccontano.
www.ricordando.net

Comune di Badolato, servizio per la ricerca e visione dei testi conservati nella biblioteca comunale di Badolato.
www.laradice.it/bibliotecabadolato

Archivio di foto di interesse artistico culturale e storico - chiunque può partecipare inviando foto, descrizione e dati dell'autore
www.laradice.it/archiviofoto

Per ricordare chi ci ha preceduto e fà parte della  nostra storia
www.laradice.it/estinti


ACCETTIAMO:
  • MATERIALE da pubblicare o da conservare;
  • NOTIZIE storiche e d'altro genere;
  • INDIRIZZI di Badolatesi che ancora non ricevono il giornale;
  • FOTOGRAFIE di qualche interesse;
  • SUGGERIMENTI, che terremo presenti;
  • CONTRIBUTI in denaro.

Visite:
Pagine richieste:
Utenti collegati:
dal 01/05/2004

Locations of visitors to this page

Data: 31/08/2008 - Anno: 14 - Numero: 2 - Pagina: 10 - INDIETRO - INDICE - AVANTI

CHE COSA E' LA GIUSTIZIA?

Letture: 1752               AUTORE: Gianni Pitingolo (Altri articoli dell'autore)        

Agli inizi degli anni settanta il mio secondogenito che frequentava la terza classe elementare un giorno mentre eravamo a tavola mi chiese: Pap cos la giustizia? Una domanda a bruciapelo che mi fece allibire ed io con un certo imbarazzo, di rimando: Perch mi fai questa domanda? Perch a scuola e dovunque tutti parlano di giustizia. un grande valore -gli risposi- che consiste nel comportamento in base al quale si riconoscono e si rispettano i diritti altrui come si vuole che siano riconosciuti e rispettati i propri. A fine pranzo ho cercato di riflettere perch un bambino di otto anni mi ponesse una domanda del genere, ma, purtroppo, non sono riuscito a darmi una spiegazione. Oggi, a distanza di trentacinque anni mi torna a mente la domanda di mio figlio: che cosa la giustizia? Domanda da un milione di euro, alla quale avrebbe saputo rispondere soltanto il grande giurista milanese Cesare Beccaria, autore di Dei delitti e delle pene, vissuto nel diciottesimo secolo, il quale soleva affermare NON C PEGGIORE GIUSTIZIA DI QUELLA CHE ARRIVA IN RITARDO! Chiss cosa avrebbe detto, oggi, a distanza di duecentocinquanta anni? Oggi possiamo dire che la G qualcosa di cui tutti parlano, ma soltanto pochi hanno il coraggio di combattere perch si affermi e sia veramente rispettata. E pensare che per chi scrive, un uomo vicino al tramonto della sua esistenza, che ha quasi vissuto tutte le esperienze della vita, rappresenta il 4 comandamento, dopo la Salute (bene supremo), la Famiglia (focolare che teneva tutti) ed il LAVORO (che consente alluomo di realizzarsi e di vivere dignitosamente). Oggi la cronaca ricca di esempi di corruzioni, ruberie, assenteismo e scandali vari con la conseguenza che luomo, quasi per assuefazione, non si scandalizza pi di nulla e chi commette reati non prova vergogna di fronte al consorzio umano, anzi alla faccia del cittadino-elettore si candida ed il pi delle volte viene eletto e riesce ad occupare posti di responsabilit per amministrare. Da quasi mezzo secolo sono tanti gli UOMINI che governano il Paese allinsegna dello scialo pubblico e dellirresponsabilit fino a portarlo nelle sabbie mobili dalle quali non facile venire fuori. Strano il nostro Paese che registra il 91% dei reati impuniti, dove una causa civile si prolunga sino a 35 anni e dove, ormai, la sua crisi non interessa pi nessuno. Un vero record italiano, tuttaltro che invidiabile, mentre il cittadino comune ormai da decenni si domanda: colpa della magistratura-leggera che non riesce a garantire la certezza della pena o merito di una avvocatura- preparatissima che sa tutelare e difendere i diritti del cittadino-non-onesto? Lopinione pubblica costretta ad assistere impotente ad una giustizia morente perch ammalata da tempo ed al cui capezzale non si sono mai avvicendati grandi clinici in grado di curarla per tirarla fuori dalle secche dellinneficienza che disorienta il cittadino, crea sfiducia e provoca danni incalcolabili. Riteniamo che sia arrivato il momento di dire basta allo scialo pubblico, stop agli scandali; occorre invertire la rotta ed imboccare la strada di una giustizia pi giusta che tuteli gli onesti e punisca i disonesti. Il nostro auspicio che per rispetto ai giovani ed a quelli che verranno lattuale sistema cambi e riesca veramente a scrivere la parola FINE con un coraggioso PUNTO & A CAPO. Ci piace concludere con un frammento sulla giustizia composto dallo scalpellino serrese mastro Bruno Pelaggi che verso la fine del XIX secolo fece parte di una giuria popolare del regio tribunale di Catanzaro: Cu v mu stabiliscia la raggiuni / ava mu senta tutti li campani / sinn fa dundi vaddi, dundi vadduni / e la giustizia la jetta alli cani. // Unu ava mu superiori alli quistioni / nomu cundanna viatu li cristiani. / Di lu giustu nimica la passioni / e la supervia nun di jungia mani. // La causa la fa lu testimoni. / Di riestu pecch su li tribunali? / Ca lomini sugnu peju di nimali.

E-mail: info@laradice.it             Webmaster: www.giuseppecaporale.it               Segnalazione errori

Testi e materiale Copyright©
Associazione culturale La Radice
  www.laradice.it

Sviluppo e design Copyright©
Giuseppe Caporale
 www.giuseppecaporale.it

Tecnologie e software Copyright©
SISTEMIC di Giuseppe Caporale
 www.sistemic.it

Advertising e link support
by www.Golink.it

Golink www.Golink.it