Associazione culturale “La Radice”
Registrazione Tribunale di Catanzaro n° 38 del 12.04.1995

In inglese


Home Info Autori Biografie Autori  Elenco periodici Cerca Badolato Link

Archivio

Altro spazio Estinti Gestionale
Articolo meno letto:

Autore:     Data:  
WebCam su badolato borgo

Inserisci email per essere aggio Inserisci email per essere aggiornato


 LINK Culturali su Badolato:

Storia di Badolato a partire dai 50 anni della parrocchia Santi Angeli custodi di Badolato Marina, i giovani di ieri si raccontano.
www.ricordando.net

Comune di Badolato, servizio per la ricerca e visione dei testi conservati nella biblioteca comunale di Badolato.
www.laradice.it/bibliotecabadolato

Archivio di foto di interesse artistico culturale e storico - chiunque può partecipare inviando foto, descrizione e dati dell'autore
www.laradice.it/archiviofoto

Per ricordare chi ci ha preceduto e fà parte della  nostra storia
www.laradice.it/estinti


ACCETTIAMO:
  • MATERIALE da pubblicare o da conservare;
  • NOTIZIE storiche e d'altro genere;
  • INDIRIZZI di Badolatesi che ancora non ricevono il giornale;
  • FOTOGRAFIE di qualche interesse;
  • SUGGERIMENTI, che terremo presenti;
  • CONTRIBUTI in denaro.

Visite:
Pagine richieste:
Utenti collegati:
dal 01/05/2004

Locations of visitors to this page

Data: 31/12/2009 - Anno: 15 - Numero: 3 - Pagina: 54 - INDIETRO - INDICE - AVANTI

LETTERE

Letture: 1528               AUTORE: (Altri articoli dell'autore)        

Com’era prevedibile, diminuiscono sempre più le lettere cosiddette tradizionali, quelle recapitate a mezzo servizio postale, e aumenta a dismisura la posta elettronica, della quale non sempre è il caso e non è comunque facile scriverne qui. Diciamo soltanto di aver ricevuto una bella lettera dal Missionario comboniano padre Pierpaolo Monella, un’altra dall’amico Ciccio Menniti e biglietti di auguri per il Natale da “A Ruga ’e Davoli”, CSV Catanzaro, CIR Calabria e e da Totò Gallelli dalla Svizzera. Riserviamo, invece, un po’ di spazio alla lettera pervenutaci da padre Marco Innocenti dall’Etiopia, dove è tornato a vivere, tra i suoi Gumuz, dopo la recente breve parentesi estiva che lo ha portato anche tra noi a Badolato. Gilgel Beles 13-XI-2009 Carissimi amici, amiche, benefattori e parenti tutti, Sebbene qua il caldo sta aumentando anche noi ci stiamo avvicinando al S. Natale: ecco allora che mi faccio vivo per i consueti auguri natalizi. Ormai sono quasi sei anni che abbiamo iniziato la nostra presenza tra i gumuz ed è emozionante constatare che laddove non c’era niente ora c’è una comunità cristiana viva e giovane, ora ci sono in molti villaggi scuole da noi costruite e pozzi per l’acqua potabile. Nonostante questo la maggioranza dei gumuz continua a vivere secondo le loro usanze: a bere l’acqua dei fiumi e delle poche pozzanghere che rimangono nella stagione secca, ad andare dallo stregone (approfittatore delle disgrazie ed ignoranze altrui) piuttosto che alla clinica delle suore comboniane, a non mandare le bambine a scuola e così via. Di conseguenza le donne sono quelle che oppongono più resistenza ad un cambiamento e sviluppo della società gumuz. Personalmente spero nel contributo determinante che le nuove suore francescane daranno alla promozione delle donne e delle giovani, in particolare con l’ostello per ragazze a Gilgel Beles. I lavori purtroppo non sono ancora finiti, mancano ancora da intonacare i muri (questione di qualche mese, forse…). Il caldo e le malattie in questo periodo si fanno sentire, soprattutto malaria, tifo e febbre tifoidea che ho preso per l’ennesima volta, insieme all’allergia alla polvere ed alle graminacee che in questo periodo dell’anno si è particolarmente acuita. Comunque dopo un po’ di riposo si deve subito ripartire visitando i villaggi, affinché i lavori vadano avanti e le scuole funzionino. Pregate il Signore che mi dia salute per continuare il lavoro missionario tra i gumuz, dei quali ho imparato la lingua e scritto la prima grammatica e dizionario della storia; perciò è indispensabile che continui a lavorare tra questo popolo che ormai sento parte di me. Abbiamo ancora bisogno di aiuto per continuare con i nostri progetti di educazione e di sanità (scuole e pozzi), oltre a voler al più presto aprire una seconda missione nell’immenso territorio gumuz. Che i valori di amore e di solidarietà che il bambino Gesù è venuto a comunicarci nascendo a Betlemme e che ci ha donato in maniera estrema insieme con la sua vita dalla croce, non si spengano mai nei nostri cuori e ci rendano disponibili ai bisogni dei tanti fratelli e sorelle vicini e lontani! Io ho scelto di stare con i più lontani, dei quali ben pochi si curano, in quanto dispersi nella foresta e abbastanza arcaici come civilizzazione, ma proprio per questo i prediletti dal Signore. Buon Natale! p. Marco Innocenti, mccj P.S. Per contribuire alla missione tra i gumuz questi sono i mezzi più sicuri: c/c postale 28394377 intestato a Missionari Comboniani - Mondo Aperto ONLUS, vicolo Pozzo, 1 - 37129 Verona, specificando chiaramente nella causale: per “Padre Marco Innocenti - Etiopia”. Oppure attraverso la Banca Popolare Etica, piazzetta Forzate, 2 - 35137 Padova, le cui coordinate bancarie sono: ABI 05018 CAB 12100 CIN U C/C 512250. Ringraziamo tutti degli auguri che ricambiamo di cuore. Ringraziamo poi Padre Marco della bella lettera, anche a nome dei nostri lettori, e ricambiamo, sia pure in ritardo rispetto al 25 dicembre (questo periodico sarà a destinazione verso la fine di gennaio) auguri santi per il Natale, con l’auspicio che la sua meritoria opera dia frutti abbondanti.

E-mail: info@laradice.it             Webmaster: www.giuseppecaporale.it               Segnalazione errori

Testi e materiale Copyright©
Associazione culturale La Radice
  www.laradice.it

Sviluppo e design Copyright©
Giuseppe Caporale
 www.giuseppecaporale.it

Tecnologie e software Copyright©
SISTEMIC di Giuseppe Caporale
 www.sistemic.it

Advertising e link support
by www.Golink.it

Golink www.Golink.it