Associazione culturale “La Radice”
Registrazione Tribunale di Catanzaro n° 38 del 12.04.1995

In inglese


HomeInfoAutoriBiografiePeriodiciCercaVideoLinkArchivioAltro spazioEstintiGestionale
Articolo meno letto:
UNA PROPOSTA

Autore:DIREZIONE     Data: 31/03/2006  
WebCam su badolato borgo

Inserisci email per essere aggio Inserisci email per essere aggiornato


 LINK Culturali su Badolato:

Storia di Badolato a partire dai 50 anni della parrocchia Santi Angeli custodi di Badolato Marina, i giovani di ieri si raccontano.
www.ricordando.net

Comune di Badolato, servizio per la ricerca e visione dei testi conservati nella biblioteca comunale di Badolato.
www.laradice.it/bibliotecabadolato

Archivio di foto di interesse artistico culturale e storico - chiunque può partecipare inviando foto, descrizione e dati dell'autore
www.laradice.it/archiviofoto

Per ricordare chi ci ha preceduto e fà parte della  nostra storia
www.laradice.it/estinti


ACCETTIAMO:
  • MATERIALE da pubblicare o da conservare;
  • NOTIZIE storiche e d'altro genere;
  • INDIRIZZI di Badolatesi che ancora non ricevono il giornale;
  • FOTOGRAFIE di qualche interesse;
  • SUGGERIMENTI, che terremo presenti;
  • CONTRIBUTI in denaro.

Visite:
Pagine richieste:
Utenti collegati:
dal 01/05/2004

Locations of visitors to this page

Data: 30/04/2014 - Anno: 20 - Numero: 1 - Pagina: 21 - INDIETRO - INDICE - AVANTI

VISITA DIDATTICA A ROSSANO

Letture: 47               AUTORE: Marina Gervasi (Altri articoli dell'autore)        

L’Istituto Comprensivo Scolastico di Badolato-S.Caterina ha inserito nella
Programmazione Annuale visite guidate in aziende e siti di grande interesse storico-paesaggistico
al fine di far conoscere agli allievi alcuni aspetti del nostro patrimonio culturale e determinate
realtà imprenditoriali ormai affermate in campo internazionale per la loro specificità.
A tal fine è stata programmata per il 5 maggio 2014 una visita guidata a Rossano e contemporaneamente
la visita della fabbrica e del Museo della liquirizia e del Museo civico ove
è custodito il CODEX PURPUREUS ROSSANENSIS.
Saranno interessate le classi quarte della Scuola Primaria e le classi prime della Scuola
Secondaria di Badolato e Santa Caterina.
Il nome Rossano deriva dal greco “rusion” (che salva) e “acron” (altura), presumibilmente
fondata dagli Enotri nell’ undicesimo sec. a.C, passò sotto il controllo magno-greco e poi
romano. Tra il 540 e il 1059 visse una fase di grande splendore culturale sotto il domino dei
Bizantini, divenendo importante sede politica e amministrava. Le numerose testimonianze
artistiche del periodo le valsero l’appellativo di Ravenna del Sud.
Attualmente numerose sono le vestigia del suo passato come:
La Cattedrale di Maria Santissima Achiropita (immagine di origine miracolosa non
fatta da mano umana).
La Chiesa di San Nilo, (XV secolo) santo rossanese venerato sia dalla Chiesa cattolica
che ortodossa.
La Chiesa della Panaghia (Maria tutta Santa) (X secolo) altra chiesa bizantina con
magnifici affreschi del XIII-XIV secolo.
L’Abbazia di Santa Maria del Patire che ha splendidi pavimenti a mosaici arabeggianti,
abside in stile normanno e un antico portale ligneo.
Il Museo Diocesano, infine, dove è custodito il Codex Purpureus Rossanensis, uno dei più
antichi manoscritti onciali miniati del Nuovo Testamento. Ritrovato nel 1829 nella sacrestia
della Cattedrale di Maria Santissima Achiropita è un evangeliario, in lingua greca del 550 con
testi di Matteo e Marco. Forse doveva contenere tutti e quattro i Vangeli; sono stati ritrovati
solo 188 fogli di pergamena vergati in scrittura onciale (carattere e lettere di forma rotonda e
fluida nel tratteggio), impreziositi da oro, argento e 14 miniature che rappresentano la vita di
Gesù e la figura di Pilato assiso sulla “sella curulis” prima di pronunciare la condanna a morte
al “notarius”. Il Codex è detto purpureus perchè le pagine sono rossastre.
Altro appuntamento imperdibile è la visita al Museo della Liquirizia Amarelli, l’unico in
Italia che ha valorizzato le radici della liquirizia che cresce spontanea sulla costa ionica.
Dal 1731, anno in cui se ne estrae per la prima volta il succo, il Museo dipana tutta la storia
della famiglia, l’affinamento dei processi di lavorazione, tutti i nuovi orizzonti commerciali
fino ai successi recenti, come l’ambito Premio Guggenheim e il francobollo delle Poste
Italiane per celebrare il Museo Amarelli.
Molto interessante anche lo spazio del “Concio” (1731) ove è possibile ammirare, accanto
a macchinari e caldaie antiche, gli strumenti di produzione più moderni ed attuali
Si esprime apprezzamento al Dirigente Scolastico e ai Docenti che, con queste visite guidate,
consentono agli allievi di conoscere i tesori artistici e culturali di cui la nostra terra è
tanto ricca.


E-mail: info@laradice.it             Webmaster: www.giuseppecaporale.it               Segnalazione errori

Testi e materiale Copyright©
Associazione culturale La Radice
  www.laradice.it

Sviluppo e design Copyright©
Giuseppe Caporale
 www.giuseppecaporale.it

Tecnologie e software Copyright©
SISTEMIC di Giuseppe Caporale
 www.sistemic.it

Advertising e link support
by www.Golink.it

Golink www.Golink.it