Associazione culturale “La Radice”
Registrazione Tribunale di Catanzaro n° 38 del 12.04.1995



Home
Info
Autori
Biografie
Periodici
Cerca
Video
Link
Archivio
Lettere
Estinti
Gestionale
Articolo meno letto:
UN AFFRESCO: UN RECUPERO
Autore:Vincenzo Squillacioti     Data: 30/04/2019  
WebCam su badolato borgo

Inserisci email per essere aggio Inserisci email per essere aggiornato


 LINK Culturali su Badolato:

Storia di Badolato a partire dai 50 anni della parrocchia Santi Angeli custodi di Badolato Marina, i giovani di ieri si raccontano.
www.laradice.it/bibliotecabadolato

Archivio di foto di interesse artistico culturale e storico - chiunque può partecipare inviando foto, descrizione e dati dell'autore
www.laradice.it/archiviofoto

Per ricordare chi ci ha preceduto e fà parte della  nostra storia
www.laradice.it/estinti


ACCETTIAMO:
  • MATERIALE da pubblicare o da conservare;
  • NOTIZIE storiche e d'altro genere;
  • INDIRIZZI di Badolatesi che ancora non ricevono il giornale;
  • FOTOGRAFIE di qualche interesse;
  • SUGGERIMENTI, che terremo presenti;
  • CONTRIBUTI in denaro.

Visite:
Pagine richieste:
Utenti collegati:
dal 01/05/2004

Locations of visitors to this page

Data: 31/08/2015 - Anno: 21 - Numero: 2 - Pagina: 9 - INDIETRO - INDICE - AVANTI

UNA VOLTA ANDAVANO AL MARE?

Letture: 220               AUTORE: Ulderico Nisticò (Altri articoli dell'autore)        

Ancora verso gli anni 1960 erano ben poche le marine abitate, e con sporadici insediamenti;
e fino a tempi recentissimi Davoli Marina era classificata “case sparse”. Sì, vero, stavano tutti sui
colli almeno dal X secolo; e però non tutti e non del tutto.
Dalla fine del XV secolo, le coste vennero munite di torri cavallare e castelli, e ne abbiamo già
parlato su La Radice. Poiché qui vogliamo parlare di persone e non di cose, ricordiamo solo che
presidiavano le torri un “caporale” e dei “cavallari”: riconoscete i cognomi? Li pagavano i comuni,
spesso consorziati allo scopo. Guardavano il mare dall’alto, ma non so se facessero il bagno.
Si navigava di cabotaggio, ma, per strano che paia, non è detto che i marinai sapessero nuotare.
Più facile che ciò avvenisse ai pescatori, che usavano barche piccole e precarie. La pesca era
praticata con vari metodi, e spesso rischiando il largo. Il pericolo per le barche a vela era il
ponente, e per dire una situazione di rischio si dice tuttora “vent’e terra!”; e per mandare via con
disprezzo qualcuno, diciamo “ala!” o “allasca”, imperativo da alare, alzare la vela, o prendere
il lasco. E insistere si dice “’nsivara”, usare il sego come negli scalmi. Queste parole dialettali
attestano l’antichità dell’arte della pesca e della navigazione. La corrente si chiama, con parola
greca, “rema”. Vero che i pescatori e “marinari” di Soverato sono in gran parte di origine siciliana,
da Acireale, Aci Trezza, Aci Castello…
Si racconta che quando si avventuravano in alto mare, il loro riferimento fosse lo sferragliare
del treno: la linea ionica venne completata nel 1875. Quando lasciavano Soverato per le secche
di Santa Caterina, facevano una sorta di accampamento sulla spiaggia di S. Andrea, restandovi un
dieci giorni e più; a turno uno di loro tornava in treno con il pescato e per fare rifornimenti. Di
giorno il loro riferimento era il Vallone di Bruno; di notte, una lanterna sul tetto della chiesa del
santo: la spensero nel 1940 per l’oscuramento del tempo di guerra.
C’era qui e lì l’usanza dei “pajjari”: le famiglie si trasferivano sulla spiaggia, trascorrendo
alcuni giorni da quello che oggi chiameremmo campeggio: sole, mare, sabbiature, mangiate… e
amori, immagino.
Per il giorno dell’Assunta, che i Romani avevano chiamato e il fascismo tornò a chiamare
Ferragosto, era prassi che si scendesse in processione fino alle spiagge. Il poeta davolese Tucci
cantò questa costumanza. I più audaci si tuffavano, ma una cupa leggenda voleva che quel giorno
tra le onde un uomo dovesse morire.
I bagni in senso moderno hanno inizio, si racconta, quando Carolina del Berry (1798-1870), nata
Borbone Due Sicilie, una donna di straordinarie qualità e non senza misteri, decise di immergersi
nelle acque francesi. Si praticavano i bagni aristocratici in Liguria, a Viareggio, a Napoli e Sorrento,
a Taormina… Ma qui in Calabria, come in gran parte d’Italia, iniziarono un po’ più tardi; ed ebbero
obbligatoria diffusione con le “colonie” fasciste.
Un caso a sé, Soverato. Per secoli, del resto, era stato, tra i paesi collinari, quello più vicino
alla costa; e lo si raggiungeva in barca, dove ancora si dice Bonporto. Almeno dal XVII secolo è
attestata una località chiamata Santa Maria di Poliporto, con una torre e una chiesetta, e, in seguito,
una fortezza a protezione di magazzini. Nel 1811, Soverato viene dichiarata porto; durante il Regno
delle Due Sicilie ospitava un piccolo presidio con un sottufficiale e due militari.
Già alla metà del XIX secolo capitava che gli abbienti dell’interno acquistassero o affittassero
una casetta a Santa Maria: lo attesta la vicenda di Carlo Amirante. Arrivarono cospicue famiglie di
commercianti e imprenditori, che portarono anche usi e abitudini diciamo così nuovi rispetto alle
consuetudini locali: tra queste, i bagni di mare, che a Soverato sono documentati già dalla delibera
comunale del 1881 che sancisce il trasferimento della sede municipale in Marina. Si costruivano
sulla battigia “palafitte” comode e attrezzate, dove ci si trasferiva pur abitando sul corso.
Restano belle foto di gioventù allegra e sportiva. Una severissima legge imponeva che l’area
degli uomini fosse separata da quella delle donne di cento metri: addirittura cento metri! Che
bacchettoni, che moralisti!
Oggi, senza distanze, andiamo al mare per radicata abitudine.


E-mail:              Webmaster: www.giuseppecaporale.it               Segnalazione errori

Testi e materiale Copyright©
Associazione culturale La Radice
  www.laradice.it

Sviluppo e design Copyright©
Giuseppe Caporale
 www.giuseppecaporale.it

Tecnologie e software Copyright©
SISTEMIC di Giuseppe Caporale
 www.sistemic.it

Advertising e link support
by www.Golink.it

Golink www.Golink.it