Associazione culturale “La Radice”
Registrazione Tribunale di Catanzaro n° 38 del 12.04.1995

In inglese


HomeInfoAutoriBiografiePeriodiciCercaVideoLinkArchivioAltro spazioEstintiGestionale
Articolo meno letto:
RACCONTO DI TEMPI VISSUTI CHE PAION SOGNATI

Autore:Antonio Nardone     Data: 30/06/2003  
WebCam su badolato borgo

Inserisci email per essere aggio Inserisci email per essere aggiornato


 LINK Culturali su Badolato:

Storia di Badolato a partire dai 50 anni della parrocchia Santi Angeli custodi di Badolato Marina, i giovani di ieri si raccontano.
www.ricordando.net

Comune di Badolato, servizio per la ricerca e visione dei testi conservati nella biblioteca comunale di Badolato.
www.laradice.it/bibliotecabadolato

Archivio di foto di interesse artistico culturale e storico - chiunque può partecipare inviando foto, descrizione e dati dell'autore
www.laradice.it/archiviofoto

Per ricordare chi ci ha preceduto e fà parte della  nostra storia
www.laradice.it/estinti


ACCETTIAMO:
  • MATERIALE da pubblicare o da conservare;
  • NOTIZIE storiche e d'altro genere;
  • INDIRIZZI di Badolatesi che ancora non ricevono il giornale;
  • FOTOGRAFIE di qualche interesse;
  • SUGGERIMENTI, che terremo presenti;
  • CONTRIBUTI in denaro.

Visite:
Pagine richieste:
Utenti collegati:
dal 01/05/2004

Locations of visitors to this page

Data: 31/12/2017 - Anno: 23 - Numero: 3 - Pagina: 7 - INDIETRO - INDICE - AVANTI

BARBARA FROIO

Letture: 175               AUTORE: Antonio Barbuto (Altri articoli dell'autore)        

Maramenti: il profumo dei ricordi. Il racconto delle ricette suvaratane, 2017.

I cinque lettori di questa rubrica ricorderanno certamente che mi sono occupato sempre di quei
poeti e scrittori calabresi più rappresentativi, del passato remoto e del novecento, ma passati a miglior
vita, come si usa dire, secondo il principio inderogabile annunciato all’inizio della mia collaborazione
a “La Radice”.
Ho derogato alla inflessibilità dichiarata in pochi casi perché ne è valsa la pena, considerato
l’alto spessore artistico e culturale delle opere che analizzavo per i miei lettori. Le poche eccezioni
naturalmente indicano anche il tasso del mio gusto, volto alla qualità delle opere e all’assunzione di
responsabilità che non può scadere a compromessi.
La letteratura calabrese circostante non la conosco, né mi duole più di tanto, visto che ormai
a livello nazionale scrivono tutti: cantanti, attori, calciatori, comici di circo. E nel nostro ristretto
territorio artigiani d’ogni ordine e grado, scrivono parole messe in fila indiana che chiamano poesie,
romanzi, autobiografie. Ma per onestà e per il rispetto che devo ai miei anni passati a studiare, agli
inviti di leggere codesta roba che non mancano, rispondo garbatamente: arti cu’ arti e pècuri a lu lupu.
Ciò vale soprattutto per quegli ottimi artigiani che “senza studio” pretendono di scrivere e
pubblicare, ahiloro, libretti che talvolta trovano anche prefatori strabilianti e logorroici di impudicizie.
Et de hoc satis.
Nella presente circostanza si tratta invece d’un libro assolutamente di ottima fattura perché l’autrice
ha le carte in regola.
Maestra elementare per più di quarant’anni, ha realizzato l’idea, coltivata a lungo e con impegno
ammirevole, di redigere una serie cospicua di ricette che appartengono alla tradizione del paese natale,
Soverato Superiore, e ne fanno una cifra marcata di riconoscimento che va oltre il puro e semplice
contenuto.
Anch’io vi sono nato e, nella mia giovinezza di studioso, ho dedicato, per forte senso di appartenenza,
un saggio sui “soprannomi” che ha avuto il lusinghiero riconoscimento del grande Gerhard Rohlfs
citandomi in un suo vocabolario e, nelle lettere, mi chiamava “collaboratore”.
Per affettuosi legami di parentela, Barbara mi chiese di leggere il dattiloscritto. Ho accettato con
la clausola di declinare qualsiasi impegno se non condividevo le modalità richieste dal decoro della
scrittura e dalla qualità del contenuto.
L’ho letto verso la fine della mia permanenza estiva a Soverato con molta attenzione, trattandosi
di un argomento che esulava dal campo delle mie competenze, e avendo trovato tutti i requisiti che
pretendevo, ho accettato di scriverne persino una prefazione, provando un piacere autentico per le
ragioni che mi permetto di elencare.
Nella chiara e persuasiva Introduzione l’autrice espone i criteri seguiti nel raccontare le ricette:
enunciazione degli ingredienti e modalità della preparazione e, molto opportunamente, raccogliendole
secondo le stagioni in cui, per tradizione, i piatti vengono confezionati.
E qui entra in gioco il garbo di ricostruire, senza enfasi, la ministoria di un paese arroccato nelle
sue rughe e nelle sue tradizioni secolari mediante la trasmissione famigliare, nella fattispecie, della
mamma dell’autrice, recentemente scomparsa, al cui ricordo è dedicato il libro.
Nel racconto non manca una certa vivacità di ricordi di persone della ruga che hanno costituito il
fondo sociale colle loro caratteristiche caratteriali, quasi personaggi d’un romanzo corale d’altri tempi.
I rituali ripetuti nelle feste religiose, in quelle laiche con ricorrenze goderecce disegnano un panorama
circoscritto ma altrettanto vivo che oggi può provocare, inevitabilmente, qualche linea di giustificata
nostalgia.
Segnali che non mancano in taluni richiami, per esempio al forte senso di condivisione che lega
affettuosamente comari e parenti nel rituale rispettato: lo scambiarsi le varie e diverse pietanze a
continuare le usanze codificate soprattutto nelle classi povere. Anche l’opportuno uso di alcune parole
dialettali, coloriscono efficacemente l’ambiente. Parole trascritte correttamente, grazie all’autorevole
aiuto dell’amico Michele De Luca, studioso principe dei dialetti calabresi (aspettiamo la pubblicazione
del suo sterminato vocabolario, di seimila e passa pagine) cui l’autrice, per mio suggerimento, si è
rivolta.
Un libro di ricette che riproduce veramente “il profumo dei ricordi” in chi vi è nato e abitato (chi
scrive fino ai vent’anni). Poi “la vie sèpare” e confesso candidamente che a ogni mio ritorno estivo,
qualche golosità antica me la concedo, grazie all’amicizia intensa che intrattengo con alcuni parenti (di
Soverato Superiore naturalmente): pipi e patàti, malangiàni chjini, un piatto “curmu” di pasta chjina,
u morzèddu. Golosità piacevoli che mi riportano anche fisicamente l’odore della mia infanzia lontana
vissuta tra “u Strittarèddu” e “u Chjanu”.
Un’ultima cosa: mi piace, ma è altrettanto doveroso, sottolineare: la scrittura è sorvegliata e
accattivante e documenta la solida preparazione scolastica dell’autrice e la coltivazione culturale
attenta e senza sbavature.
Come suo compaesano e parente, mi compiaccio vivamente con lei e le auguro che il suo libro
abbia il successo editoriale che si merita.
Le riproduzioni fotografiche a colori dei piatti e le immagini di luoghi particolari abbelliscono
vieppiù il libro che può entrare onorevolmente in ogni biblioteca.
Per queste ragioni non mi è dispiaciuto interrompere la lettura dei libri che di solito mi porto da
Roma per trascorrere utilmente e piacevolmente le ore roventi pomeridiane, al riparo però nelle stanze
fresche della mia casa di campagna che con compiaciuta civetteria chiamo Canale kilometrotre.


E-mail: info@laradice.it             Webmaster: www.giuseppecaporale.it               Segnalazione errori

Testi e materiale Copyright©
Associazione culturale La Radice
  www.laradice.it

Sviluppo e design Copyright©
Giuseppe Caporale
 www.giuseppecaporale.it

Tecnologie e software Copyright©
SISTEMIC di Giuseppe Caporale
 www.sistemic.it

Advertising e link support
by www.Golink.it

Golink www.Golink.it