Associazione culturale “La Radice”
Registrazione Tribunale di Catanzaro n° 38 del 12.04.1995

In inglese


HomeInfoAutoriBiografiePeriodiciCercaVideoLinkArchivioAltro spazioEstintiGestionale
Articolo meno letto:
U PASSU DE CATARISàNI

Autore:Vincenzo Squillacioti, Mario R. Gallelli     Data: 31/12/2004  
WebCam su badolato borgo

Inserisci email per essere aggio Inserisci email per essere aggiornato


 LINK Culturali su Badolato:

Storia di Badolato a partire dai 50 anni della parrocchia Santi Angeli custodi di Badolato Marina, i giovani di ieri si raccontano.
www.ricordando.net

Comune di Badolato, servizio per la ricerca e visione dei testi conservati nella biblioteca comunale di Badolato.
www.laradice.it/bibliotecabadolato

Archivio di foto di interesse artistico culturale e storico - chiunque può partecipare inviando foto, descrizione e dati dell'autore
www.laradice.it/archiviofoto

Per ricordare chi ci ha preceduto e fà parte della  nostra storia
www.laradice.it/estinti


ACCETTIAMO:
  • MATERIALE da pubblicare o da conservare;
  • NOTIZIE storiche e d'altro genere;
  • INDIRIZZI di Badolatesi che ancora non ricevono il giornale;
  • FOTOGRAFIE di qualche interesse;
  • SUGGERIMENTI, che terremo presenti;
  • CONTRIBUTI in denaro.

Visite:
Pagine richieste:
Utenti collegati:
dal 01/05/2004

Locations of visitors to this page

Data: 31/12/2017 - Anno: 23 - Numero: 3 - Pagina: 30 - INDIETRO - INDICE - AVANTI

FIORI SULLA TOMBA DI PADRE SILVANO LANARO

Letture: 111               AUTORE: Mimmo Lanciano (Altri articoli dell'autore)        

FIORI SULLA TOMBA DI PADRE SILVANO LANARO
AMATO PARROCO DI BADOLATO MARINA E DI SQUILLACE MARINA
Le disastrose alluvioni joniche del 1951-53 hanno provocato il trasferimento parziale sul litorale
degli abitanti dei nostri borghi collinari rimasti senza casa. Sono nate, così, le Marine che, anno dopo
anno, si sono ingrandite fino a diventare la parte principale dei Comuni.
La data di nascita di Badolato Marina può essere considerata la giornata del 24 marzo 1952 quando
il Capo del Governo Alcide De Gasperi è venuto per consegnare al sindaco Andrea Talotta i primi 78
alloggi edificati in muratura a tempo di record (cosa che in sèguito in Italia non è avvenuta per qualsiasi
altra calamità naturale). Tale data può essere valida pure per altre Marine joniche, dal momento
che De Gasperi ha visitato realtà simili.
Dopo questi primi 78 alloggi ne furono costruiti ulteriori 257 (per un totale di 335), oltre alla
chiesa, all’edificio scolastico per le elementari, alla delegazione comunale e alla pretura. La chiesa
fu inaugurata il 14 marzo 1956 e fu affidata ai frati francescani conventuali che si sono avvicendati.
Uno, però, è rimasto dall’autunno 1956 fino all’estate 1982 (per 26 anni esatti). Questi è stato Padre
Silvano Maria Lanaro, nato nel 1921 nella casa al numero civico 32 in Puèchem (una delle 33 frazioni
del Comune di Terragnolo) tra le montagne della provincia di Trento, al confine con il Veneto.
Per 26 anni è stato il buon pastore della nostra comunità di Badolato Marina (all’inizio anche delle
Marine di Monasterace, Guardavalle, Santa Caterina, Isca e Sant’Andrea). Da bambino (ma a volte
pure da adolescente, fino a che non sono andato all’Università di Roma) sono stato uno dei suoi più
assidui “chierichetti” e, a differenza di altri, lo seguivo quando si recava nelle Marine dell’interzona
per celebrare Messa. Fin da piccolo, la mia indole era protesa alla maggiore e migliore conoscenza
possibile e P. Silvano mi dava la possibilità di girare per tutto il territorio della Diocesi di Squillace,
per cui lo accompagnavo volentieri. Piano piano, Egli è diventato importante come il mio fratello
maggiore Vincenzo. Infatti, con P. Silvano sono stato sempre in contatto, anche quando dal 1982 era
stato destinato alla parrocchia di Squillace Marina e al Convento di Catanzaro Lido. Ci sentivamo
spesso per telefono pure quando, malato di un tumore, era stato ricoverato per le lunghe ed estenuanti
cure in un convento-infermeria.
La sera di giovedì 30 marzo 2000 mi ha telefonato per dirmi che stava per morire e che se avessi voluto
vederlo vivo sarei dovuto andare sùbito al suo capezzale. Così, il giorno dopo, in auto ho percorso circa
700 km di strade da Agnone del Molise a Valdobbiadene (Treviso). La mattina seguente ero nella sua
stanza di quell’infermeria conventuale. Mi disse con voce serena: “Sto per morire”. Quando poi ero sulla
porta per uscire mi raccomandò, con la sua flebile voce, di salutare tutti i badolatesi e in particolare i suoi
parrocchiani. Allora, d’istinto, gli chiesi di fare loro un “ciao” con la mano davanti alla mia macchinetta
fotografica. Poi quell’immagine
del suo estremo ed affettuoso
saluto è stata pubblicata da “La
Radice” di Badolato nel contesto
di un mio articolo. Quattro giorni
dopo P. Silvano non c’era più.
Tempo fa, avendo programmato
assieme a mia moglie un
viaggio nel nord Italia, ho pensato
di recarmi alla sua tomba, nella
frazione (principale) “Piazza”
di Terragnolo, per deporre fiori e
preghiere pure a nome dei suoi
parrocchiani non solo badolatesi.

Cosa che ho fatto, domenica pomeriggio 29 ottobre 2017, accompagnato dal nipote Stefano Giròla, il
quale sembra somigliare molto allo zio quando nel 1956 è venuto a Badolato Marina. Abbiamo scattato
qualche fotografia da inviare pure al periodico “La Radice” di Badolato perché i suoi lettori possano
vedere dove riposa il loro amato parroco, ma anche la sua casa natale.
Questa visita a Terragnolo è stata una vera emozione e un rivivere i meravigliosi anni della nostra
giovinezza. Mi sono intrattenuto a parlare pure con alcuni suoi compaesani che lo avevano conosciuto
e stimato.
Adesso, nel salutare questi e tutti gli altri cittadini di Terragnolo, anche nel ricordo e nell’affetto di
Padre Silvano Lanaro e della sua famiglia, sono lieto e assai commosso per essere riuscito finalmente
dopo tantissimi anni a portare un sincero omaggio sulla tomba del mio parroco e “fratello maggiore”
e a visitare i suoi luoghi di nascita, la sua incantevole valle e i più immediati e stupendi dintorni (Rovereto,
Folgarìa, Lago di Garda, ecc.).
E sento che si è pure così concluso idealmente un importante ciclo esistenziale per me, assai significativo
ed esaltante. Dopo questo pellegrinaggio di affetto fraterno, è ormai tempo di guardare oltre,
pur non dimenticando niente e nessuno!

Mimmo Lanciano
Azzurro Infinito, lunedì 06 novembre 2017 ore 11,18
(Libera autorizzata riduzione da “Lettere a Tito n. 199” di Domenico Lanciano, pubblicata dal sito
di Messina www.costajonicaweb.it)
(“La Radice”, nel ringraziare per questa bella pagina sull’indimenticato Padre Silvano, partecipa
con commozione al ricordo degli affetti e dei valori umani e cristiani lasciatici in eredità dal buon
Parroco di Badolato Marina, che tanto ha contribuito alla crescita di giovani generazioni. – Ndd)


E-mail: info@laradice.it             Webmaster: www.giuseppecaporale.it               Segnalazione errori

Testi e materiale Copyright©
Associazione culturale La Radice
  www.laradice.it

Sviluppo e design Copyright©
Giuseppe Caporale
 www.giuseppecaporale.it

Tecnologie e software Copyright©
SISTEMIC di Giuseppe Caporale
 www.sistemic.it

Advertising e link support
by www.Golink.it

Golink www.Golink.it