Associazione culturale “La Radice”
Registrazione Tribunale di Catanzaro n° 38 del 12.04.1995

In inglese


Home
Info
Autori
Biografie
Periodici
Cerca
Video
Link
Archivio
Lettere
Estinti
Gestionale
Articolo meno letto:
LETTERE
Autore:Vincenzo Squillacioti     Data: 30/12/2020  
WebCam su badolato borgo

Inserisci email per essere aggio Inserisci email per essere aggiornato


 LINK Culturali su Badolato:

Storia di Badolato a partire dai 50 anni della parrocchia Santi Angeli custodi di Badolato Marina, i giovani di ieri si raccontano.
www.ricordando.net

Comune di Badolato, servizio per la ricerca e visione dei testi conservati nella biblioteca comunale di Badolato.
www.laradice.it/bibliotecabadolato

Archivio di foto di interesse artistico culturale e storico - chiunque può partecipare inviando foto, descrizione e dati dell'autore
www.laradice.it/archiviofoto

Per ricordare chi ci ha preceduto e fà parte della  nostra storia
www.laradice.it/estinti


ACCETTIAMO:
  • MATERIALE da pubblicare o da conservare;
  • NOTIZIE storiche e d'altro genere;
  • INDIRIZZI di Badolatesi che ancora non ricevono il giornale;
  • FOTOGRAFIE di qualche interesse;
  • SUGGERIMENTI, che terremo presenti;
  • CONTRIBUTI in denaro.

Visite:
Pagine richieste:
Utenti collegati:
dal 01/05/2004

Locations of visitors to this page

Data: 30/12/2020 - Anno: 26 - Numero: 2 - Pagina: 14 - INDIETRO - INDICE - AVANTI

SUI RIMEDI CONTRO I DISTURBI OCULARI NEL MONDO ANTICO GRECO-LATINO

Letture: 344               AUTORE: Lorenzo Viscido (Altri articoli dell'autore)        

Il tema che mi accingo a trattare non è nuovo. Ho tuttavia cercato, quanto più mi è stato possibile
nei limiti dello spazio concessomi, di approfondirne dettagliatamente alcuni aspetti.
Da Eliano, scrittore vissuto tra il II e il III secolo d. C., si apprende che, accecata e rinchiusa in
un vaso di argilla insieme ad un anello nel quale era stata incastonata una gemma fossile, ossia la
gagate, al nono giorno una lucertola recuperò la vista (De nat. an. 5, 47).
Le parole di Eliano trovano riscontro in pietre preziose aventi incisa l’immagine della lucertola
ed usate per la guarigione delle oftalmie (cfr. A. Mastrocinque, Sylloge gemmarum gnosticarum.
Parte I, Roma 2003, pp. 58-63; Id., Le gemme votive, in Jean-Pierre Brun [ed.], Artisanats antiques
d’Italie et de Gaule, Napoli 2009, p. 62).
Aggiungo che il rapporto tra gli occhi e le gemme non è passato inosservato nella farmacopea
di epoca imperiale (cfr. S. Macrì, Pietre viventi, Torino 2009, pp. 92-93). Cornelio Celso, un
erudito del I secolo d. C., discute del collyrium [...] quod rhinion vocatur, buono soprattutto per la
xeroftalmia e fatto, oltre che con murra, papaveris lacrima, acaciae sucus, piper, cummis, lapis
Phrygius, lycium, lapis scissilis, aes combustum, anche con haematites (De med. 6, 6, 30), pietra
non poche volte nominata, ad es., da Galeno (De comp. med. sec. loc. 4, 8) circa la produzione di
kollýria e documentata dai lapidari quale antidoto all’indebolimento della vista (cfr. Orph., Lith.
665 ss.; Lith. ker. 22; Damigeron - Evax 9).
E a proposito di lapidari, da questi risulta che efficaci per far risplendere gli occhi si consideravano
le ofiti (cfr. Orph., Lith. 465), per far cessare le lacrimazioni gli zaffiri (cfr. Damigeron - Evax 14,
6) e che – non volendo dilungarmi – per togliere dalla cornea una macchia ombrosa chiamata, fra
l’altro, nephélion e rendere penetrante lo sguardo si legava nella parte anteriore del capo la ieracite
(cfr. Lith. gr.: Socr.et Dion. 48, 3).
Come ho messo sopra in evidenza, contro i disturbi oculari venivano pure utilizzati “colliri”.
Si trattava, in verità, di impiastri e ce n’erano tanti. Ad uno di essi ho già rivolto attenzione. Ora
intendo soffermarmi sullo skylákion, che, stando a Galeno (De comp. med. sec. loc. 4, 8), era
composto da antimonio, acacia, calcite, rame, cadmia, biacca, mirra, nardo d’India, licio d’India,
zafferano, oppio, castoreo e aloe (in Aet. Amid., Libri med. 7, 112, sono eliminati nardo d’India,
licio d’India, zafferano, acacia, biacca e castoreo, sostituiti da semi di giusquiamo, ematite, solfato
di ferro, gomma e vino aspro).
È chiaro che, pur avendo solitamente il valore semantico di “cagnolino”, nei passi appena
segnalati la parola skylákion (cfr. H.G. Liddell - R. Scott, Greek - English Lexicon. With a revised
supplement, Oxford 1996, s.h.v.) indica senza dubbio un kollýrion che, in base al giudizio di
Emilie Savage - Smith (Hellenistic and Byzantine Ophthalmology:Thachoma and Sequelae, in
Dumbarton Oaks Papers 38, 1984, p. 176), “possibly” era stato creato a “Scylacium” (= Squillace)
“in southern Italy”.
Desiderando sostenere l’opinione della studiosa appena menzionata, rilevo che, preceduto in
Ezio di Amida dall’articolo (Libri med. 7, 112: kollýrion, tò skylákion epigraphómenon), il nostro
termine potrebbe essere un aggettivo sostantivato neutro, uso non estraneo alla lingua greca (cfr.
A.N. Jannaris, An Historical Greek Grammar, Hildesheim - Zürich - New York 19872, p. 325,
par. 1241 a). Poiché da skýlax, infatti, che in italiano significa “cane” o “cagnolino”, derivano gli
aggettivi skylákeios e skylákios (cfr. Thes. G. L., VII, col. 455 D), non escluderei un loro nesso
con la città di Squillace, detta Skyllétion e Skylákion da Strabone (Geogr. 6, 1, 10; 11). Mi spiego
meglio. Se per il secondo di questi due toponimi è supponibile “un rimodellamento paretimologico
di Skyllétion” sulla voce skýlax con “l’aggiunta del suffisso ipocoristico –ákion” (P. Poccetti, Note
sulla stratigrafia della toponomastica della Calabria antica, in J.B. Trumper, A. Mendicino, M.
Maddalon [a cura di], Toponomastica calabrese, Roma 2000, pp. 108-109), potrei credere che
l’aggettivo skylákios venisse anche impiegato, ma in forma di sostantivo, per ciò che attiene a
quella città, precisamente ad un suo kollýrion denominato, qualora non dovessi sbagliarmi, “lo
squillacese” (nel lessico di Ezio di Amida e Galeno non mancano simili operazioni linguistiche
relative a farmaci: tὸ aromatikόn, tὸ trachomatikόn, tὸ nektárion, tὸ acháriston ecc.). Puὸ darsi,
quindi, che entrambi quei medici facessero derivare skylákios direttamente dal toponimo Skylákion,
la qual cosa non desta meraviglia se si pensa che dal virgiliano Scylaceum (Aen. 3, 553) aveva
avuto origine la forma aggettivale scylaceus (cfr. Ov., Met. 15, 702: [...] scylaceaque litora [...]).
Nel commentare l’opera galenica riguardante la compositio medicamentorum secundum
locos (Basileae 1537) un umanista sassone, Janus Cornarius, scriveva che al farmaco skylákion
(“Scylacium” nella sua traduzione latina) era stato dato questo appellativo, tenuto conto dell’
“eius experimentum in catulo” (p. 398). Catulus, in realtà, era l’equivalente latino, oltre a catellus,
del citato vocabolo greco indicante quel rimedio, vocabolo che di solito – ripeto – significava
“cagnolino” e di cui esistevano i sinonimi kynárion e kynídion. Perché, allora, la scelta della parola
skylákion da parte di Galeno ed Ezio di Amida? Il motivo consisteva, a mio avviso, nel fatto che
essi volevano con esattezza riferirsi ad un kollýrion avente questo nome non perché sperimentato
su un catulus, ma in quanto squillacese.
Raccomandato per la chemosi, lo stafiloma ed ulteriori patologie (cfr. Gal., De comp. med. sec.
loc. 4, 8; Aet. Amid., Libri med. 7, 112), lo skylákion non andava confuso con l’omonimo impiastro
di un medico: Apollonio (cfr. Gal., De comp. med. sec. loc. 4, 8). Rispetto al primo, l’altro si
preparava in modo diverso ed era utilizzato con lo scopo sia di curare il tracoma, sia di non far
cadere i peli delle sopracciglia. La distinzione fra questi due medicamenti è sfuggita alla Savage -
Smith nel suo studio in precedenza ricordato (p. 176).
Galeno (ibid.) puntualizza che l’Apolloníou skylákion ed un kollýrion dal nome hierákion o
Phoînix erano la stessa cosa. È improbabile, comunque, che egli pensasse al collyrium hieracium
descritto da Plinio in Nat. hist. 34, 27: ambedue i prodotti differivano in relazione agli ingredienti.
Per quel che concerne i rimedi ad altri problemi oftalmici, faccio notare che veniva usato il
fiele della iena, tramite il quale, spalmato sulla fronte, si curavano la cisposità, gli offuscamenti, le
cateratte, l’albugine e via dicendo (cfr. Plin., Nat. hist. 28, 27).
Mediante il liquido che colava dal fegato fresco della iena arrostito con miele schiumato si
provvedeva alla cura del glaucoma (ibid.).
Per far guarire da disturbi agli occhi, poi, non era tralasciato l’uso di alcune piante. Che dire,
infatti, del cremnos agrios (proprio così)? Secondo Plinio (ibid. 25, 96) toglieva i difetti della
vista (gremiae: cfr. Oxford Latin Dictionary edited by P.G.W. Glare, Oxford 19832, s.h.v.)? Che
dire, inoltre, della capnos trunca, meglio nota come pedes gallinacii? Verde - asserisce lo scrittore
comasco (Nat. hist. 25, 98) -, eliminava col proprio sucus l’annebbiamento. Che dire, infine, della
stoebe, da certuni chiamata pheos (ibid. 22, 13)? Decocta in vino, si riteneva specifica non solo
per le orecchie purulente, l’emorragia e la dissenteria, ma anche per gli occhi macchiati di sangue
a seguito di un ictus.
Riguardo a presenze ematiche in questi ultimi, si credeva pure che esse scomparissero grazie
alla saliva della donna a digiuno, con cui andavano frequentemente bagnati gli anguli oculorum
(ibid. 28, 22).
Mi fermo qui ponendo un quesito: sortivano davvero efficacia i rimedi dei quali ho finora
discusso?


E-mail: info@laradice.it             Webmaster: www.giuseppecaporale.it               Segnalazione errori

Testi e materiale Copyright©
Associazione culturale La Radice
  www.laradice.it

Sviluppo e design Copyright©
Giuseppe Caporale
 www.giuseppecaporale.it

Tecnologie e software Copyright©
SISTEMIC di Giuseppe Caporale
 www.sistemic.it

Advertising e link support
by www.Golink.it

Golink www.Golink.it