Associazione culturale “La Radice”
Registrazione Tribunale di Catanzaro n° 38 del 12.04.1995



Home
Info
Autori
Biografie
Periodici
Cerca
Video
Link
Archivio
Lettere
Estinti
Gestionale
Articolo meno letto:
ANGELO VINCENZO ANOJA (Badolato, 19.10.1926 – 10.12.2020)
Autore:Vincenzo Squillacioti     Data: 30/12/2020  
WebCam su badolato borgo

Inserisci email per essere aggio Inserisci email per essere aggiornato


 LINK Culturali su Badolato:

Storia di Badolato a partire dai 50 anni della parrocchia Santi Angeli custodi di Badolato Marina, i giovani di ieri si raccontano.
www.ricordando.net

Comune di Badolato, servizio per la ricerca e visione dei testi conservati nella biblioteca comunale di Badolato.
www.laradice.it/bibliotecabadolato

Archivio di foto di interesse artistico culturale e storico - chiunque può partecipare inviando foto, descrizione e dati dell'autore
www.laradice.it/archiviofoto

Per ricordare chi ci ha preceduto e fà parte della  nostra storia
www.laradice.it/estinti


ACCETTIAMO:
  • MATERIALE da pubblicare o da conservare;
  • NOTIZIE storiche e d'altro genere;
  • INDIRIZZI di Badolatesi che ancora non ricevono il giornale;
  • FOTOGRAFIE di qualche interesse;
  • SUGGERIMENTI, che terremo presenti;
  • CONTRIBUTI in denaro.

Visite:
Pagine richieste:
Utenti collegati:
dal 01/05/2004

Locations of visitors to this page

Data: 31/03/2003 - Anno: 9 - Numero: 1 - Pagina: 37 - INDIETRO - INDICE - AVANTI

APPELLO

Letture: 821               AUTORE: Vincenzo Squillacioti (Altri articoli dell'autore)        

Abbiamo scritto qualche volta che nel nostro dialetto non esiste il termine antico se non per indicare gli Antichi, i progenitori, dun passato piuttosto remoto. Tutto laltro antico, case, mobili, vestiti, carte, ecc., veniva liquidato con il termine vecchio, e, come tale da buttare ahri timpi. Da ci la scomparsa, mediante piccone, acqua, fuoco ed altro, della maggior parte delle testimonianze del nostro passato. Un po ovunque, e quindi anche da noi. Ci che non stato barattato con secchi di plastica o con mobiletti di truciolato, prendendo la via di Napoli o di Bari, stati quasi sistematicamente distrutto in loco. Cos il cosiddetto castello, che allinizio del XX secolo era ancora una chiara testimonianza del sistema feudale in Badolato. Ed di ieri (1979) la scomparsa , mediante ruspa, della collinetta che conservava ancora le fondamenta del castello, e non solo. Cos larchivio comunale, che un nostro sindaco -mi viene detto da persone ben informate- ha fatto trasportare alla cartiera di Davoli (quando cera) per farne carta igienica. Non sar vero?! vero, comunque, che larchivio del Comune di Badolato riempiva una grande grotta sottostante il municipio, lex mattatoio: da alcuni anni quella grotta completamente vuota, e non c traccia, in nessun locale, dei quintali di documenti che non potevano non esistere, almeno dal secolo XVI in poi. scomparsa -e pi duno in Badolato sa come- la grande e forse importante biblioteca del Convento francescano di S. Maria degli Angeli, risalente, come ognun sa, al 1603. Persino numerosi registri delle quattro secolari parrocchie del vecchio borgo, sono introvabili. Chi scrive riuscito a salvare parecchio, ma non tutto. Per non dire delle migliaia di libri e delle tantissime carte che erano conservate in case di privati, borghesi, non contadini! Potremmo citare decine di casi, e di nomi, di cui siamo venuti a conoscenza a causa del lavoro necessario per far vivere questo periodico. Ma non lo facciamo, anche perch abbiamo il dovere di non farlo. E non diciamo di oggetti vari, sacri e profani, scomparsi! Perch venduti. Perch rubati. Perch rotti. Perch bruciati. Perch buttati, anche nelle discariche pubbliche. Pensiamo a quadri, a Crocefissi, a Varette, a frantoi, a mulini a carri, ad aratri, a mangani, a telai a misure di cereali, a utensili, a libri, a lettere, a carte .varie.
No si vuole accusare nessuno, da queste colonne, anche perch la responsabilit , probabilmente un po di tutti: di chi ha operato in modo errato, di chi non ha educato, di chi non ha impedito, di chi non ha saputo prevenire. La miopia non esclusiva di alcuni! Un Museo, per, o qualche cosa del genere, avrebbe certamente arginato questo sfacelo. E quelli che avrebbero dovuto pensare a un Museo, in Badolato, hanno nome e cognome. E sono sicuramente responsabili! Chi scrive, in particolare, ha dato spesso indicazioni e suggerimenti, anche pubblicamente.
Sopravvive ancora, curiosa eccezione, larchivio scolastico, le cui prime carte, veramente interessanti, risalgono al 1875: sono state sottratte allincuria, alle blatte, ai topi negli anni Sessanta dello scorso secolo. Ed di questi giorni luso che ne sta facendo un giovine badolatese nella preparazione di una tesi di laurea. Ci sono segnali, per, che questunico archivio non durer a lungo: lopera di annientamento pare sia gi cominciata, sotto i nostri occhi.
Che fare, allora?! Solo geremiadi? No! Noi lanciamo un appello, forte e chiaro:
NON BUTTATE PI NIENTE,
SENZA AVER PRIMA PENSATO SERIAMENTE A QUEL CHE FATE!
Se proprio volete avere un pensiero in meno, parlatene con qualcuno che, pensandola diversamente da voi, potrebbe salvare tra le cartacce un documento, una data, un nome, sottraendoli alla pattumiera, al fuoco della discarica. Non ci illudiamo, salvando un documento, di evitare la guerra, ma potremmo contribuire a recuperare una briciola del nostro passato.


E-mail:              Webmaster: www.giuseppecaporale.it               Segnalazione errori

Testi e materiale Copyright©
Associazione culturale La Radice
  www.laradice.it

Sviluppo e design Copyright©
Giuseppe Caporale
 www.giuseppecaporale.it

Tecnologie e software Copyright©
SISTEMIC di Giuseppe Caporale
 www.sistemic.it

Advertising e link support
by www.Golink.it

Golink www.Golink.it