Associazione culturale “La Radice”
Registrazione Tribunale di Catanzaro n° 38 del 12.04.1995



Home
Info
Autori
Biografie
Periodici
Cerca
Video
Link
Archivio
Lettere
Estinti
Gestionale
Articolo meno letto:
RICORDO DELLA SORELLA ANNA
Autore:Salvatore Mongiardo     Data: 31/12/2015  
WebCam su badolato borgo

Inserisci email per essere aggio Inserisci email per essere aggiornato


 LINK Culturali su Badolato:

Storia di Badolato a partire dai 50 anni della parrocchia Santi Angeli custodi di Badolato Marina, i giovani di ieri si raccontano.
www.ricordando.net

Comune di Badolato, servizio per la ricerca e visione dei testi conservati nella biblioteca comunale di Badolato.
www.laradice.it/bibliotecabadolato

Archivio di foto di interesse artistico culturale e storico - chiunque può partecipare inviando foto, descrizione e dati dell'autore
www.laradice.it/archiviofoto

Per ricordare chi ci ha preceduto e fà parte della  nostra storia
www.laradice.it/estinti


ACCETTIAMO:
  • MATERIALE da pubblicare o da conservare;
  • NOTIZIE storiche e d'altro genere;
  • INDIRIZZI di Badolatesi che ancora non ricevono il giornale;
  • FOTOGRAFIE di qualche interesse;
  • SUGGERIMENTI, che terremo presenti;
  • CONTRIBUTI in denaro.

Visite:
Pagine richieste:
Utenti collegati:
dal 01/05/2004

Locations of visitors to this page

Data: 31/12/2016 - Anno: 22 - Numero: 3 - Pagina: 4 - INDIETRO - INDICE - AVANTI

CAVADENTI A FOSSAFNDA

Letture: 882               AUTORE: Vincenzo Squillacioti (Altri articoli dell'autore)        

Veniva indicata col nome di Fossafnda, ed era, difatti, una grande valle piuttosto profonda. Tra
due grossi costoni dellAppennino che scendono divaricandosi verso il mare, si scorgeva a distanza un
fondovalle impenetrabile e sconosciuto da secoli. Poco pi a sud la fervida attivit boschiva per lapprovvigionamento
della legna necessaria ai forni delle ferriere borboniche, ma laggi, nellinaccessibile
foresta, non metteva piede essere umano. Era convinzione comune che quella grossa fossa ospitasse
soltanto lupi e cinghiali, vipere e tarantole, topi e scarafaggi, tafani e zanzare, a vivere insieme ad erbe
velenose in unintricata boscaglia di piante senza nome. La vita era laggi garantita a tutti quegli esseri
da una scrosciante fiumara, che nasceva chiss dove e spariva nella fossa per apparire limpida e bella a
pochi chilometri dal mare.
Limpenetrabilit di Fossafnda non ebbe, naturalmente, vita eterna. Tre pericolosi briganti, inseguiti
un giorno dai gendarmi dello Stato sino alla barriera non ancora sfondata, per scampare alla cattura
e quindi alla fucilazione, gettarono lanima al di l di quel confine e poi corsero a recuperarla, tra rovi,
dirupi, rischiosi guadi e animali selvatici, sino a far perdere agl'impacciati servitori dello Stato le loro
tracce, costringendoli a tornare faticosamente e a mani vuote sui loro difficili passi. I tre briganti, intanto,
piuttosto che riapparire alla luce del sole, decisero di affrontare ogni rischio pur di trovare un rifugio
che li nascondesse ai gendarmi. Continuando a fatica la penetrazione nel groviglio della fossa, si trovarono
allimprovviso dinanzi ad un macigno granitico alto alcuni metri appoggiato alla parete rocciosa
di una non elevata altura. Di lato unapertura, una specie di porta per accedere allinterno, come se una
mano potente e misteriosa avesse voluto creare un rifugio sicuro. E lo fu, difatti, per i tre e per numerosi
loro colleghi e compari per tanti anni politicamente e socialmente tumultuosi.
Per alcuni lustri i briganti sono stati gli unici esseri umani ad abitare a Fossafnda: quando questa
gena non ebbe pi spazio nel consorzio umano di quellepoca, la Fossa torn ad essere disabitata. Ma
per poco, perch in un periodo di carestia numerosi contadini e diversi pecorai dei centri urbani vicini
posarono lo sguardo su quella terra di nessuno, di cui potevano impunemente impossessarsi, dissodarla,
coltivarla e farla produrre pane e companatico per la famiglia. Cominci cos per la valle un periodo di
immigrazione che dur circa un ventennio, perch la fiumara era ricca di viventi commestibili, e il legno
per ogni uso non mancava, e il terreno era vergine e quindi ubertoso, e a terrazzarlo, con zappa, piccone
e tanto olio di gomito, di cui si disponeva in abbondanza, avrebbe prodotto fagiolini da mangiare freschi
e fagioli per il lungo inverno; e nutrienti patate, e squisite zucchine; persino pomodori si facevano nella
parte pi bassa; e luva fragola nelle pareti terrazzate della valle. N mancavano il castagno, il ciliegio,
il mandorlo, il noce. Le pecore e le capre avevano sconfinato spazio nel quale brucare; e alle galline non
mancavano angoli soleggiati dove liberamente razzolare.
Un piccolo paradiso era diventato in pochi anni Fossafnda, anche se mancava delle meravigliose bellezze
e delle vibranti emozioni del mare che non si riusciva a scorgere perch troppo lontano. Contadini
e pecorai, sentita parola, avevano fatto a gara per arrivare dalle contrade vicine e prendere possesso di un
bel po di terra. Non vi arriv un medico, n un avvocato, n un prete, ma qualche artigiano s, tra quelli
che nei piccoli paesi al di l della valle facevano spesso la fame per la spietata concorrenza di mestiere che
si facevano tra loro, piuttosto numerosi. Da Colonna arriv un bottaio che costruiva anche sedie e tavoli;
da Caulo si trasfer con la famiglia una donnina che aveva imparato al suo paese ad aiutare le donne nel
momento di dare alla luce i propri figli: a Fossafnda cominci a lavorare da subito, e senza sosta. Un tale
comparve un giorno col suo cavallo, e fu il mezzo di collegamento non solo emergenziale tra la valle e il
paese pi vicino. Tra gli immigrati anche un giovine che a Rocca, il suo paese, era apprendista muratore,
ma laggi costruiva case e forni per cuocere il pane: ma quanti ne sono crollati prima che uno rimanesse
saldo al posto dovera stato costruito! Arriv a Fossafnda anche una giovane sartina, che ebbe tanto da
fare anche lei, per donne soprattutto, ma fu costretta a interessarsi anche di indumenti maschili.
Un giorno mise piede nella valle, in giacca e cravatta, un calzolaio, accompagnato dalla moglie
che cavalcava unasina, minuta e mansueta. Il nostro ciabattino veniva da Bivingo che aveva abbandonata perch vi faceva quasi la fame, un po per le normali difficolt legate al mestiere, in quanto la
maggioranza della gente camminava ancora senza scarpe ai piedi, e un po perch i pochi spiccioli che
raggranellava li spendeva per onorare Bacco con il vino. La moglie, per, era contadina e a Fossafnda
avrebbe avuto la possibilit di possedere terra propria, e lavorarla producendo per la famiglia. E fu lei,
difatti, a mantenere nella nuova dimora la famiglia, perch mastrElia, il marito, aveva poco da lavorare
in quanto nella valle la gente camminava a piedi nudi. Egli, pertanto, passava buona parte del suo tempo
a dormire, e a bere abbondante e squisita spremuta di uva fragola. Sino a quando ebbe loccasione di
cambiare mestiere, almeno di tanto in tanto. Un giorno si present a casa sua un contadino chiedendo
aiuto contro un terribile mal di denti. mastrElia gli diede subito alcuni chiodi di garofano che usava per
s alloccorrenza quando viveva a Bivingo. La terapia funzion, e presto si sparse la voce nella valle che
il ciabattino fosse anche bravo curatore di mal di denti. Sulla porta di casa non ci mise la scritta DENTISTA,
ma furono sempre pi numerose le persone che diventavano clienti del suo secondo mestiere.
E lui, quando notava che i chiodi di garofano non avevano efficacia perch il dente era marcio, usava
le tenaglie da ciabattino per cavare il dente gi andato, e poi un bel sorso di forte liquore fatto in casa,
per disinfettare il cavo orale. E nessun paziente mai morto sotto i suoi ferri. E sulla sua tavola stato
sempre pi abbondante il vino di uva fragola.
Una notte fu lui, il buon mastrElia, ad avere un dolore insopportabile in bocca. Dinanzi allo specchio,
con la vista annebbiata per labbondante bevuta a cena, vide due denti in buona parte anneriti per la
carie. Non ci pens due volte: prese dal deschetto le tenaglie migliori che aveva appena fatto comprare,
le infil nella bocca e cav i due denti, luno dopo laltro. Poi gargarismi con un abbondante sorso del
solito liquore. E quindi di nuovo a letto, per un non facile riposo.
Lindomani mattina, lo specchio, al quale corse di buonora per la verifica, riflesse, tra tanti bianchi
denti, due in buona parte neri per la carie. Il buon ciabattino sera cavato nella notte due denti sani.
Pianse per il dolore quel giorno. E decise che non avrebbe fatto pi il cavatore di denti.



E-mail:              Webmaster: www.giuseppecaporale.it               Segnalazione errori

Testi e materiale Copyright©
Associazione culturale La Radice
  www.laradice.it

Sviluppo e design Copyright©
Giuseppe Caporale
 www.giuseppecaporale.it

Tecnologie e software Copyright©
SISTEMIC di Giuseppe Caporale
 www.sistemic.it

Advertising e link support
by www.Golink.it

Golink www.Golink.it