Associazione culturale “La Radice”
Registrazione Tribunale di Catanzaro n° 38 del 12.04.1995



Home
Info
Autori
Biografie
Periodici
Cerca
Video
Link
Archivio
Lettere
Estinti
Gestionale
Articolo meno letto:
INDIA DEL SUD (Spigolature di viaggio)
Autore:Roberto Gambini     Data: 31/08/2015  
WebCam su badolato borgo

Inserisci email per essere aggio Inserisci email per essere aggiornato


 LINK Culturali su Badolato:

Storia di Badolato a partire dai 50 anni della parrocchia Santi Angeli custodi di Badolato Marina, i giovani di ieri si raccontano.
www.ricordando.net

Comune di Badolato, servizio per la ricerca e visione dei testi conservati nella biblioteca comunale di Badolato.
www.laradice.it/bibliotecabadolato

Archivio di foto di interesse artistico culturale e storico - chiunque può partecipare inviando foto, descrizione e dati dell'autore
www.laradice.it/archiviofoto

Per ricordare chi ci ha preceduto e fà parte della  nostra storia
www.laradice.it/estinti


ACCETTIAMO:
  • MATERIALE da pubblicare o da conservare;
  • NOTIZIE storiche e d'altro genere;
  • INDIRIZZI di Badolatesi che ancora non ricevono il giornale;
  • FOTOGRAFIE di qualche interesse;
  • SUGGERIMENTI, che terremo presenti;
  • CONTRIBUTI in denaro.

Visite:
Pagine richieste:
Utenti collegati:
dal 01/05/2004

Locations of visitors to this page

Data: 30/04/2014 - Anno: 20 - Numero: 1 - Pagina: 29 - INDIETRO - INDICE - AVANTI

CU' E' DESTINATU U MORA AHRU SCURU A' VOGGHJA U SI FA' MASTRU CANDILARU

Letture: 983               AUTORE: Giovanna Durante (Altri articoli dell'autore)        

Nella cultura popare calabrese sono sempre esistiti elementi di condizionamento come la
sorte, il destino, la fortuna che vanno al di l della comprensione umana e che fanno pervenire
a successi ma pi spesso ad insuccessi non voluti e non prevedibili dalluomo. Purtroppo
la gente del Sud, duramente provata da calamit naturali e da pesanti ristrettezze economiche,
presa da un senso di impotenza e di sfiducia in s e negli altri, ha rinunciato spesso alla speranza,
alla perseveranza, allintraprendenza e si abbandonata al fatalismo. Tutto quindi stabilito
dalla forza cieca del destino che traccia il percorso di ciascun uomo, al di l del quale
non si pu andare! Il profondo sconforto e la conseguente rassegnazione che ha caratterizzato
per secoli la vita dei nostri avi hanno causato un grosso freno nello sviluppo, nella crescita
sociale e nellevoluzione della Calabria ed in generale del Sud.
Si diceva un tempo: Cu destintu u mora ahr1u scuru a vogghja u si fa mastru candilru
(Chi destinato a morire al buio inutile che si faccia fabbricante di candele); ed anche:
Cu sbenturtu nescia, peju mora (Chi nasce sventurato morir ancor peggio). Questi proverbi
esprimono in pieno il senso del concetto precedentemente esposto: non si pu cambiare
il corso del destino; siamo destinati a soccombere!
Si tratta comunque di un periodo storico da noi molto lontano quando i nostri antenati
vivevano in un mondo chiuso, dove il prodotto del lavoro, rapportato alle energie profuse
era piuttosto scarso e il denaro circolava a fatica. In un clima siffatto non era certo facile
pensare ad un miglioramento socio-culturale ed economico della popolazione dei paesi
simili al nostro; anzi era gi un miracolo poter assicurare a s ed ai propri familiari il
necessario per la sopravvivenza.
Anche la mentalit ristretta di quel tempo ha giocato un ruolo decisivo nel modo di pensare
e di agire del popolo calabrese e nella conseguente possibilit di sviluppo della nostra
terra. Difatti fino ad alcuni decenni fa i figli seguivano automaticamente le orme paterne e
spesso, sin dalladolescenza, erano costretti a dedicarsi allo stesso lavoro dei propri genitori.
Non a caso si diceva: Larta do tata menza mparta (Il mestiere del pap gi per
met appreso); del resto il padre-padrone di un tempo che dominava lintera famiglia non
avrebbe mai consentito alla propria prole di nutrire aspirazioni che non fossero adeguate al
tenore di vita della famiglia dorigine, e quindi alle sue possibilit economiche ed al suo
ceto sociale. Perci quasi tutti i giovani di un tempo, remissivi e condiscendenti per forza
di cose, venivano avviati al lavoro dei campi, malgrado le aspettative fossero sempre condizionate
dai fenomeni meteorologici che decidevano del raccolto annuale e quindi della
possibilit di sostentamento dellintera famiglia. Neanche lartigianato locale, legato
comera alle potenzialit della vita contadina, offriva garanzie di guadagni adeguati alle
normali esigenze delle famiglie.
Di fronte ad eventi che vanificavano il lavoro di un anno, facendo precipitare nella miseria
unintera famiglia, certo si reagiva con tristezza e rabbia, ma anche con rassegnazione e
con espressioni del tipo: U destnu meu vozza accuss (Cos ha voluto il mio destino), ed
anche Comu vola Ddu (Come vuole Dio). Era questo il modo di affidarsi alla volont divina
ma anche di arrendersi accettando passivamente sconfitte e problemi esistenziali di varia
entit in nome di un destino potente ed immutabile.


E-mail:              Webmaster: www.giuseppecaporale.it               Segnalazione errori

Testi e materiale Copyright©
Associazione culturale La Radice
  www.laradice.it

Sviluppo e design Copyright©
Giuseppe Caporale
 www.giuseppecaporale.it

Tecnologie e software Copyright©
SISTEMIC di Giuseppe Caporale
 www.sistemic.it

Advertising e link support
by www.Golink.it

Golink www.Golink.it