Associazione culturale “La Radice”
Registrazione Tribunale di Catanzaro n° 38 del 12.04.1995

In inglese


Home
Info
Autori
Biografie
Periodici
Cerca
Video
Link
Archivio
Lettere
Estinti
Gestionale
Articolo meno letto:
COMUNE DI BADOLATO Servizi Demografici – Ufficio Anagrafe
Autore:Vincenzo Rudi     Data: 30/12/2020  
WebCam su badolato borgo

Inserisci email per essere aggio Inserisci email per essere aggiornato


 LINK Culturali su Badolato:

Storia di Badolato a partire dai 50 anni della parrocchia Santi Angeli custodi di Badolato Marina, i giovani di ieri si raccontano.
www.ricordando.net

Comune di Badolato, servizio per la ricerca e visione dei testi conservati nella biblioteca comunale di Badolato.
www.laradice.it/bibliotecabadolato

Archivio di foto di interesse artistico culturale e storico - chiunque può partecipare inviando foto, descrizione e dati dell'autore
www.laradice.it/archiviofoto

Per ricordare chi ci ha preceduto e fà parte della  nostra storia
www.laradice.it/estinti


ACCETTIAMO:
  • MATERIALE da pubblicare o da conservare;
  • NOTIZIE storiche e d'altro genere;
  • INDIRIZZI di Badolatesi che ancora non ricevono il giornale;
  • FOTOGRAFIE di qualche interesse;
  • SUGGERIMENTI, che terremo presenti;
  • CONTRIBUTI in denaro.

Visite:
Pagine richieste:
Utenti collegati:
dal 01/05/2004

Locations of visitors to this page

Data: 30/04/2021 - Anno: 27 - Numero: 1 - Pagina: 19 - INDIETRO - INDICE - AVANTI

DANTE E L’AMORE

Letture: 66               AUTORE: Marina Gervasi (Altri articoli dell'autore)        

Il 25 marzo, giorno in cui si ritiene sia iniziato il viaggio di Dante nell’oltretomba, raccontato
nella Divina Commedia, è stato scelto come data simbolica del Dantedì il giorno da dedicare al
sommo poeta nella ricorrenza dei settecento anni dalla sua morte. Secondo Niccolò Tommaseo:
“leggere Dante è un dovere; rileggerlo un bisogno; gustarlo un gran segno di genio” che ci permette
di comprendere l’immensità straordinaria della sua anima. Nei suoi versi affondano le radici della
nostra civiltà e, con la sua opera ha creato un mondo con l’intento di erigere un ordine in cui il
mondo e l’esistenza umana siano tali quali devono essere davanti a Dio. Ancora oggi i suoi versi
ci insegnano verità, virtù e bellezza; la sua creatività è lo splendore assoluto per la varietà di temi,
di sentimenti e insegnamenti che ci ha lasciato. Fra i tanti, l’AMORE è il sentimento che più
caratterizza e costituisce una problematica fondamentale presente in quasi tutte le sue opere. Nel
Purgatorio egli afferma: …I’ mi son un che, quando / Amor mi spira, noto, ed a quel modo / ch’èi
ditta dentro, vo significando.
Nella Vita Nova, sua prima opera, egli affronta questo tema come appartenente alla corrente
stilnovistica di cui fu il maggiore esponente. L’Amore non è inteso come un sentimento passionale
ma casto, puro e che porta alla purificazione dell’anima avvicinando l’uomo a Dio; inoltre la donna
e l’Amore sono i mezzi attraverso cui l’uomo riesce a conseguire il bene e la beatitudine eterna.
Dante accetta e riprende motivi della lirica cortese e risente dell’influsso della ricerca filosofica
del suo tempo rifacendosi alla teoria della metafisica della luce, principio dell’essere, dello
splendore e della perfezione del creato.
Amore dunque ma come rilevazione del bene, esaltazione della nobiltà dello spirito, come
sentimento nobilissimo che porta alla progressiva purificazione spirituale e conseguente
avvicinamento a Dio. L’Amore visto come passione, lo troviamo trattato mirabilmente nel V canto
dell’Inferno. Qui Dante parla di coloro che furono in vita travolti dalla furia delle passioni. Il poeta
narra di “donne antiche e cavalieri” che morirono per forza d’Amore. Fra tutte si evidenziano le
figure di Paolo e Francesca il cui amore sconvolse Dante che si chiede come due creature di alto
ceto sociale, non rozze ma dotate di fine educazione e di vasta cultura possano cadere vittime del
peccato.
Secondo gli Stilnovisti l’amore della donna rendeva l’uomo perfetto. Ma, in questo caso,
Francesca non solo è già sposata ma l’amante è tutto preso dalla contemplazione di lei, della sua
persona. Tutto ciò va contro la religione che vuol che l’unico amore vero ed assoluto sia Dio. Si
può amare anche una creatura ma sempre secondo le leggi di Dio. Quindi sia Dante che gli altri
Stilnovisti erano caduti nell’errore di innalzare una creatura terrena. Il peccato quindi non sta nel
sentimento d’amore che è benedetto da Dio quando è puro ma nell’Amore-passione che porta
all’esaltazione della “persona” cioè alla bellezza fisica che non fa più ragionare.
Il tema dell’Amore continua ad essere tema di fondo e motivo imperativo per tutte le sue
successive opere oltre a dargli forza per sopportare prove molto dure: esilio, morte di Beatrice etc…
La sua opera principale, la DIVINA COMMEDIA, è tutta informata dal principio dinamico
dell’Amore che viene estrinsecato attraverso lo stesso viaggio che ogni essere umano compie lungo
il corso della vita. È l’Amore infatti che spinge l’uomo verso il Signore. Ogni essere ama la natura,
la vita e attraverso le sue creature ama Dio.
Anche Dante traviato dalle passioni politiche, dagli odi di parte si trovò smarrito e disperò di
potersi salvare, ostacolato dalle tre fiere. Grazie all’aiuto di Virgilio ritornerà all’amore: amore
verso la famiglia, la patria, se stessi e Dio.
Il concetto dell’Amore non solo informa tutta la Commedia, ma ritorna spesso come
giustificazione del vivere umano, del bene e del male del nostro operare: così spiegherà Dante, nel
Purgatorio che l’amore è sempre presente nelle azioni dell’uomo come amore carità oppure come
amore e odio: un odio che talvolta pone l’uomo contro se stesso e contro i beni della terra.
La duplice faccia dell’amore, dunque, ha fondamento nei principi “del bene e del male”, ed è
fonte delle nostre azioni, dalle più giuste alle più gravi. Così, su queste basi, ha inizio il “fatale
andare” del poeta che si porrà come una continua discesa al centro della terra, passando attraverso
tutto l’inferno; poi risalendo verso la montagna del purgatorio e poi fino all’empireo; un viaggio
che, sotto il profilo spirituale, costituisce per Dante un continuo ascendere sino a giungere alla
suprema visione di Dio.


E-mail: info@laradice.it             Webmaster: www.giuseppecaporale.it               Segnalazione errori

Testi e materiale Copyright©
Associazione culturale La Radice
  www.laradice.it

Sviluppo e design Copyright©
Giuseppe Caporale
 www.giuseppecaporale.it

Tecnologie e software Copyright©
SISTEMIC di Giuseppe Caporale
 www.sistemic.it

Advertising e link support
by www.Golink.it

Golink www.Golink.it