Associazione culturale “La Radice”
Registrazione Tribunale di Catanzaro n° 38 del 12.04.1995



Home
Info
Autori
Biografie
Periodici
Cerca
Video
Link
Archivio
Lettere
Estinti
Gestionale
Articolo meno letto:
PRIMO: SALUTARE
Autore:Vincenzo Squillacioti     Data: 30/04/2019  
WebCam su badolato borgo

Inserisci email per essere aggio Inserisci email per essere aggiornato


 LINK Culturali su Badolato:

Storia di Badolato a partire dai 50 anni della parrocchia Santi Angeli custodi di Badolato Marina, i giovani di ieri si raccontano.
www.laradice.it/bibliotecabadolato

Archivio di foto di interesse artistico culturale e storico - chiunque può partecipare inviando foto, descrizione e dati dell'autore
www.laradice.it/archiviofoto

Per ricordare chi ci ha preceduto e fà parte della  nostra storia
www.laradice.it/estinti


ACCETTIAMO:
  • MATERIALE da pubblicare o da conservare;
  • NOTIZIE storiche e d'altro genere;
  • INDIRIZZI di Badolatesi che ancora non ricevono il giornale;
  • FOTOGRAFIE di qualche interesse;
  • SUGGERIMENTI, che terremo presenti;
  • CONTRIBUTI in denaro.

Visite:
Pagine richieste:
Utenti collegati:
dal 01/05/2004

Locations of visitors to this page

Data: 30/04/2019 - Anno: 25 - Numero: 1 - Pagina: 44 - INDIETRO - INDICE - AVANTI

DON ROBERTO

Letture: 99               AUTORE: Vincenzo Squillacioti (Altri articoli dell'autore)        

Abbiamo più volte parlato e anche scritto di gente arrivata a
Badolato, soprattutto da altri paesi della nostra stessa regione, e
poi qui rimasta per periodi più o meno lunghi o per sempre, e ne
sono prova -se ce ne fosse bisogno- alcuni soprannomi e cognomi:
Bufungìsi, Isolitànu, Monastaraciòtu, Montaurìsi, Sansostàru,
Squillacioti, Tropeano,…Una riflessione che vale anche a proposito
di ospitalità e di accoglienza del popolo badolatese, e della gente
del Sud in genere.
Tra i tanti, non abbiamo mai scritto di una persona arrivata a
Badolato alla fine del 1953: è il signore che vediamo in fotografia,
(Foto Archivio rag. Tonino Paparo)
regalataci tempo fa dall’amico ragioniere Tonino Paparo, e che noi
qui riproduciamo per stimolare la memoria di numerosi anziani e per
consegnarla ai tantissimi giovani. Ne scriviamo perché don Roberto -così veniva indicato ed apostrofato- era un personaggio “speciale”,
noto a tutti in quel tempo a Badolato, e rispettato e stimato per il
portamento, l’equilibrio, la cultura e il rapporto estremamente
corretto con il popolo. Presumo che il non mai abbastanza
compianto professore Antonio Fiorenza lo avrebbe compreso tra le
Figure a Badolato (Ediz “La Radice”, 2013) se la vita gli avesse dato il tempo di continuare il suo libro.
Don Roberto era nato a Foligno il 2 agosto del 1887, da Don Nestore e da Donna Volumnia Valentina.
Ecco come scrive di lui il professore Antonio Gesualdo nella propria Autobiografia (Biblioteca
Gesualdiana, giugno MMXVII):
Mi piaceva da giovinetto andare e domesticarmi / con il Barone Don Roberto Gironda Veraldi
di Foligno / Poliglotta, rovesciato nel buio della miseria travolgente, / ma della vita sentì sempre e
affermò / con orgoglio la dignità e l’intima bontà, / e aveva vigore di sollevarsi sopra i suoi patèmi /
d’animo, e contemplarli e affisarli, / con un solco di dolore e di nobiltà / che portava imprèsso in fronte.
E ancora: …egli fu uomo colto di straordinaria qualità, eccellente e perfetto conoscitore e parlatore
delle lingue francese, tedesca, inglese, spagnuola; e che fu perseguitato da un gerarca fascista per la
sua critica alle “leggi razziali del 1938, per il suo parteggiare politico per gl’ideali umanitari e più
propriamente socialistici: e pensò di suo, accogliendo e ripetendo financo le idee degli uòmini coi quali
allora si legò d’amicizia.
Don Roberto, quindi, era un barone caduto in miseria: a Badolato era detto barone decaduto, da
altri scaduto. I due cognomi, Gironda e Veraldi, appartengono a due nobili famiglie imparentate, prima
separate, poi fuse e poi nuovamente separate. Da ricerche effettuate risulta che la nobiltà dei Gironda
risale al Medioevo Il padre di Don Roberto era di Foligno, ma la madre -ci viene detto- era di Petilia
Policastro. Ancora oggi esistono vistose tracce (palazzi e toponimi) delle due famiglie ad Amaroni,
a Vallefiorita, a Squillace, a Catanzaro. Sull’arco del portone interno del palazzo Gironda Veraldi di
Taverna è inciso il motto dei Gironda: NORMANDAE GENTES GENTEM GENUERE GERONDAM.
Mi piace qui riportare un ricordo personale. Quando nell’estate del 1957 mi sono recato a Foligno
per frequentare la Scuola Allievi Ufficiali di Artiglieria, Don Roberto, venuto a conoscenza, volle
consegnarmi una lettera per un suo cugino residente in quella città, perché io potessi conoscerlo e
conversare con lui di problemi culturali non proprio usuali.
Il “barone decaduto”, uscito dal carcere dove è rimasto non sappiamo per quanti anni, e neanche per
quale motivo (si parlava di omicidio, di errore, di duello,…), costretto in miseria, ha alloggiato per un
certo periodo nei locali (senza letto) della Federazione Provinciale del Partito Comunista a Catanzaro.
Poi -ci viene raccontato da chi ha avuto occasione di sentirlo spesso e a lungo- ha chiesto ospitalità a
famiglia borghese di Guardavalle, con esito negativo. Stesso esito anche la richiesta a famiglia nobile
di Santa Caterina. Quindi a Badolato, dove ottenne dal barone Gallelli di abitare nel casino, allora non
ancora diruto, di Giambàrtolo. E da lì, residenza piuttosto scomoda perché lontana dal centro abitato,
passò ad abitare in una “oscura camera”, sempre del suddetto barone, in Vico Gallelli. Infine andò a
vivere in un’altra squallida cameretta in Scesa Castello. Per un breve periodo, all’inizio, pare, è stato
ospite del contadino Giuseppe Parretta, nei pressi del rione Sangiànni, in qualità di professore (di
appoggio) del giovanissimo Cosimo parretta già avviato agli studi a Catanzaro.
Don Roberto, nella sua permanenza quasi decennale a Badolato, ha vissuto dignitosamente. Mettendo
a frutto l’ottima conoscenza delle lingue straniere, dava lezioni private, anche di rinforzo, a giovani che
frequentavano le scuole, medie e superiori, a Catanzaro, ricevendone in cambio rispetto, gratitudine
ed anche qualcosa di materiale. Tra i tanti che hanno fruito della sua preparazione e disponibilità,
abbiamo sentito i nomi di Francesco Andreacchio, Felice Carnuccio, Franco Criniti, Lucia Gallelli,
Totò Gallelli, Vittorio Gallelli, Carlo Nocita, Cosimo Parretta, Ennio Rocca, Pasquale Rudi, Pepé
Rudi, Nicola Vitale. Ci risulta, comunque che abbia dato lezioni di lingue straniere anche ad adulti, di
Badolato e di Soverato: persone che ne sentivano il bisogno per esigenze professionali Di due giovani,
in particolare, si vuole fare i nomi qui alla fine, perché del nobile Don Roberto sono stati discepoli
affezionati, accompagnatori quasi inseparabili, attenti ascoltatori ed anche interlocutori nelle lunghe e
intelligenti conversazioni nelle non rare passeggiate lungo il Corso Umberto I, e nella strada che porta
verso Giambàrtolo: Antonio Gesualdo e Tonino Paparo, due giovani, allora, che hanno assorbito quanto
di meglio era possibile da un “barone decaduto”, rimasto nobile sino alla fine dei suoi giorni. Ai due
cari amici il sentito ringraziamento per avermi dato gli stimoli e le notizie che mi hanno consentito di
scrivere questa pagina di storia, culturale e umana, della nostra Comunità.
Don Roberto si sentì male nei primi giorni di giugno del 1963, e fu accompagnato d’urgenza a
Catanzaro dal giovine Cecé Battaglia (u Colonnèllu) con una Fiat 1100. Non vi fece ritorno: morì in
ospedale il 14 giugno.




E-mail:              Webmaster: www.giuseppecaporale.it               Segnalazione errori

Testi e materiale Copyright©
Associazione culturale La Radice
  www.laradice.it

Sviluppo e design Copyright©
Giuseppe Caporale
 www.giuseppecaporale.it

Tecnologie e software Copyright©
SISTEMIC di Giuseppe Caporale
 www.sistemic.it

Advertising e link support
by www.Golink.it

Golink www.Golink.it