Associazione culturale “La Radice”
Registrazione Tribunale di Catanzaro n° 38 del 12.04.1995

In inglese


HomeInfoAutoriBiografiePeriodiciCercaVideoLinkArchivioAltro spazioEstintiGestionale
Articolo meno letto:

Autore:     Data: 30/04/1994  
WebCam su badolato borgo

Inserisci email per essere aggio Inserisci email per essere aggiornato


 LINK Culturali su Badolato:

Storia di Badolato a partire dai 50 anni della parrocchia Santi Angeli custodi di Badolato Marina, i giovani di ieri si raccontano.
www.ricordando.net

Comune di Badolato, servizio per la ricerca e visione dei testi conservati nella biblioteca comunale di Badolato.
www.laradice.it/bibliotecabadolato

Archivio di foto di interesse artistico culturale e storico - chiunque può partecipare inviando foto, descrizione e dati dell'autore
www.laradice.it/archiviofoto

Per ricordare chi ci ha preceduto e fà parte della  nostra storia
www.laradice.it/estinti


ACCETTIAMO:
  • MATERIALE da pubblicare o da conservare;
  • NOTIZIE storiche e d'altro genere;
  • INDIRIZZI di Badolatesi che ancora non ricevono il giornale;
  • FOTOGRAFIE di qualche interesse;
  • SUGGERIMENTI, che terremo presenti;
  • CONTRIBUTI in denaro.

Visite:
Pagine richieste:
Utenti collegati:
dal 01/05/2004

Locations of visitors to this page

Data: 30/09/2007 - Anno: 13 - Numero: 3 - Pagina: 36 - INDIETRO - INDICE - AVANTI

“FORA MALÒCCHJU”

Letture: 265               AUTORE: Giovanna Durante (Altri articoli dell'autore)        

“C’era una volta il ‘malocchio’, sguardo invidioso e cattivo…” Così potrebbe cominciare una
favola riguardante i tristi condizionamenti della superstizione che affonda le sue radici nel passato
ma sopravvive anche nel presente in una forma subdola ed insidiosa.
Un tempo era talmente radicata e diffusa la credenza dell’“addòcchio” che qualsiasi malanno
o altro imprevisto spiacevole veniva riportato ad una forza maligna sempre in agguato, ritenuta
capace di provocare malattie e disgrazie varie, non solo alle persone ma anche agli animali. Sia
l’azione dell’“addocchiàre” che l’effetto negativo dell’“addòcchio” si riteneva fossero causati dall’invidia,
un’invidia ritenuta tanto insidiosa da creare mali difficili da combattere e da debellare.
La persona invidiosa aveva un forte potere di richiamare malanni e sventure che potevano ricadere
su una singola persona o sopra un’intera famiglia; non a caso si diceva: “Casa addocchjàta è
menza sdarrupàta” (La casa sottoposta al malocchio è quasi in rovina); ed ancora: “A mbìdia esta
ammènzu a casa do diàvulu” (L’invidia sta in mezzo alla casa del diavolo). Addirittura si riteneva
che l’influenza funesta del malocchio potesse essere anche involontaria, cioè determinata da
un semplice sguardo di ammirazione o da un moto di entusiasmo, e che il malocchio provocato
da una donna poteva distinguersi da quello dell’uomo.
Queste strane credenze che condizionano psicologicamente gli individui e il loro modo di pensare
sono frutto di una proiezione di paure e di angosce ancestrali difficili da eliminare. Un tempo
le carestie, la malaria, i terremoti, le alluvioni e le stesse incursioni piratesche erano minacce
inspiegabili, forze imprevedibili del tutto oscure; la stessa fame che, in alcuni periodi storici ha
condizionato negativamente l’intera esistenza umana, rappresentava un incubo da cui non era facile
uscire. Ignorare la natura di questi mali e il modo di prevenirli o contrastarli portava l’uomo a
ricercare rimedi e difese empiriche.
Era opinione diffusa tra la gente calabra che l’influsso malefico non fosse solo provocato dal
malocchio ma anche da riti che, a seconda dei casi, suscitavano il male o lo eliminavano. Essi
venivano officiati soprattutto da donne esperte in questo campo “magico”, dette “magàre”, con
procedimenti particolari che si tramandavano di generazione in generazione. La formula magica
era caratterizzata da una specie di preghiera consistente nella prima parte in un’invocazione a Dio,
ai Santi o ad altre misteriose presenze alle quali si chiedeva aiuto; nella seconda parte s’ingiungeva
categoricamente al malocchio di sparire con l’espressione: “Fora malòcchju da…” e si pronunciava
il nome della persona, dell’animale, dell’immobile o degli oggetti colpiti dall’invidia.
Nel corso del rito, la recita della formula magica veniva accompagnata da numerosi sbadigli e
lacrime da parte dell’officiante: era questo il segno tangibile che il malocchio c’era ma stava
andando via. Dove, non si sa!
In alcuni paesi della nostra regione si credeva persino che le forze malefiche, capaci di intralciare
il cammino dell’uomo, erano costituite da esseri misteriosi, eterei, quasi sempre invisibili, detti
“spirdi”, ossia spiriti apportatori di sventure. Per contrastare il malocchio e prevenire l’influsso
malefico degli spiriti si ricorreva all’uso di strani gingilli: per i bambini si usavano cornetti di corallo,
piccole mani facenti le corna, pesciolini smaltati, ecc.; per gli adulti altri amuleti come le zanne
di maiale, il corno rosso, il ferro sotto qualsiasi forma. Del resto ancora oggi c’è chi fa le corna, chi
incrocia le dita, chi fa ricorso al cornetto rosso nell’intento di esorcizzare il male.
A Badolato, e forse anche nei paesi vicini, per preservare i bambini dall’ “addòcchju” si usava
comunemente “u brovìnu”, e cioè un piccolissimo sacchetto di stoffa preferibilmente rossa, contenente
un pizzico di sale e uno d’incenso, una fogliolina d’ulivo benedetta e un’immaginetta
sacra arrotolata. Il sacchetto, che poteva avere la forma di un minuscolo cuore, veniva attaccato
all’interno di una bretella della camicia. Qualcuno soleva anche appuntare un minuscolo cornetto
rosso tra le pieghe del vestitino del bimbo o della bimba.
Al “brovìnu” si accompagnava spesso “u scongiùru”, un pezzetto di carta su cui era scritta la
seguente formula in lingua latina avente il compito di scacciare il maligno: Ecce Crucem Domini;
fugite partes adversae, vicit Leo de tribu Iuda. (Ecco la Croce del Signore; fuggite parti nemiche, ha
vinto il Leone della tribù di Giuda.). Per avere lo scongiuro bastava recarsi al Convento francescano
di Santa Maria degli Angeli e chiederlo al Padre Guardiano; molti anziani badolatesi ricordano
di averlo chiesto ed ottenuto da Padre Bonaventura Falcone e poi da Padre Teofilo D’Elia.
In molti paesi della Calabria quando si costruiva una casa si usava appendere al muro esterno
un ferro di asino o un paio di corna di bue per scacciare l’invidia; né era raro vedere scritto a caratteri
cubitali sulla parete esterna di una misera casa: “Crepa l’invidia” (Crepi l’invidia). Numerosi
erano anche i presagi per lo più negativi legati agli animali; si pensava infatti che la civetta fosse
di cattivo augurio quando emetteva il suo lugubre pigolio, che le falene portassero notizie belle o
brutte a seconda del loro colore, che il verso del cuculo significasse morte sicura per un ammalato,
così come il guaito persistente del cane. Non parliamo poi del povero gatto la cui colpa è solo
quella di avere il pelo nero! Su di lui permane una strana superstizione: se un gatto nero attraversa
la strada ad un pedone o ad un automobilista la disgrazia è incombente, per cui c’è ancora chi
ritiene che, “pe ssì e pe nno”, è meglio cambiare direzione di marcia. Il tutto in ossequio al detto
“Non è vero ma ci credo”.



E-mail: info@laradice.it             Webmaster: www.giuseppecaporale.it               Segnalazione errori

Testi e materiale Copyright©
Associazione culturale La Radice
  www.laradice.it

Sviluppo e design Copyright©
Giuseppe Caporale
 www.giuseppecaporale.it

Tecnologie e software Copyright©
SISTEMIC di Giuseppe Caporale
 www.sistemic.it

Advertising e link support
by www.Golink.it

Golink www.Golink.it