Associazione culturale “La Radice”
Registrazione Tribunale di Catanzaro n° 38 del 12.04.1995



Home
Info
Autori
Biografie
Periodici
Cerca
Video
Link
Archivio
Lettere
Estinti
Gestionale
Articolo meno letto:
LIBRI RICEVUTI
Autore:     Data: 31/12/2015  
WebCam su badolato borgo

Inserisci email per essere aggio Inserisci email per essere aggiornato


 LINK Culturali su Badolato:

Storia di Badolato a partire dai 50 anni della parrocchia Santi Angeli custodi di Badolato Marina, i giovani di ieri si raccontano.
www.laradice.it/bibliotecabadolato

Archivio di foto di interesse artistico culturale e storico - chiunque può partecipare inviando foto, descrizione e dati dell'autore
www.laradice.it/archiviofoto

Per ricordare chi ci ha preceduto e fà parte della  nostra storia
www.laradice.it/estinti


ACCETTIAMO:
  • MATERIALE da pubblicare o da conservare;
  • NOTIZIE storiche e d'altro genere;
  • INDIRIZZI di Badolatesi che ancora non ricevono il giornale;
  • FOTOGRAFIE di qualche interesse;
  • SUGGERIMENTI, che terremo presenti;
  • CONTRIBUTI in denaro.

Visite:
Pagine richieste:
Utenti collegati:
dal 01/05/2004

Locations of visitors to this page

Data: 31/03/2006 - Anno: 12 - Numero: 1 - Pagina: 17 - INDIETRO - INDICE - AVANTI

IL VIAGGIO

Letture: 880               AUTORE: Enzo Ignazi - Sacerdote (Altri articoli dell'autore)        

(Come vorremmo poter accontentare tutti gli amici che ci chiedono un po di spazio! Come vorremmo poter pubblicare tutte le belle pagine e i sani pensieri che ci vengono proposti da ogni dove! Come vorremmo poter contribuire, anche con questo nostro modesto strumento di comunicazione, alla lotta contro la guerra e chi la ordina, contro lingiustizia e chi ne causa, contro la miseria e chi ne legifera, contro la precariet e lo smarrimento e chi ne lautore! Vorremmo avere le capacit e le energie per debellare il male ed aiutare chiunque voglia seriamente porsi quale costruttore di pace, di giustizia, di vera libert. Ma se nessuno c mai riuscito, come potremmo mai pensare di riuscirci noi?! Vorremmo anche noi che ogni essere vivente, nella sua pur effimera comparsa, faccia buon viaggio. Ci premesso, non possiamo non dare doveroso spazio a questo scritto che ci ha mandato da Roma il sempre tanto vicino e sensibile amico Ciccio Menniti. uno degli ultimi scritti di Padre Enzo Ignazi, sacerdote di grande umilt e, tra laltro, stimato docente di latino e greco. Tre settimane prima della morte, avvenuta di recente, ha scritto questo messaggio, per tutti quelli che gli erano vicini ed ora anche per noi.)

IL VIAGGIO
La nostra vita come un viaggio in treno: c chi sale e c chi scende, accadono piccoli incidenti di percorso, sorprese gradevoli per alcune salite e tristezza per alcune discese
Quando nasciamo noi saliamo su questo treno e incontriamo due persone che pensiamo faranno il viaggio con noi fino alla fine: sono i nostri genitori ma non cos. Infelicemente in qualche stazione essi scenderanno lasciandoci orfani della loro tenerezza, protezione, amore, affetto
Tuttavia ci non impedisce che durante il viaggio salgano sul treno persone interessanti che diventeranno speciali per noi: sono i fratelli, gli amici, gli amori
Molte persone prendono questo treno come una passeggiata, altre fanno il viaggio sperimentando solamente tristezza. Ma nel treno ci sono anche persone che passano da un vagone allaltro pronte ad aiutare chi ha bisogno. Molti scendono e lasciano una tristezza eterna Altri viaggiano in maniera tale che, quando lasciano i loro posti, nessuno se ne accorge
curioso osservare che alcuni passeggeri che ci sono molto cari prendono posto in vagoni diversi dal nostro. Questo ci obbliga a fare il viaggio separati da loro. Ma ci non ci impedisce, pur con difficolt, di attraversare il nostro vagone e giungere a loro. Difficile sar accettare che non possiamo sederci accanto perch unaltra persona occupa quel posto.
Questo viaggio pieno di ostacoli, sogni, fantasie, attese, salite, discese
Sappiamo che questo treno non torna mai indietro. Facciamo dunque il viaggio nel miglior modo possibile, cercando di mantenere un buon rapporto con tutti, vedendo in ogni passeggero il meglio che ha e ricordando sempre che in ogni momento del percorso qualcuno pu crollare abbiamo bisogno di capire questo. Noi stessi alcune volte ci sentiremo deboli e certamente qualcuno ci capir.
Il grande mistero che non sappiamo in quale fermata discenderemo.
Penso: quando scender da questo treno prover nostalgia? S! Lasciare i miei figli viaggiare da soli sar molto triste. Separarmi dagli amici che mi sono fatto durante il viaggio della mia vita sar per me doloroso. Per mi aggrappo alla speranza che in qualche momento star nella stazione principale e avr lemozione di vederli arrivare con il loro bagaglio che non avevano quando salirono Ci che mi lascer felice sapere che in qualche modo io ho collaborato perch questo bagaglio crescesse e diventasse prezioso
Ora, in questo momento, il treno sta per rallentare: ci sono persone che devono salire e altre che devono scendere
La mia aspettativa aumenta a mano a mano che il treno diminuisce la sua velocit. Chi scender? Chi salir?
Mi piacerebbe che voi pensaste a chi scende dal treno non solo come ad una immagine di morte, ma anche come al termine di una storia, di un qualcosa che due o pi persone costruirono insieme e che, per un motivo qualunque, lasciarono crollare!
Son felice di sapere che alcune persone come noi hanno la capacit di ricostruire per ricominciare Questo segno di forza, di lotta, di coraggio: saper vivere e trarre il meglio da tutti i passeggeri.
Sono soprattutto felice che tu viaggi con me, sebbene non siamo seduti luno a fianco allaltro, certamente siamo nello stesso vagone.
Buon viaggio.


E-mail:              Webmaster: www.giuseppecaporale.it               Segnalazione errori

Testi e materiale Copyright©
Associazione culturale La Radice
  www.laradice.it

Sviluppo e design Copyright©
Giuseppe Caporale
 www.giuseppecaporale.it

Tecnologie e software Copyright©
SISTEMIC di Giuseppe Caporale
 www.sistemic.it

Advertising e link support
by www.Golink.it

Golink www.Golink.it