Associazione culturale “La Radice”
Registrazione Tribunale di Catanzaro n° 38 del 12.04.1995

In inglese


Home
Info
Autori
Biografie
Periodici
Cerca
Video
Link
Archivio
Lettere
Estinti
Gestionale
Articolo meno letto:
NON C’È PIÙ IL TUO PAESE
Autore:     Data: 30/12/2020  
WebCam su badolato borgo

Inserisci email per essere aggio Inserisci email per essere aggiornato


 LINK Culturali su Badolato:

Storia di Badolato a partire dai 50 anni della parrocchia Santi Angeli custodi di Badolato Marina, i giovani di ieri si raccontano.
www.ricordando.net

Comune di Badolato, servizio per la ricerca e visione dei testi conservati nella biblioteca comunale di Badolato.
www.laradice.it/bibliotecabadolato

Archivio di foto di interesse artistico culturale e storico - chiunque può partecipare inviando foto, descrizione e dati dell'autore
www.laradice.it/archiviofoto

Per ricordare chi ci ha preceduto e fà parte della  nostra storia
www.laradice.it/estinti


ACCETTIAMO:
  • MATERIALE da pubblicare o da conservare;
  • NOTIZIE storiche e d'altro genere;
  • INDIRIZZI di Badolatesi che ancora non ricevono il giornale;
  • FOTOGRAFIE di qualche interesse;
  • SUGGERIMENTI, che terremo presenti;
  • CONTRIBUTI in denaro.

Visite:
Pagine richieste:
Utenti collegati:
dal 01/05/2004

Locations of visitors to this page

Data: 30/04/2021 - Anno: 27 - Numero: 1 - Pagina: 46 - INDIETRO - INDICE - AVANTI

INDIGNIAMOCI!

Letture: 160               AUTORE: Vincenzo Squillacioti (Altri articoli dell'autore)        

Non vogliamo soffermarci sulla parte ormai storica del verbo indignarsi: del libro
Indignatevi di Stéphane Hessel pubblicato in Francia nel 2011 e poi ovunque, abbiamo già
scritto nelle pagine di questo periodico. Vogliamo, invece, confermare il nostro sconcerto e la
forte e ancora repressa tentazione di rassegnarsi, ormai. Ma prevale, non so sino a quando, la
rabbia dinanzi allo sfascio quasi generalizzato nel quale siamo avvolti, di cui facciamo parte,
e non raramente colpevoli. E non da ieri, se teniamo conto che quasi un secolo fa lo scrittore
meridionalista Giustino Fortunato definiva la Calabria uno sfasciume pendulo sul mare. La
rabbia, soprattutto per l’impotenza di operare per cambiare le cose, ed anche per l’inutilità del
fattivo impegno dei pochi non ancora rassegnati. La rabbia! Un termine carico in genere di
negatività, ma pur sempre una delle fondamentali emozioni umane, sicuramente utile e spesso
necessaria sino a quando non conduce ad atti di violenza. Il grande Mahatma Gandhi insegna!
Nel Bel Paese c’è troppa gente che ruba o aiuta o copre chi lo fa; troppa gente che corrompe
o che si fa corrompere; troppa gente che evade; troppa gente che uccide, che delinque, che
imbroglia, che inquina, che vive non rispettando la legge e le istituzioni dello Stato. E anche
troppa gente -capi, commissari, consulenti, direttori, dirigenti, presidenti, ecc.- che non controlla
pur avendone il dovere e la rispettiva molto spesso abbondante remunerazione. E poca gente, di
contro, che possiede la maggior parte della ricchezza del Paes, per cui il divario tra ricchi e poveri
è sempre in aumento. Così da Nord a Sud dello Stivale. Con alcune non marginali particolarità,
tra cui la Sanità. Pur evitando, per precisa scelta, di entrare nel merito della riforma che ancora
la regolamenta, ritengo non sia più sopportabile come viene gestita, da noi specialmente, in
Calabria. Si continuano a spendere miliardi, di cui buona parte passa dallo Stato alle strutture
private, ma spesso non si trova un posto letto nell’ospedale vicino e si viene ricoverati a distanza
di decine e decine di chilometri. Spesso si è costretti a ricorrere a vie traverse. E quante volte,
presentandoti con un’impegnativa, ti senti dire che “l’agenda è chiusa”, e quindi rimani senza
prenotazione. E devi attendere. E devi andare altrove. E devi andare al privato convenzionato, o
al privato a pagamento. Nella civile Italia, nel terzo millennio dell’era cristiana, è tollerabile che
per un accertamento sanitario si debba aspettare un anno e cinque mesi? È successo tante volte,
a tanta gente, in alcuni casi anche di peggio: ad un congiunto del sottoscritto, una prenotazione
fatta il 5 novembre 2019 è stata fissata per l’8 aprile 2021, in un efficiente ospedale della Calabria.
Ovviamente, quando si è ritenuto forse dannoso aspettare ancora, si è doverosamente provveduto
alla disdetta, in tempo utile per non pagare la multa. Per non dire, poi, che in un paese civile
la Sanità dovrebbe funzionare capillarmente nel territorio, per tentare di salvare più facilmente
vite umane. Ed anche per risparmiare miliardi. Così la medicina preventiva, divenuta ormai una
mera espressione linguistica. E che dire di ciò che è avvenuto e sta avvenendo a proposito della
pandemia e della relativa vaccinazione contro il Covid 19? Meglio non scriverne!
Mi fermo qui, anche perché non serve continuare a scrivere di situazioni ben note anche
all’ultima persona di strada. Ma abbiamo il dovere di indignarci, o no?! Ma chi ne ha il diritto?
Sinceramente, non lo so. Mi vien da pensare, anzi, che forse non ho il diritto di usare il plurale
“dobbiamo”. Anche io, che scrivo di rabbia e di forte indignazione, ho il diritto di indignarmi?!
È difficile giudicarsi da sé. Lo facciano altri, se ne hanno voglia e tempo. E possibilità. E
capacità.


E-mail: info@laradice.it             Webmaster: www.giuseppecaporale.it               Segnalazione errori

Testi e materiale Copyright©
Associazione culturale La Radice
  www.laradice.it

Sviluppo e design Copyright©
Giuseppe Caporale
 www.giuseppecaporale.it

Tecnologie e software Copyright©
SISTEMIC di Giuseppe Caporale
 www.sistemic.it

Advertising e link support
by www.Golink.it

Golink www.Golink.it