Associazione culturale “La Radice”
Registrazione Tribunale di Catanzaro n° 38 del 12.04.1995



Home
Info
Autori
Biografie
Periodici
Cerca
Video
Link
Archivio
Lettere
Estinti
Gestionale
Articolo meno letto:
BADOLATO
Autore:     Data: 30/04/2019  
WebCam su badolato borgo

Inserisci email per essere aggio Inserisci email per essere aggiornato


 LINK Culturali su Badolato:

Storia di Badolato a partire dai 50 anni della parrocchia Santi Angeli custodi di Badolato Marina, i giovani di ieri si raccontano.
www.laradice.it/bibliotecabadolato

Archivio di foto di interesse artistico culturale e storico - chiunque può partecipare inviando foto, descrizione e dati dell'autore
www.laradice.it/archiviofoto

Per ricordare chi ci ha preceduto e fà parte della  nostra storia
www.laradice.it/estinti


ACCETTIAMO:
  • MATERIALE da pubblicare o da conservare;
  • NOTIZIE storiche e d'altro genere;
  • INDIRIZZI di Badolatesi che ancora non ricevono il giornale;
  • FOTOGRAFIE di qualche interesse;
  • SUGGERIMENTI, che terremo presenti;
  • CONTRIBUTI in denaro.

Visite:
Pagine richieste:
Utenti collegati:
dal 01/05/2004

Locations of visitors to this page

Data: 31/12/2009 - Anno: 15 - Numero: 3 - Pagina: 25 - INDIETRO - INDICE - AVANTI

I CIPRESSI DI ZANGARSA E ILMARE

Letture: 1004               AUTORE: Oreste Montebello (Altri articoli dell'autore)        

Qualche domenica fa con la mia famiglia partecipavo ad una escursione organizzata
dallUniversit della terza et e del tempo libero di Soverato e sul mezzo che ci portava a conoscere
alcune delle perle incastonate nel nostro meraviglioso territorio, seduto accanto a me, un amabile
signore con cui avevo gi scambiato qualche opinione in un viaggio precedente. Era il prof.
Squillacioti, direttore e anima motrice, insieme ad altri, della Rivista La Radice di Badolato. Il
Professore ed io chiacchieravamo della nostra terra, dei reperti archeologici che affollano le cantine
dei nostri musei, delle tradizioni e quando il mio interlocutore si mise a parlare dei cipressi di
Badolato, ben cinque, abbattuti da mano ignota, sobbalzai. S, fui preso da un attimo di sconforto, il
viaggio che stavo facendo era mutato. La mia mente in quellistante mi port indietro. Ma di quanti
anni? Allora... vediamo. Ne avevo circa quattordici, al massimo sedici. Quindi si ritorna indietro di
quasi trenta anni. Che meraviglia la Memoria! Ti fa rivivere nel passato e ti fa riappropriare di un
pezzo della tua piccolissima storia personale che a volte diventa memoria storica e quindi collettiva.
A quel tempo non ero n
carne n pesce, come diceva
mio padre. Passavo il periodo
estivo per lo pi andando in giro
per le spiagge ma per lo pi
stavo sottacqua a pescare.
Pescavo con Stefano, compagno
di scuola e di scorribande in
vespa. Lui ed io conoscevamo
tutte le pietre da Pietragrande al
casello di Santa Caterina ed
oltre, fino a Riace. Solo che eravamo
dei pescatori costieri, arrivavamo
sul posto in vespa, ci
sedevamo sulla spiaggia per
osservare il moto ondoso e
cercavamo di capire la corrente per scegliere il punto migliore di entrata. Spesso tornavamo a casa con
diversi pesci da distribuire alle famiglie e da vendere ai ristoranti per pagarci la miscela da mettere nella
vespa e continuare la scoperta di nuovi punti di immersione. Arrivavamo fino ad Isola Capo Rizzuto
e Tropea. Partivamo con la muta indosso, io alla guida e Stefano dietro a reggere sulle gambe i ferri
del mestiere. Dopo un po la societ si ruppe. Stefano prefer, alla pesca ed il mare, il ballo e le avventure
notturne. Le alzatacce alle quattro del mattino non riusc pi a farle e mi trovai a confrontarmi da
solo con il grande Ionio. Al tempo avevo un debole per una ragazza di Catanzaro che andava al mare
con le sue amiche al lido Marinella ed io mi ci fiondai senza per perdere di vista il mio primo amore:
il Mare! Anzi quelle mie assenze incuriosivano la ragazza e aumentavano le possibilit di strapparle
un bacio. Alla Marinella, fra laltro non cera solo Gabriella, avevo preso a frequentare la capanna di
Gino. Surfista, maestro di karate, grande marinaio e sopratutto pescatore subacqueo. Ci annusammo
per un po di tempo, come fanno i cani quando incontrano in mezzo alla strada un loro simile e poi
avvenne quello che da tempo aspettavo e che mai avevo osato chiedere. Mi chiese di fare da barcaiolo
a lui ed ad un altro ragazzo che, in seguito imparai a conoscere e stimare come leale ed altruista.
Io dissi: Non lho mai fatto. E lui: Sai remare?. Risposi di s e mi diede appuntamento per
lindomani mattina alle quattro e mezza sotto casa sua. Mi feci trovare puntualmente, udii una
voce chiamarmi... girai langolo e mi trovai davanti al forno della mamma di Gino, prendemmo
del pane, della pizza e partimmo. Ci imbarcammo su di un Molinari e appena in planata su un mare
calmissimo ci ritrovammo allalba al largo di Badolato. La costa vista dal mare era una visione. Il
bianco dei calanchi, gli alberi sfumati di rosso ed il blu intenso dellacqua annusavano di tranquillit.
Eravamo quasi sul punto. Il pilota guardava prima a destra, poi controllava a sinistra. Fermava
il motore e ricontrollava verso terra. Un po indietro e alla fine bisbigli: A parda, ittala, ittala!
E un tonfo raggiunse le nostre orecchie. La cima scivolava via. Senza neanche un minimo spostamento
della barca la cima scorreva fra le mani dellaltro subacqueo. Poi niente pi! Anche lo
scivolare della cima in acqua che produceva un sibilo fra le mani di Antonio si era pacata e solo
allora Gino mi spieg dove stavano per immergersi. Erano le prime macchie di scogli sulla Secca
di Santa Caterina dalla parte di Badolato. Pianificarono limmersione. Un fondo di trentadue
metri: sarebbero stati immersi per circa 30 minuti pi la relativa decompressione. Poi rivolgendosi a
me disse: Ta e tenira supa u terzu rvaru e Badolatu ncignandu e munti e sutta ala marina cu
a secunda arcata du u ponti e Mussolini e u spiculu do casedu rosa. Poi riprese a dare i numeri
dalla parte di Santa Caterina, con altre dettagliate informazioni che mi avrebbero permesso di
poter ritrovare il punto iniziale di immersione. Il tempo di prepararsi e i due erano gi in acqua.
Scivolavano via nel Blu cobalto del mare Jonio. Legai una boa alla cima dellancora e iniziai a
seguire le loro bolle a remi. Restavo sempre sulla loro verticale, attento a non perdere di vista i
loro respiri aiutato da una bonaccia inverosimile. Di tanto in tanto guardavo gli alberi e li vedevo
non pi allineati con il ponte di Badolato. Stavano andando verso il largo e dopo tornarono sulla
cima e lentamente i due subacquei riemersero dopo aver fatto le dovute tappe di decompressione.
Il mare e la terra uniti da una linea immaginaria che unisce i verdi cipressi con le profondit
del grande blu.
Una magia che mi attirava. Un segno di come i primi navigatori tenevano a mente i diversi
punti per raggiungere terre da esplorare. Segni della natura e delluomo che nel passato hanno reso
pi semplice la navigazione e la pesca in tutti i mari del mondo. Segni che lo stesso uomo ha
cancellato in pochi minuti. In pochi istanti i cipressi del barone Paparo sono finiti a terra,
cancellando i miei sogni di giovane marinaio.

I CIPRESSI DI ZANGARSA E ILMARE - Oreste Montebello

E-mail:              Webmaster: www.giuseppecaporale.it               Segnalazione errori

Testi e materiale Copyright©
Associazione culturale La Radice
  www.laradice.it

Sviluppo e design Copyright©
Giuseppe Caporale
 www.giuseppecaporale.it

Tecnologie e software Copyright©
SISTEMIC di Giuseppe Caporale
 www.sistemic.it

Advertising e link support
by www.Golink.it

Golink www.Golink.it