Associazione culturale “La Radice”
Registrazione Tribunale di Catanzaro n° 38 del 12.04.1995



Home
Info
Autori
Biografie
Periodici
Cerca
Video
Link
Archivio
Lettere
Estinti
Gestionale
Articolo meno letto:
LIBRI RICEVUTI
Autore:     Data: 31/12/2015  
WebCam su badolato borgo

Inserisci email per essere aggio Inserisci email per essere aggiornato


 LINK Culturali su Badolato:

Storia di Badolato a partire dai 50 anni della parrocchia Santi Angeli custodi di Badolato Marina, i giovani di ieri si raccontano.
www.laradice.it/bibliotecabadolato

Archivio di foto di interesse artistico culturale e storico - chiunque può partecipare inviando foto, descrizione e dati dell'autore
www.laradice.it/archiviofoto

Per ricordare chi ci ha preceduto e fà parte della  nostra storia
www.laradice.it/estinti


ACCETTIAMO:
  • MATERIALE da pubblicare o da conservare;
  • NOTIZIE storiche e d'altro genere;
  • INDIRIZZI di Badolatesi che ancora non ricevono il giornale;
  • FOTOGRAFIE di qualche interesse;
  • SUGGERIMENTI, che terremo presenti;
  • CONTRIBUTI in denaro.

Visite:
Pagine richieste:
Utenti collegati:
dal 01/05/2004

Locations of visitors to this page

Data: 30/09/2007 - Anno: 13 - Numero: 3 - Pagina: 28 - INDIETRO - INDICE - AVANTI

LA CASTA O LE CASTE?

Letture: 857               AUTORE: Vincenzo Squillacioti (Altri articoli dell'autore)        

Abbiamo letto anche noi La casta. Un libro, che non vogliamo pubblicizzare, che non possiamo
pubblicizzare e che non ha bisogno della nostra pubblicit. Si sentito dire per televisione, difatti, che nel giro di tre settimane sono state vendute trecentomila copie. Un libro del quale diciamo soltanto, per i lettori che per caso non avessero avuto occasione di venirne a conoscenza, che, secondo gli Autori, la casta la classe politica italiana, la pi costosa dEuropa, capace di divorare la pi grossa fetta delle ricche casse del nostro vorace Stato. Un libro inutilmente coraggioso, che ha riscosso fin da subito condivisioni e consensi, non sappiamo quanto sinceri e/o interessati, da talune alte cattedre, tra le prime quella del Presidente di Confindustria. E gi! Parte di quel fiume di denaro dovrebbe essere destinato alle sue numerose e mai abbastanza ricche aziende.
Anche il Ministro degli Esteri ha fatto subito sentire la sua voce, per dire, quasi timidamente e quindi non da par suo, che bisogna provvedere: noi riteniamo che egli, politico di lungo corso, sia, con tantissimi altri, tra i primi responsabili di questo incalcolabile continuato furto ai danni del popolo italiano. Poi qualche accenno, a bassa voce, di sfuggita, senza ripetizione e senza
amplificazione, come spesso avviene in casi del genere, da parte di qualche altro esponente della nostra politica.
Noi, da parte nostra, ci diciamo non soltanto parte lesa di furto aggravato e continuato, ma soprattutto indignati e offesi per come veniamo trattati da chi ci governa, ormai da lunga pezza.
E ci diciamo anche certi dellinutilit della nostra attesa che dai grandi inquilini degli alti Palazzi del Potere, istituzionale e politico di questa allegra Italia, si alzi qualche voce per dire Basta! Basta a questo scempio! Basta a questo reato! Basta a questa vergogna! Si provveda! Subito! Agli Autori del libro diremmo, se ci ascoltassero, di scrivere ancora, delle altre piccole e grandi Caste italiane, organizzate e in ordine sparso, pubbliche e private, palesi e defilate, laiche e confessionali, lecite e illecite, che non sono poche e neanche meno fameliche di quella politica. Certi, in ogni caso che se lo facessero non servirebbe comunque a nulla. Tornerebbe utile unicamente a se stessi, per fare tanti altri soldi ancora.
* * * * *
Il pezzo di sopra era stato scritto per il numero del periodico datato 30 giugno, ma non vi ha trovato spazio. Nel frattempo le copie del libro vendute sono pi di un milione: un bellaffare davvero per i due Autori! Centinaia sono ormai le autorit politiche che discutono dellargomento. Alcuni si sono messi persino a programmare la riduzione del costo della politica, anche dai pi alti Palazzi. A ben considerare i termini delle numerose dichiarazioni che in questi ultimi giorni ci stanno propinando, pare che al danno si stia aggiungendo la beffa. Tutti difatti, quasi in coro, stanno proclamando la riduzione del numero dei deputati, e quello dei senatori, e quello dei consiglieri ai vari livelli amministrativi. Nessuno che abbia il pudore di proclamare ch giunta lora di dire basta ai vergognosi privilegi di cui godono le centinaia di migliaia di persone che siedono nelle stanze dei bottoni. Nessuno che proclami il dovere di ridurre fin da subito gli stipendi e le indennit e le pensioni e le prebende e la lunga sfilza di privilegi di cui sono titolari tutti quelli che comandano, e che dirigono, e che presiedono, e che consigliano Ecco la beffa che si annuncia:
ridurremo il numero ma conserveremo tutto come prima. La Casta si assottiglia, diventando cos pi oligarchica, pi potente, pi distante dal popolo bue. Il quale continua a godere di pensioni da fame di chi costretto a rubare un pezzo di pane; di stipendi da quattro soldi con cui datori di lavoro, complici talune leggi dello Stato, sfruttano tanti nostri giovani destinati soltanto alla
precariet; di disperazione per disoccupazione o di dolorosa necessit di emigrare, come a suo tempo i loro padri e i loro nonni.
Sino a quando bisogner tollerare che venga cos calpestata la dignit di milioni di esseri umani?!
Vergogna! La Storia ci insegna, per, che a tirarla troppo la corda arriva lora che si spezza.



E-mail:              Webmaster: www.giuseppecaporale.it               Segnalazione errori

Testi e materiale Copyright©
Associazione culturale La Radice
  www.laradice.it

Sviluppo e design Copyright©
Giuseppe Caporale
 www.giuseppecaporale.it

Tecnologie e software Copyright©
SISTEMIC di Giuseppe Caporale
 www.sistemic.it

Advertising e link support
by www.Golink.it

Golink www.Golink.it