Associazione culturale “La Radice”
Registrazione Tribunale di Catanzaro n° 38 del 12.04.1995

In inglese


Home
Info
Autori
Biografie
Periodici
Cerca
Video
Link
Archivio
Lettere
Estinti
Gestionale
Articolo meno letto:
RACCONTI BREVI
Autore:     Data: 30/12/2020  
WebCam su badolato borgo

Inserisci email per essere aggio Inserisci email per essere aggiornato


 LINK Culturali su Badolato:

Storia di Badolato a partire dai 50 anni della parrocchia Santi Angeli custodi di Badolato Marina, i giovani di ieri si raccontano.
www.ricordando.net

Comune di Badolato, servizio per la ricerca e visione dei testi conservati nella biblioteca comunale di Badolato.
www.laradice.it/bibliotecabadolato

Archivio di foto di interesse artistico culturale e storico - chiunque può partecipare inviando foto, descrizione e dati dell'autore
www.laradice.it/archiviofoto

Per ricordare chi ci ha preceduto e fà parte della  nostra storia
www.laradice.it/estinti


ACCETTIAMO:
  • MATERIALE da pubblicare o da conservare;
  • NOTIZIE storiche e d'altro genere;
  • INDIRIZZI di Badolatesi che ancora non ricevono il giornale;
  • FOTOGRAFIE di qualche interesse;
  • SUGGERIMENTI, che terremo presenti;
  • CONTRIBUTI in denaro.

Visite:
Pagine richieste:
Utenti collegati:
dal 01/05/2004

Locations of visitors to this page

Data: 31/08/2021 - Anno: 27 - Numero: 2 - Pagina: 1 - INDIETRO - INDICE - AVANTI

LA CATENA… DI IERI, DI OGGI, DI SEMPRE!

Letture: 102               AUTORE: Vincenzo Squillacioti (Altri articoli dell'autore)        

C’era una volta una diffusa, lussureggiante e bella pineta, un po’ in tutta la Calabria e,
ovviamente in tantissime altre parti. Ma la processionaria, accattivante nel termine ma non
proprio bella neanche a vedersi, prediligendo i pini fra tante altre piante, li ha invasi sino a
preoccupare coloro che avevano il dovere di tutelarli, al punto da dover ricorrere a una terapia
un po’ rischiosa: liberarono nelle pinete numerose coppie di vipere, che di processionaria sono ghiotte. Ma le vipere, proliferando senza freno, divennero così numerose che spesso, complici le acque fluviali scendenti verso il mare, si facevano vedere pericolose nella Marine. Chi di dovere, allora, a tutela dell’incolumità degli umani, liberò tra i boschi numerose coppie di cinghiali per cui le vipere sono un alimento squisito. Oggi le vipere sono sempre più rare. Ma a chi diamo in pasto i maiali selvatici che passeggiano indisturbati e pericolosi per le strade dei nostri paesi, di collina e di mare? Ai cacciatori di frodo? No, perché proibito dalla legge. Ai cacciatori autorizzati? No, perché si ribellano gli animalisti. A chi allora li diamo in pasto prima che i cinghiali si affezionino morbosamente a noi?! Chi dovesse saperlo, lo dica: Tenendo conto che non si tratta di una favola.


E-mail: info@laradice.it             Webmaster: www.giuseppecaporale.it               Segnalazione errori

Testi e materiale Copyright©
Associazione culturale La Radice
  www.laradice.it

Sviluppo e design Copyright©
Giuseppe Caporale
 www.giuseppecaporale.it

Tecnologie e software Copyright©
SISTEMIC di Giuseppe Caporale
 www.sistemic.it

Advertising e link support
by www.Golink.it

Golink www.Golink.it