Associazione culturale “La Radice”
Registrazione Tribunale di Catanzaro n° 38 del 12.04.1995

In inglese


Home
Info
Autori
Biografie
Periodici
Cerca
Video
Link
Archivio
Lettere
Estinti
Gestionale
Articolo meno letto:
UN BACIO DIFFERITO
Autore:Vincenzo Squillacioti     Data: 30/12/2020  
WebCam su badolato borgo

Inserisci email per essere aggio Inserisci email per essere aggiornato


 LINK Culturali su Badolato:

Storia di Badolato a partire dai 50 anni della parrocchia Santi Angeli custodi di Badolato Marina, i giovani di ieri si raccontano.
www.ricordando.net

Comune di Badolato, servizio per la ricerca e visione dei testi conservati nella biblioteca comunale di Badolato.
www.laradice.it/bibliotecabadolato

Archivio di foto di interesse artistico culturale e storico - chiunque può partecipare inviando foto, descrizione e dati dell'autore
www.laradice.it/archiviofoto

Per ricordare chi ci ha preceduto e fà parte della  nostra storia
www.laradice.it/estinti


ACCETTIAMO:
  • MATERIALE da pubblicare o da conservare;
  • NOTIZIE storiche e d'altro genere;
  • INDIRIZZI di Badolatesi che ancora non ricevono il giornale;
  • FOTOGRAFIE di qualche interesse;
  • SUGGERIMENTI, che terremo presenti;
  • CONTRIBUTI in denaro.

Visite:
Pagine richieste:
Utenti collegati:
dal 01/05/2004

Locations of visitors to this page

Data: 30/09/2007 - Anno: 13 - Numero: 3 - Pagina: 4 - INDIETRO - INDICE - AVANTI

LANELLO

Letture: 736               AUTORE: Vincenzo Squillacioti (Altri articoli dell'autore)        

La pioggia era caduta abbondante, come suole ogni anno nel mese di ottobre in questo sud
quasi sempre inondato di sole. E le fiumare in piena e minacciose, come ormai da millenni.
E come da sempre la paura della gente, dei contadini, soprattutto, che temevano linondazione
dei campi e quindi la vanificazione del loro pesante lavoro. I pi vecchi ricordavano ancora
il disastro provocato dalle alluvioni del 1855, e ne parlavano ai giovani come per esorcizzarne
una riedizione. I pi pensavano alla marina dove spesso i campi si trasformavano in
melmose paludi e le fiumare rombando straripavano ritornando agli antichi loro confini. Il
torrente Ponzo, in particolare, era noto per i danni che ogni anno provocava alle terre che lambiva:
il pericolo maggiore era alla mbarrta dove usciva rovinosamente dal suo letto a causa
dellimprovviso angolo retto chera costretto ad assumere. E cos fu anche nellautunno di
quel 1925. La violenza delle acque fu tale da scardinare i piloni di granito sui quali poggiava
il ponte della strada ferrata allaltezza della Punta. Nessuno saccorse; nessun provvedimento
fu preso e il treno delle 21,15 per Reggio Calabria precipit nella fiumara sottostante. Il
primo allarme nella notte, e lindomani, alla luce di un pallido sole, apparve la catastrofe nella
sua luttuosa abbondanza: sette morti. Altri nove li restituir il mare nei giorni successivi.
*****
La notizia del disastro ferroviario alla Punta si sparse in un baleno, nonostante la scarsezza
dei mezzi di comunicazione dellepoca. Arrivarono i soccorsi e le Autorit per le incombenze
di rito. A piedi e in bicicletta arriv gente anche dai paesi vicini. Qualcuno scatt pure
fotografie. Ne scrissero i giornali.
Mastro Vincenzino, fabbro ferraio di SantAndrea, uomo di sani principi e desideroso di
conoscenza, pens anche lui di arrivare alla vicina marina di Badolato per rendersi direttamente
conto del disastro. E vi arriv, difatti, nel pomeriggio, in compagnia di mastro
Raffaele, anche lui andreolese, stagnino, alla continua ricerca di chiodi, di pezzi di ferro, di
lamiere per la sua modesta bottega, motivo per cui portava sempre attaccate alla cintola delle
pesanti tenaglie.
I due arrivarono alla fiumara del disastro quando ormai cerano pochi curiosi a dare tristi
sguardi alle carrozze ferroviarie rovesciate, testimoni della tragedia. I morti erano gi stati
portati via, alla chiesetta di San Leonardo, sul mare, nei pressi della villa dei baroni Paparo.
Il fabbro e lo stagnino decisero allora di andare a visitare le sette vittime nella loro provvisoria
dimora: erano l, contusi e tumefatti, tutti maschi, in povere bare disposte dalle Autorit
competenti. Lo stagnino savvide che uno dei sette, il pi giovane, sembrava, aveva al dito un
vistoso anello doro. Ebbe allistante il desiderio di farlo suo quellanello, e ne confid lintenzione
allamico che cerc di dissuaderlo, ma quello, approfittando che in quel momento
non cerano occhi indiscreti, savvicin alla bara e tent di sfilare lanello dal dito. Non vi
riusc, tanto il dito era gonfio. Senza esitazione prese dalla cintola le tenaglie e tagli a fatica
il dito di quel giovane cadavere. E fuori di corsa, il dito nella sterpaglia, lanello in tasca,
la mano pulita nei pantaloni e via in bicicletta per fare rientro in paese.
Nessuno, in seguito, parl di quel dito scomparso. Forse nessuno se ne avvide, o si trov
una qualche plausibile causa. Il nostro stagnino, per, quel dito lo vedeva in sogno, ogni notte, e
vedeva quel giovane morto che con ghigno spaventoso tentava di strappare la mano alla morsa
delle pesanti tenaglie. Cos ogni notte. Un martirio, degna punizione per un cos terrificante gesto.
Una notte in cui il ricorrente sogno gli provoc pi paura del solito, si rec di corsa alla
casetta di campagna dove nascose lanello maledetto in fondo a un pozzo secco da anni, per
non averlo pi in casa, per non vederlo mai pi. Nella giornata fece pure lelemosina, nella
speranza di placare cos la rabbia del giovine defraudato e ferocemente mutilato. Ma non fu
cos. A notte quello apparve puntualmente, con ghigno ancor pi spaventoso del solito. Il
disgraziato stagnino non pot far di meglio che saltare dal letto e andare a rifugiarsi nella sua
casetta in campagna, presentendo che si sarebbe col liberato del fantasma ghignoso dal dito
mozzo. Si liber, difatti definitivamente: lindomani fu trovato con un cappio al collo, penzoloni
sul pozzo che nascondeva agli occhi di tutti il suo anello maledetto.



E-mail: info@laradice.it             Webmaster: www.giuseppecaporale.it               Segnalazione errori

Testi e materiale Copyright©
Associazione culturale La Radice
  www.laradice.it

Sviluppo e design Copyright©
Giuseppe Caporale
 www.giuseppecaporale.it

Tecnologie e software Copyright©
SISTEMIC di Giuseppe Caporale
 www.sistemic.it

Advertising e link support
by www.Golink.it

Golink www.Golink.it