Associazione culturale “La Radice”
Registrazione Tribunale di Catanzaro n° 38 del 12.04.1995

In inglese


Home
Info
Autori
Biografie
Periodici
Cerca
Video
Link
Archivio
Lettere
Estinti
Gestionale
Articolo meno letto:
LA MELINA
Autore:Vincenzo Squillacioti     Data: 30/12/2020  
WebCam su badolato borgo

Inserisci email per essere aggio Inserisci email per essere aggiornato


 LINK Culturali su Badolato:

Storia di Badolato a partire dai 50 anni della parrocchia Santi Angeli custodi di Badolato Marina, i giovani di ieri si raccontano.
www.ricordando.net

Comune di Badolato, servizio per la ricerca e visione dei testi conservati nella biblioteca comunale di Badolato.
www.laradice.it/bibliotecabadolato

Archivio di foto di interesse artistico culturale e storico - chiunque può partecipare inviando foto, descrizione e dati dell'autore
www.laradice.it/archiviofoto

Per ricordare chi ci ha preceduto e fà parte della  nostra storia
www.laradice.it/estinti


ACCETTIAMO:
  • MATERIALE da pubblicare o da conservare;
  • NOTIZIE storiche e d'altro genere;
  • INDIRIZZI di Badolatesi che ancora non ricevono il giornale;
  • FOTOGRAFIE di qualche interesse;
  • SUGGERIMENTI, che terremo presenti;
  • CONTRIBUTI in denaro.

Visite:
Pagine richieste:
Utenti collegati:
dal 01/05/2004

Locations of visitors to this page

Data: 31/08/2021 - Anno: 27 - Numero: 2 - Pagina: 42 - INDIETRO - INDICE - AVANTI

LE ELEZIONI COMUNALI DEL 1985 E DEL 1987

Letture: 279               AUTORE: Pietro Cossari (Altri articoli dell'autore)        

(Non è stato difficile per noi -senza consultare archivi vari- contare quante volte il popolo
badolatese è stato chiamato ad esprimere il proprio voto in consultazioni elettorali (compresi 24
referendum) dal 2 giugno 1946 a oggi: 93 volte (s. e. od o.). E “La Radice”, nonostante le notevoli
difficoltà relative agli anni 1946-1991 (anno in cui l’Associazione è nata e ha cominciato a
operare), ha recuperato e pubblicato i dati relativi a 56 votazioni: il 60,22 %. Se, come e quando
riusciremo a recuperare i dati relativi al restante 39,78 %... non lo sappiamo. Intanto, avendo
avuto necessità (a richiesta) di conoscere i dati relativi alle votazioni comunali del 1985 e del
1987, ci siamo rivolti all’amico Pietro Cossari, valido nostro collaboratore, già direttamente
impegnato in attività politica e ancora oggi molto versato: egli ha soddisfatto, come sempre,
la nostra richiesta. E noi lo ringraziamo, come sempre, anche a nome dei nostri lettori. - Ndd)
Così com’era avvenuto nel 1980, cinque anni dopo, il 12 e 13 maggio 1985, a Badolato si
svolsero le elezioni amministrative, cioè, si votò per rinnovare oltre al consiglio regionale e
provinciale anche quello comunale.
Nell’ordine, i primi risultati a essere scrutinati furono le regionali, seguiti subito dopo
dalle provinciali e infine, dalle comunali. Per queste ultime c’era una grande attesa perché
gli amministratori uscenti della coalizione “Aratro” avevano chiesto all’elettorato una loro
riconferma mentre i candidati nella lista del Partito Comunista Italiano l’avevano esortato a
mettere la parola fine ad un’esperienza da essi giudicata molto negativa per il paese e quindi, a
ridare fiducia al PCI che dal 1946 al 1980 aveva ininterrottamente guidato l’amministrazione
della cosa pubblica a Badolato.
Nel pomeriggio di lunedì 13 maggio, in tutte le otto sezioni elettorali, i cittadini appartenenti
ai due opposti schieramenti seguirono con comprensibile apprensione i primi due scrutini per
poi, fuori dai seggi del borgo e della marina, confrontare i risultati delle due consultazioni e
abbandonarsi per quanto concerne l’esito delle comunali, alle più disparate previsioni. Nei
vari computi ipotetici, l’unica certezza condivisa dai dirigenti delle due avverse formazioni
fu però, quella di basarsi sui dati delle regionali perché davano il quadro reale della forza dei
rispettivi partiti e di conseguenza, in base ai voti riportati da ogni organizzazione politica,
si potevano prevedere i vincitori. Pertanto, furono attentamente analizzati quei numeri che
vedevano su 3.057 elettori, 2.053 votanti i quali così si espressero:
VOTI %
PCI 1.172 48,87
DC 860 35,86
PSI 204 8,51
DEM.PROL 40 1,67
MSI-DN 35 1,46
PRI 25 1,04
LISTA LOCALE 25 1,04
PSDI 18 0,75
PLI 15 0,63
L.VEN.-ALL.I.P. 3 0,13
PART.NAZ.PENS. 1 0,04

Le schede bianche furono 74 e le nulle 105.
Tale criterio di valutazione si rivelò esatto soprattutto per il PCI che confermò la sua forza.
L’esito delle comunali fu, infatti, il seguente:

PCI 1.183 50,69
Aratro 1.151 49,31
Schede bianche 69
Schede nulle 20

Lo scarto fra le due liste fu di soli 32 voti, mentre nel 1980 era stato di appena 20.
I consiglieri comunali eletti per la maggioranza furono: Ernesto Maria Menniti, Domenico
Bressi, Pietro Frascà, Francesco Laganà, Antonio Cunsolo, Beniamino Zaffino, Raffaele
Caporale, Michelangelo Anoja, Giuseppe Samà, Giuseppina Finocchiaro, Salvatore Marchese,
Pasquale Lentini, Vincenzo Piperissa, Domenico Caporale, Giuseppe Gerace, Giuseppe Gallelli.
Per la minoranza: Andrea Menniti, Antonio Parretta, Francesco Gallelli, Bruno Giuseppe
Giglio.
La giunta municipale fu poi formata da: Ernesto Maria Menniti (sindaco), Domenico
Bressi (vice sindaco e assessore a Sport, Turismo e Spettacolo), Raffaele Caporale (assessore
alla Sanità), Antonio Cunsolo (assessore ai Lavori Pubblici), Pietro Frascà (assessore
all’Agricoltura), Francesco Laganà (assessore alla Pubblica Istruzione), Beniamino Zaffino
(assessore al Commercio).
I comunisti, però, poterono amministrare il Comune solo per un anno e mezzo perché a causa
di un ricorso presentato dall’opposizione per alcune inadempienze verificatesi nelle sezioni
elettorali numeri uno e quattro, cioè, la mancata timbratura e vidimazione delle liste dei votanti,
il TAR, ovvero, il Tribunale Amministrativo Regionale della Calabria decise l’annullamento del
voto nelle predette. Di conseguenza, per non esasperare la situazione in determinate e circoscritte
zone del paese e per evitare indebite pressioni sugli elettori iscritti in quelle sezioni, i dirigenti
comunisti decisero di far dimettere dieci consiglieri comunali per così indurre il Prefetto di
Catanzaro a sciogliere l’intero civico consesso e quindi, far votare tutta la cittadinanza. Le
dimissioni dei consiglieri furono ratificate nel consiglio di sabato 27 dicembre 1986 e il Prefetto,
con il proprio decreto di giovedì 12 febbraio 1987, convocò per domenica 12 e lunedì 13 aprile
dello stesso anno i comizi elettorali ai quali il PCI si presentò alleato con il PSI.
Pomeriggio di lunedì 13 aprile 1987, dalle urne uscì il seguente verdetto popolare:
Lista n. 1 “Uniti per progredire”: 1.004 voti 43,70 %
Lista n.2 “PCI-PSI”: 1.293 voti 56,30 %
Lo scarto fu di ben 289 voti.
I consiglieri comunali eletti per la maggioranza furono: Bice Stancari, Pasquale Schiavone,
Michelangelo Anoja, Domenico Bressi, Antonio Carioti, Vincenzo Piperissa, Rosa Teresa
Lanciano, Raffaele Lanciano, Giuseppina Finocchiaro, Giuseppe Ermocida, Francesco Frascà,
Elizio Vasile, Giuseppe Samà, Domenico Caporale, Vincenzo Caporale, Pietro Frascà.
Per la minoranza: Domenico Antonio Pultrone, Andrea Giuseppe Gallelli, Andrea Menniti,
Pasquale Paparo.
Il nuovo consiglio comunale elesse poi sindaco Vincenzo Piperissa, vice sindaco Pasquale
Schiavone e assessori: Michelangelo Anoja, Domenico Bressi, Antonio Carioti, Pietro Frascà,
Raffaele Lanciano.







E-mail: info@laradice.it             Webmaster: www.giuseppecaporale.it               Segnalazione errori

Testi e materiale Copyright©
Associazione culturale La Radice
  www.laradice.it

Sviluppo e design Copyright©
Giuseppe Caporale
 www.giuseppecaporale.it

Tecnologie e software Copyright©
SISTEMIC di Giuseppe Caporale
 www.sistemic.it

Advertising e link support
by www.Golink.it

Golink www.Golink.it