Associazione culturale “La Radice”
Registrazione Tribunale di Catanzaro n° 38 del 12.04.1995

In inglese


Home
Info
Autori
Biografie
Periodici
Cerca
Video
Link
Archivio
Lettere
Estinti
Gestionale
Articolo meno letto:
L’AUTO CHE PORTÒ UMBERTO DI SAVOIA PER BADOLATO
Autore:Claudio Caroleo     Data: 30/12/2020  
WebCam su badolato borgo

Inserisci email per essere aggio Inserisci email per essere aggiornato


 LINK Culturali su Badolato:

Storia di Badolato a partire dai 50 anni della parrocchia Santi Angeli custodi di Badolato Marina, i giovani di ieri si raccontano.
www.ricordando.net

Comune di Badolato, servizio per la ricerca e visione dei testi conservati nella biblioteca comunale di Badolato.
www.laradice.it/bibliotecabadolato

Archivio di foto di interesse artistico culturale e storico - chiunque può partecipare inviando foto, descrizione e dati dell'autore
www.laradice.it/archiviofoto

Per ricordare chi ci ha preceduto e fà parte della  nostra storia
www.laradice.it/estinti


ACCETTIAMO:
  • MATERIALE da pubblicare o da conservare;
  • NOTIZIE storiche e d'altro genere;
  • INDIRIZZI di Badolatesi che ancora non ricevono il giornale;
  • FOTOGRAFIE di qualche interesse;
  • SUGGERIMENTI, che terremo presenti;
  • CONTRIBUTI in denaro.

Visite:
Pagine richieste:
Utenti collegati:
dal 01/05/2004

Locations of visitors to this page

Data: 31/12/2005 - Anno: 11 - Numero: 4 - Pagina: 33 - INDIETRO - INDICE - AVANTI

LE SCARPE CHIODATE

Letture: 553               AUTORE: Nicolina Carnuccio (Altri articoli dell'autore)        

La nonna sul volto chiaro e bello aveva unespressione di bambina un po timida e triste. Con i capelli candidi da sempre, per noi era vecchissima e aveva poco pi di cinquantanni. Passava quasi tutte le giornate nel suo fondo dulivi. Dinverno, china, raccoglieva le olive ad una ad una. Destate coltivava ad orto un piccolo pezzo di terreno e lo innaffiava con il secchio prendendo lacqua da un canale vicino. Con zucca, fiori di zucca e fagiolini preparava una minestra odorosa. Cucinava allaperto. Accendeva il fuoco tra due pietre e su di esse poggiava la pentola di terracotta rossa. Un mio fratello con pezzi di canna e coltellino faceva le forchette. Ogni volta ne faceva una molto pi grande delle altre e loffriva alla nonna. Lei protestava sorridendo: Ah lazzarone! Impugnava lo stesso il forchettone tra le risate nostre, e insieme mangiavamo la minestra seduti sotto gli alberi per terra. La nonna da ragazza, come tante altre raccoglieva le olive del barone. Quasi tutte andavano in campagna a piedi nudi, nel gelo del primissimo mattino.
La nonna calzava le scarpe chiodate. Doveva riguardarsi: da piccola aveva avuto la pleurite.



E-mail: info@laradice.it             Webmaster: www.giuseppecaporale.it               Segnalazione errori

Testi e materiale Copyright©
Associazione culturale La Radice
  www.laradice.it

Sviluppo e design Copyright©
Giuseppe Caporale
 www.giuseppecaporale.it

Tecnologie e software Copyright©
SISTEMIC di Giuseppe Caporale
 www.sistemic.it

Advertising e link support
by www.Golink.it

Golink www.Golink.it