Associazione culturale “La Radice”
Registrazione Tribunale di Catanzaro n° 38 del 12.04.1995

In inglese


Home
Info
Autori
Biografie
Periodici
Cerca
Video
Link
Archivio
Lettere
Estinti
Gestionale
Articolo meno letto:
LETTERE
Autore:Vincenzo Squillacioti     Data: 30/12/2020  
WebCam su badolato borgo

Inserisci email per essere aggio Inserisci email per essere aggiornato


 LINK Culturali su Badolato:

Storia di Badolato a partire dai 50 anni della parrocchia Santi Angeli custodi di Badolato Marina, i giovani di ieri si raccontano.
www.ricordando.net

Comune di Badolato, servizio per la ricerca e visione dei testi conservati nella biblioteca comunale di Badolato.
www.laradice.it/bibliotecabadolato

Archivio di foto di interesse artistico culturale e storico - chiunque può partecipare inviando foto, descrizione e dati dell'autore
www.laradice.it/archiviofoto

Per ricordare chi ci ha preceduto e fà parte della  nostra storia
www.laradice.it/estinti


ACCETTIAMO:
  • MATERIALE da pubblicare o da conservare;
  • NOTIZIE storiche e d'altro genere;
  • INDIRIZZI di Badolatesi che ancora non ricevono il giornale;
  • FOTOGRAFIE di qualche interesse;
  • SUGGERIMENTI, che terremo presenti;
  • CONTRIBUTI in denaro.

Visite:
Pagine richieste:
Utenti collegati:
dal 01/05/2004

Locations of visitors to this page

Data: 30/12/2020 - Anno: 26 - Numero: 2 - Pagina: 39 - INDIETRO - INDICE - AVANTI

MA CHE LINGUA PARLIAMO E SCRIVIAMO?!

Letture: 158               AUTORE: Vincenzo Squillacioti (Altri articoli dell'autore)        

Per decenni, fin dagli anni Sessanta, m’è toccato di discutere -quasi sempre invano- sulla
differenza, nella lingua italiana scritta, tra l’accento acuto e l’accento grave, e quindi su la
“e” voce del verbo essere che va scritta con l’accento grave (è), mentre la “e” finale di alcuni
termini accentati va scritta con l’accento acuto (é). E spesso anche in merito all’abituale errore
grammaticale che consisteva -e consiste- nell’uso del pronome “gli” invece di “loro” quando
il nome cui si riferisce è un plurale. E tante discussioni sull’altrettanto abituale uso di “qual’è”
con l’apostrofo, invece del corretto “qual è” senza apostrofo. Così come del pronome “ne” che
viene usato anche in presenza del nome cui si riferisce (“Di Manzoni ne abbiamo parlato”,
invece che “Di Manzoni abbiamo parlato”). Mi fermo qui.
Il mondo cammina, si dice. Perciò, codificate quelle forme, e anche altre, erronee, si va avanti
con altre strutture linguistiche, che, in verità, non sono certo causa della deriva dell’umanità,
ma non aiutano a fare chiarezza nel non marginale settore della comunicazione tra gli uomini.
Discorriamo, ovviamente, di lingua italiana nella quale si sente oggi l’espressione “piuttosto
che” in senso inclusivo, dimenticando che per secoli ha avuto significato esclusivo. Si ha
quindi che nel sentir dire, ad esempio, “voglio mangiar pasta piuttosto che carne”, non si
capisce se si vuol mangiare “pasta e non carne”, oppure “pasta e carne”. Una delle ultime
novità linguistiche, ad oggi, è l’uso di “esci il cane” per dire “fai uscire il cane”, trasformando
il verbo intransitivo “uscire” in verbo transitivo.
Se, come dicono i linguisti, la parola è il significante e il concreto cui essa si riferisce
è il significato, con queste arbitrarie trasgressioni si contribuisce non poco a imbarbarire la
lingua, cioè il maggiore strumento di comunicazione tra noi. L’Accademia della Crusca sta
autorevolmente a guardare e a intervenire secondo propri criteri. Nel frattempo l’imbarbarimento
avanza. Ma non solo nella sfera linguistica.


E-mail: info@laradice.it             Webmaster: www.giuseppecaporale.it               Segnalazione errori

Testi e materiale Copyright©
Associazione culturale La Radice
  www.laradice.it

Sviluppo e design Copyright©
Giuseppe Caporale
 www.giuseppecaporale.it

Tecnologie e software Copyright©
SISTEMIC di Giuseppe Caporale
 www.sistemic.it

Advertising e link support
by www.Golink.it

Golink www.Golink.it