Associazione culturale “La Radice”
Registrazione Tribunale di Catanzaro n° 38 del 12.04.1995



Home
Info
Autori
Biografie
Periodici
Cerca
Video
Link
Archivio
Lettere
Estinti
Gestionale
Articolo meno letto:
LIBRI RICEVUTI
Autore:     Data: 31/12/2015  
WebCam su badolato borgo

Inserisci email per essere aggio Inserisci email per essere aggiornato


 LINK Culturali su Badolato:

Storia di Badolato a partire dai 50 anni della parrocchia Santi Angeli custodi di Badolato Marina, i giovani di ieri si raccontano.
www.laradice.it/bibliotecabadolato

Archivio di foto di interesse artistico culturale e storico - chiunque può partecipare inviando foto, descrizione e dati dell'autore
www.laradice.it/archiviofoto

Per ricordare chi ci ha preceduto e fà parte della  nostra storia
www.laradice.it/estinti


ACCETTIAMO:
  • MATERIALE da pubblicare o da conservare;
  • NOTIZIE storiche e d'altro genere;
  • INDIRIZZI di Badolatesi che ancora non ricevono il giornale;
  • FOTOGRAFIE di qualche interesse;
  • SUGGERIMENTI, che terremo presenti;
  • CONTRIBUTI in denaro.

Visite:
Pagine richieste:
Utenti collegati:
dal 01/05/2004

Locations of visitors to this page

Data: 31/12/2008 - Anno: 14 - Numero: 3 - Pagina: 13 - INDIETRO - INDICE - AVANTI

PASSO' RIPASSO' ANNIBALE

Letture: 906               AUTORE: Ulderico Nistic (Altri articoli dell'autore)        

Dopo la sconfitta di Pirro (271 aC), tutta lItalia Meridionale venne sottoposta a Roma, per a vario titolo: le citt greche rimasero autonome, i Bruzi divennero federati, e gli uni e le altre parteciparono alla Prima guerra punica a fianco di Roma. Nel 218, i precari equilibri del Mediterraneo e il potere dellUrbe vennero messi in discussione dalla Seconda guerra punica. Annibale, dalla Spagna, condusse lesercito oltre le Alpi, e sconfisse ripetutamente i Romani, fino al grande trionfo di Canne (216). I Bruzi, i Lucani e alcune altre popolazioni italiche defezionarono da Roma; nelle citt greche si riaccesero le contese politiche, gli aristocratici a favore dei Romani, la plebe con i Cartaginesi. Il Bruzio si schier con Annibale, dopo leroica resistenza di Petelia, mentre ai Romani rimase saldamente Reggio. Il condottiero punico stabil qui le sue retrovie e i depositi di rifornimenti e armi. Padrone del Meridione, e mentre i Romani non lo affrontavano pi in campo aperto, egli non era in grado di attaccare le citt, e tanto meno Roma; e cos, per dirla con Polibio anestrpheto, si aggirava, ma sempre di pi senza meta. Intanto Fabio recuperava Taranto, Marcello Siracusa, e i Romani sconfiggevano Filippo V di Macedonia alleato di Annibale, mentre Scipione conquistava la Spagna.
Invincibile e incapace di vincere, Annibale si ridusse nel Bruzio, e stabil il suo accampamento nel territorio di Crotone, dove per secoli sorger una citt di Castra Hannibalis. Li attese aiuti, ma nel 207 suo fratello Asdrubale venne sconfitto e ucciso al Metauro. Scipione, tornato in Italia, impose la linea del contrattacco in Africa, e radun una flotta e un esercito in Sicilia. Nel 209, il presidio romano di Reggio si mosse contro Caulonia, ma Annibale venne al contrattacco. Nel 208, Locri, pentita e delusa dei Cartaginesi, invi messi a Scipione, chiedendo un soccorso per ribellarsi. Mentre una flotta sotto il comando di L. Cincio Alimento si avvicinava alla citt, il presidio romano di Taranto invi una spedizione terrestre. Annibale tese un agguato sotto il colle di Petelia, e uccise duemila uomini; altri vennero fatti prigionieri; il resto fugg disordinatamente. Cincio con la flotta assedi Locri, ma Annibale, da Crotone, accorse lungo la costa. Il presidio cartaginese di Locri, comandato da Magone, comp una sortita, e i Romani, stretti tra Magone e Annibale, dovettero ritirarsi sulle navi.
Tre anni dopo linsuccesso di Locri, nel 205, Scipione ritent limpresa, grazie ad alcuni fuorusciti che erano a Reggio. Questi, tornati a Locri con un inganno, permisero lingresso delle truppe di Pleminio, mentre i Cartaginesi si ritiravano sullacropoli: potrebbe essere Gerace? Annibale, indomito, venne ancora in soccorso dei suoi, e stava per battere i Romani, quando il popolo locrese, ormai apertamente ostile ai Cartaginesi, usc in armi, e lo convinse ad abbandonare la citt. Nel 204, il console Sempronio Tuditano attacc Annibale nel territorio di Crotone, ma, in una battaglia disordinata a reparti separati, sub la perdita di milleduecento uomini. Chiesto aiuto al proconsole P. Licinio, rinnov la battaglia con migliore tattica, e inflisse ad Annibale una sconfitta, con perdita di quattromila uomini, costringendolo a tornare a Crotone. Sempronio riprese Clampezia, mentre Cosenza e Pandosia vennero a patti.
I combattenti bruzi rimasero con Annibale, ma le citt di Consentia Aufugum Bergae Baesidiae Ocriculum Lymphaeum Argentanum Clampetia multique alii ignobiles populi, passarono dalla parte del console Cneo Servilio.
Secondo lo storico perduto Valerio Anziate, richiamato da Livio con molti dubbi, si sarebbe svolta nel territorio di Crotone una battaglia tra Servilio e Annibale con cinquemila caduti, e di esito incerto.
Mentre Scipione minaccia Cartagine, Annibale non pi sicuro nemmeno nel suo ridotto ionico. I Bruzi, narra Appiano, defezionano, e mandano messi a Roma. I rapporti tra gli alleati si guastano, e il presidio bruzio di Petelia appare infido. Lo stesso Annibale lo assale, e consegna la citt ai Numidi. Cos fa di Turi e Crotone e altre. E quali sono, tali altre citt? Le fonti annibaliche citano solo, sullo Ionio, Reggio, Locri, Caulonia, Crotone, Petelia, Turi; ma sappiamo dellesistenza, sia pure in tempi diversi, di Cremissa (Cir M.), Siberene (S. Severina), Scillezio (Roccelletta di Borgia), Poliporto (Soverato), Sanagasi di Isca Ionio; e Macalla, Crotalla, da individuare.
Scipione, ai messi cartaginesi che gli chiedevano pace, impose il ritiro di Annibale dallItalia. Il governo punico invi ad Annibale non lordine, ma la preghiera che tornasse a difendere la patria. Egli, ora maledicendo se stesso per non aver puntato su Roma dopo Canne, ora i suoi avversari interni a Cartagine che non lo avevano aiutato, tuttavia si dispose a partire. Gi da tempo aveva allestito una flotta con labbondante legname della Sila, e questa stava ormeggiata al largo. Dove? Secondo Polibio, non cera un vero porto lungo lo Ionio; ma ogni baia poteva essere approdo e rifugio per piccole squadre in attesa di radunarsi: le attuali Soverato, Catanzaro Lido, Cropani, Isola; e le foci dei fiumi, che Plinio chiama navigabili, potevano offrire riparo a delle imbarcazioni.
Quando Scipione, sbarcato in Africa, impose il suo richiamo, Annibale, ormai chiuso nel suo campo, e intento a scrivere le sue memorie in bronzo nel tempio di Era Lacinia, imbarc i superstiti su navi che aveva predisposte da tempo. Prima ordin il saccheggio delle citt, e alcune subirono violenze e rapine, altre si difesero con le armi; infine massacr gli Italici che si rifiutavano di seguirlo; e lasci per sempre lItalia, per essere sconfitto a Zama. I Bruzi saranno ridotti in una sorta di schiavit pubblica; le citt greche, o quel che rimaneva, resteranno autonome.
Annibale fu dunque anche qui da noi con i suoi mercenari libici, numidi, spagnoli, e gli ausiliari galli e liguri, e gli alleati bruzi, tre volte, lungo lo Ionio. Fu per questi nostri paesi lultimo evento di guerra prima delle incursioni dei Saraceni, mille anni dopo.


E-mail:              Webmaster: www.giuseppecaporale.it               Segnalazione errori

Testi e materiale Copyright©
Associazione culturale La Radice
  www.laradice.it

Sviluppo e design Copyright©
Giuseppe Caporale
 www.giuseppecaporale.it

Tecnologie e software Copyright©
SISTEMIC di Giuseppe Caporale
 www.sistemic.it

Advertising e link support
by www.Golink.it

Golink www.Golink.it