Associazione culturale “La Radice”
Registrazione Tribunale di Catanzaro n° 38 del 12.04.1995



Home
Info
Autori
Biografie
Periodici
Cerca
Video
Link
Archivio
Lettere
Estinti
Gestionale
Articolo meno letto:
UN’ALTRA SCRITTA: “DOPOLAVORO COMUNALE”
Autore:     Data: 30/04/2015  
WebCam su badolato borgo

Inserisci email per essere aggio Inserisci email per essere aggiornato


 LINK Culturali su Badolato:

Storia di Badolato a partire dai 50 anni della parrocchia Santi Angeli custodi di Badolato Marina, i giovani di ieri si raccontano.
www.laradice.it/bibliotecabadolato

Archivio di foto di interesse artistico culturale e storico - chiunque può partecipare inviando foto, descrizione e dati dell'autore
www.laradice.it/archiviofoto

Per ricordare chi ci ha preceduto e fà parte della  nostra storia
www.laradice.it/estinti


ACCETTIAMO:
  • MATERIALE da pubblicare o da conservare;
  • NOTIZIE storiche e d'altro genere;
  • INDIRIZZI di Badolatesi che ancora non ricevono il giornale;
  • FOTOGRAFIE di qualche interesse;
  • SUGGERIMENTI, che terremo presenti;
  • CONTRIBUTI in denaro.

Visite:
Pagine richieste:
Utenti collegati:
dal 01/05/2004

Locations of visitors to this page

Data: 31/12/2009 - Anno: 15 - Numero: 3 - Pagina: 30 - INDIETRO - INDICE - AVANTI

PRIMO NUCLEO ABITATIVO NEL CENTRO STORICO DI BADOLATO

Letture: 877               AUTORE: Rosa Maria Gallelli (Altri articoli dell'autore)        

Secondo una matrice interpretativa di tipo storico, si pu avanzare lipotesi che il primo
nucleo abitativo si sia attestato sul crinale nel corso del IX sec., in seguito allabbandono
delle coste determinato dalle prime incursioni saracene. Questo primo nucleo si cos
formato intorno la chiesa di Santa Caterina dAlessandria (sec. X-XI), la pi antica presente
nel centro storico.
La costruzione delledificio religioso, cos dedicato, legata alla deferenza e riguardo del culto
dei Santi orientali, affermatosi con la presenza delle milizie provenienti dallimpero dOriente a
difesa delle incursioni saracene gi a partire dall887-8 con il generale Niceforo Foca.
Non potendosi, comunque, trascurare laspetto orografico-morfologico del territorio,
bisogna sottolineare che linsediamento ebbe comunque origine sulla sommit di un crinale
che si distende come propaggine di un contrafforte del sistema collinare delle Serre, di cui
costituisce avamposto orografico verso il mare, fungendo, nel sistema di comunicazione
costituito dai percorsi di crinale nei tempi passati, da tramite sia di penetrazione verso
linterno che di via verso la costa.
Il crinale con la sua superficie altimetricamente irregolare si estende aprendosi ed allargandosi
ai margini in lobi, su uno dei quali trov collocazione il primo borgo con la chiesa di
Santa Caterina dAlessandria. Vista la collocazione delledificio religioso, si pu avanzare
lipotesi che la stessa posizione individuata per la fabbrica sia verosimilmente scaturita da
esigenze funzionali, s di vita ma soprattutto di difesa.
Discendendo verso valle ci si approvvigionava dacqua, ma il lato del crinale scelto
per insediarsi non stato tanto quello meglio orientato, cio ad Est, ma quello a Nord, il
cosiddetto Mancuso (parte sinistra del colle) a cui si contrappone, secondo una toponomastica
oralmente tramandata, il cosiddetto Destro (parte destra del colle).
Attestandosi linsediamento sul crinale incuneato tra i due valloni del Galliparo e del Vada,
il primo nucleo si posiziona, a voler farci caso, in modo da non essere scorto dalla costa.
Percorrendo la Strada Statale 106 Jonica, volendo cercare di individuare questo primo nucleo tra
lintero abitato del centro storico, ci non possibile. Daltronde volendo tener presente il significato
greco della parola vadone, che significa prediligo, o dallaltro profondit, equivalente
a mi nascondo, come fa notare Gustavo Valente nel DIZIONARIO DELLA CALABRIA, si pu
presupporre che la posizione prescelta stata indotta da motivazioni fondamentalmente di
prudenza, tralasciando il naturale bisogno di unesposizione solare pi conveniente.
Il primitivo insediamento si attestato, del resto, in prossimit e al di sotto della pi alta
cima del crinale, (ormai spianata), luogo agli albori verosimilmente fortificato da dove era
possibile sferrare unazione di difesa. Difatti il crinale offriva la possibilit di difesa naturale
per la natura impervia, ma il suo valore strategico sar stato accresciuto da opere di difesa
quali un probabile ager ed un fosso come la toponomastica ci tramanda.
Nei periodi successivi il primitivo luogo fortificato si configurato come fortilizio,
munito di recinto murario di protezione e di una rocca, dove alloccorrenza ci si poteva
rifugiare oltre che combattere.
Molteplici sono le testimonianze documentarie che consentono di seguire le vicende del
castello dal sec. XIII al sec. XIX. Sappiamo infatti che Ruggero di Lauria si rifugi, ferito,
dopo la battaglia di Catanzaro (1284), nel castello di Badolato (kastellion - borgo in
posizione strategica e difeso naturalmente),1 e che lo stesso nel 1287 fece costruire la rocca
nella parte pi alta del borgo.
Sappiamo che il castello divenne propriet demaniale dal 1 gennaio 1817 per effetto della
legge n 360 del 1 maggio 1816 di Ferdinando I Borbone, e che alcuni decenni pi tardi il
Comune di Badolato lo mise allasta in Catanzaro.
La conformazione propria del lobo, luogo delloriginario insediamento con lantico
edificio religioso, ha cos delineato il primo borgo, che insieme al luogo fortificato costitu il
primitivo nucleo abitativo del centro storico di Badolato.

1. Ulderico Nistic (dicembre 1999). Ascendant ad montes. La difesa passiva ed attiva della costa ionica in et
bizantina .


E-mail:              Webmaster: www.giuseppecaporale.it               Segnalazione errori

Testi e materiale Copyright©
Associazione culturale La Radice
  www.laradice.it

Sviluppo e design Copyright©
Giuseppe Caporale
 www.giuseppecaporale.it

Tecnologie e software Copyright©
SISTEMIC di Giuseppe Caporale
 www.sistemic.it

Advertising e link support
by www.Golink.it

Golink www.Golink.it