Associazione culturale “La Radice”
Registrazione Tribunale di Catanzaro n° 38 del 12.04.1995

In inglese


HomeInfoAutoriBiografiePeriodiciCercaVideoLinkArchivioAltro spazioEstintiGestionale
Articolo meno letto:
UN' IMPORTANTE CONSEGNA
Autore:Vincenzo Squillacioti     Data: 30/04/2008  
WebCam su badolato borgo

Inserisci email per essere aggio Inserisci email per essere aggiornato


 LINK Culturali su Badolato:

Storia di Badolato a partire dai 50 anni della parrocchia Santi Angeli custodi di Badolato Marina, i giovani di ieri si raccontano.
www.ricordando.net

Comune di Badolato, servizio per la ricerca e visione dei testi conservati nella biblioteca comunale di Badolato.
www.laradice.it/bibliotecabadolato

Archivio di foto di interesse artistico culturale e storico - chiunque può partecipare inviando foto, descrizione e dati dell'autore
www.laradice.it/archiviofoto

Per ricordare chi ci ha preceduto e fà parte della  nostra storia
www.laradice.it/estinti


ACCETTIAMO:
  • MATERIALE da pubblicare o da conservare;
  • NOTIZIE storiche e d'altro genere;
  • INDIRIZZI di Badolatesi che ancora non ricevono il giornale;
  • FOTOGRAFIE di qualche interesse;
  • SUGGERIMENTI, che terremo presenti;
  • CONTRIBUTI in denaro.

Visite:
Pagine richieste:
Utenti collegati:
dal 01/05/2004

Locations of visitors to this page

Data: 31/12/2009 - Anno: 15 - Numero: 3 - Pagina: 33 - INDIETRO - INDICE - AVANTI

QUANTA NOSTALGIA!

Letture: 305               AUTORE: Pepè Brancia (Altri articoli dell'autore)        

Quando nell’ormai lontano 1972 mi venne offerta al Policlinico di Roma la possibilità di una
carriera universitaria o in provincia di Asti, in Piemonte, l’opportunità di “una condotta medica
molto ben retribuita” rifiutai perché sin da bambino avevo sempre sognato di “fare il medico a
Badolato”. Mi vedevo, già quando frequentavo le scuole elementari, con una borsa in mano passare
di porta in porta ad assistere i pazienti bisognosi per offrire il mio aiuto e giocavo a “fare il
dottore”. Fantasia di un bambino! Tutto ciò mi esaltava. E così feci realizzando il mio sogno. Avrò
certamente commesso i miei errori (come tutti gli uomini) ma sono felice e consapevole di avere
svolto la mia attività professionale con amore e dedizione. So di non avere fatto mai un passo
indietro quando un paziente ha
richiesto il mio intervento.
Piuttosto quattro passi avanti
assumendomi spesso responsabilità
che andavano ben oltre il
mio “dovere” professionale e
senza secondi fini! Quante
suture, quanti piccoli interventi
seppure di minima chirurgia o
addirittura qualche assistenza a
partorienti e quante, quante ore,
anche di notte vissute al capezzale
dei pazienti. Quando mi
allontanavo dall’ammalato ero
cosciente del suo miglioramento
e tornavo a casa stanco ma felice. Oggi vivo lontano ma quando torno a Badolato (e accade spesso)
rivedo i vicoli, le stradine, il “destro”, il “mancuso”, la “iusuterra”, le porticine, le abitazioni
piccole, umili ma dignitose, gli anziani ultraottantenni, i giovani cresciuti da quando li curavo
bambini e sento un nodo alla gola e due lacrime che cerco invano di frenare, rigare le mie
guance. Il “Buongiorno dottore” che viene dal cuore della gente, il “Si ricorda, dottore, di quella
volta che mi ha curato o ha cucito il mento a mio figlio?” e tante, tante altre cose scatenano nel
mio cuore, oggi un po’ malato, una emozione fibrillante che non posso descrivere con parole.
“Dottore, venite a bere un bicchiere di vino nel mio “catojo”?”. Quanto sincero e genuino è
l’affettuoso invito! Io ringrazio commosso e spesso accetto e mi “bagno” le labbra. Quanta fatica
negli anni di lavoro a Badolato Superiore e Marina, di giorno, di notte, nei giorni feriali o festivi!
Natale, Pasqua, Ferragosto: tutti giorni uguali. Mai, noi medici del paese abbiamo risposto “Ora
non posso”. Non vi era un orario ufficiale. Eravamo sempre in servizio il mai dimenticato Dottore
Scuteri, il Dottore Peltrone ed io. Ma quante soddisfazioni. Non posso dimenticare, e il ricordo mi
commuove ancora, il giorno di San Giuseppe, ricorrenza del mio onomastico. Era un via-vai
ininterrotto di gente che veniva a casa mia con le uova, il vino, l’olio, il capretto, qualche denaro
contante e tanto, tanto altro. Che emozione! Quanto affetto vi era in quel “Dottore, scusatemi, lo
so che è poco ma di più non posso”. Non era poco! Era tanto, tantissimo perché quella premura
veniva dal cuore e si misurava in amore, non in valore. Vincenzino Gallelli, padre di Mario
Ruggero, mi accompagnava e pretendeva di portare la mia borsa. Riteneva fosse un suo “diritto”.
Caro Vincenzino, quanto ancora oggi lo ricordo e gli voglio bene. Percorrevamo insieme le
stradine col sole o con la pioggia, bussavo alla porta del paziente che avevo visitato tre-quattro
giorni prima e, affacciandomi dentro, chiedevo “Come va?” “Bene Dottore, grazie a voi”.
Parlando di emozioni del passato mi commuovo al pensiero di un evento dell’estate scorsa. Mia
figlia Luana, mettendo ordine nei cassetti di qualche mobilio, ha ritrovato alcune foto che ritraggono
me alunno della II classe elementare. Anno 1951! Ho gioia se scrivo che ho pianto. Una delle
foto scattata dal caro e indimenticato Giocondo Rudi, mi ritrae alla lavagna a scrivere “IL LAVORO
È RICCHEZZA ED È SALUTE” sotto l’occhio vigile e sorvegliante del magnifico mio Maestro
Francesco Gallelli il “Fiduciario”. Dio che emozione! Ho ripassato con la memoria le aule piccole
della scuola sita nei pressi della Piazza San Nicola di Badolato Superiore, in una viuzza adiacente al
Palazzo Paparo. Ho rivissuto i tempi dopo l’alluvione del 1951, delle scuole elementari site di
fronte alla Chiesa di San Domenico. Ricordo con grande commozione il “TIROCINIO” nella mia
classe ormai V elementare del Prof. Vincenzino Squillacioti che “faceva pratica” sotto la guida
del Fiduciario Gallelli per arrivare poi ad essere egli stesso quel grande Maestro che oggi è. Ed io,
ancora oggi, malgrado la poca differenza di età, continuo, quando ci incontriamo, a chiamarlo
“Professore” mentre pretendo che lui continui a chiamarmi Pepè. Mi fa sentire bambino gioioso.
Vorrei scrivere ancora ma prima di finire di annoiare i lettori voglio solo ricordare quanto
segue: ogni mattina, per tre anni, io, alunno di III, IV e V classe elementare mi recavo a casa del
mio Maestro Francesco Gallelli. Aspettavo che uscisse, gli “davo la destra” in segno di rispetto,
memore del principio che mi aveva trasmesso mio padre Don Ciccio Brancia, e lo accompagnavo
fino alla scuola. Il percorso era piuttosto lungo e ogni passo mi dava grande gioia per aver avuto
l’onore di accompagnare il Maestro che, tra l’altro, bontà sua, mi aveva nominato CAPOCLASSE
(mi auguro per meriti scolastici). Tra questi ricordi non posso non citare il Professore Nicola
Caporale, figura imponente, autoritaria, uomo di immensa cultura, di cui, dopo tanti anni mi
capitò di diventare genero avendo io sposato la figlia Graziella, mamma dei miei tre figli Teresa,
Luana e Ciccio. Grande uomo, il Professore Caporale, ma grande anche per avere avuto vicino per
tutta la vita una grande, grandissima donna: Franca Cuppari, Maestra esemplare, ineguagliabile di
scuola e di vita. Quanti bei ricordi! Che gioia se si tornasse bambini, sì bambini ma bambini di
quei tempi certamente non semplici, non facili, non comodi. Con l’augurio di un futuro scritto, se
mi sarà concesso, esprimo gratitudine a LA RADICE che, guarda caso, è stata concepita e in
embrione è nata a casa mia a Badolato Marina.
Un abbraccio per tutti.
Pepè Brancia

(Questo periodico, definito da qualcuno “giornale di comunità”, è, di fatto, di Badolato, dei
Badolatesi, di ciascun Badolatese, e, ovviamente, di tantissimi altri amici che Badolatesi non sono
ma condividono con noi valori, intenti, impegni, contribuendo, con la loro collaborazione, a farci
crescere, non solo sul piano culturale.
L’amico badolatese Pepè Brancia, il nostro caro dottore, attento lettore fin dal primo numero unico
datato 30 aprile 1994, più di una volta ha avuto modo di contribuire anche lui, con i suoi scritti, a tale
crescita. Questa volta commuove anche noi, con i suoi ricordi, con l’evocazione di persone che fanno
parte del nostro passato e di luoghi che per noi hanno il “senso” di cui scrive l’antropologo Vito Teti
in una sua seria ed interessante opera. A nome nostro personale, e di tutti gli amici che fanno parte di
questa ormai vasta rete creatasi intorno a “La Radice”, lo ringraziamo per quest’altra bella pagina,
valida testimonianza di condivisibili valori che speriamo non conoscano tramonto. - ndd)

QUANTA NOSTALGIA! - Pepè Brancia

E-mail: info@laradice.it             Webmaster: www.giuseppecaporale.it               Segnalazione errori

Testi e materiale Copyright©
Associazione culturale La Radice
  www.laradice.it

Sviluppo e design Copyright©
Giuseppe Caporale
 www.giuseppecaporale.it

Tecnologie e software Copyright©
SISTEMIC di Giuseppe Caporale
 www.sistemic.it

Advertising e link support
by www.Golink.it

Golink www.Golink.it