Associazione culturale “La Radice”
Registrazione Tribunale di Catanzaro n° 38 del 12.04.1995



Home
Info
Autori
Biografie
Periodici
Cerca
Video
Link
Archivio
Lettere
Estinti
Gestionale
Articolo meno letto:
IL PENSIERO
Autore:Anonimo     Data: 30/04/2019  
WebCam su badolato borgo

Inserisci email per essere aggio Inserisci email per essere aggiornato


 LINK Culturali su Badolato:

Storia di Badolato a partire dai 50 anni della parrocchia Santi Angeli custodi di Badolato Marina, i giovani di ieri si raccontano.
www.laradice.it/bibliotecabadolato

Archivio di foto di interesse artistico culturale e storico - chiunque può partecipare inviando foto, descrizione e dati dell'autore
www.laradice.it/archiviofoto

Per ricordare chi ci ha preceduto e fà parte della  nostra storia
www.laradice.it/estinti


ACCETTIAMO:
  • MATERIALE da pubblicare o da conservare;
  • NOTIZIE storiche e d'altro genere;
  • INDIRIZZI di Badolatesi che ancora non ricevono il giornale;
  • FOTOGRAFIE di qualche interesse;
  • SUGGERIMENTI, che terremo presenti;
  • CONTRIBUTI in denaro.

Visite:
Pagine richieste:
Utenti collegati:
dal 01/05/2004

Locations of visitors to this page

Data: 31/08/2015 - Anno: 21 - Numero: 2 - Pagina: 26 - INDIETRO - INDICE - AVANTI

QUESTO MATRIMONIO S’HA DA FARE!

Letture: 206               AUTORE: Antonio “Toto” Bressi (Altri articoli dell'autore)        

(Sappiamo un po’ tutti che da noi, e in tante altre parti del mondo, i fidanzamenti contrastati
venivano talvolta risolti mediante alcune particolari strategie. In Sicilia, ad esempio, con la
“fujtìna”. Da noi -ne abbiamo accennato qualche volta- con un bacio “pubblico”: la ragazza
baciata in presenza di alcune o parecchie persone dal pretendente, rifiutato dalla famiglia di lei,
era considerata “disonorata” per sempre, e pertanto la sua “riabilitazione” poteva avvenire
unicamente con il matrimonio tra i due. A Badolato casi del genere non erano rari sino a circa
cinquanta anni fa.
Ecco come ci racconta quanto occorso a suo nonno l’amico Totò Bressi che vive con la famiglia
in Argentina, e che ringraziamo per il fresco e simpatico racconto.)
“...È successo a Badolato in 1936. Un ragazzo di 24 anni di nome Giuseppe Bressi (figlio di
Vittoria Papaleo “Patàta”), voleva per fidanzata a Francesca Repice diciottenne, figlia di mastro
Ciccio Repice, ma Repice non voleva sapere affatto su questo fidanzamento. Giuseppe, sapendo
la decisione dei genitori di Francesca, non sapeva cosa fare. E cosí un giorno ha deciso di fare
qualcosa: baciare Francesca pubblicamente per farlo sapere ai vicini di casa. Mentre tornava della
fontana di San Nicola, giusto nella “vineṛa” dei Tropiano (non più larga di 80 cm), lei portava
in testa, u bùmbalu pieno d’aqua e Giuseppe, che stava aspettandola all’ uscita, l’ha baciato. A
Badolato, questi fatti si sanno subito.
Repice ha subito preso provvedimenti facendo sposare Francesca. Mio nonno diceva che non
voleva che si sposassero perché la ragazza aveva due sorelle di età maggiore che dovevano sposarsi
prima (è successo proprio cosí, non si sono sposate: la prima si è affiancata con un signore vedovo,
u Cajnu, e l’altra si é sposata quando aveva 60 anni, in Argentina). Io, Antonio (“Toto”) Bressi
(73 anni) sono il figlio di Francesca e Giuseppe, e abito in Bella Vista, Buenos Aires, Argentina...”
Questa storia la sapeva anche l’arciprete Peronace (“Purvaràta”).
Tanti saluti affettuosi da noi per tutti voi e per i lettori de “La Radice”.


E-mail:              Webmaster: www.giuseppecaporale.it               Segnalazione errori

Testi e materiale Copyright©
Associazione culturale La Radice
  www.laradice.it

Sviluppo e design Copyright©
Giuseppe Caporale
 www.giuseppecaporale.it

Tecnologie e software Copyright©
SISTEMIC di Giuseppe Caporale
 www.sistemic.it

Advertising e link support
by www.Golink.it

Golink www.Golink.it