Associazione culturale “La Radice”
Registrazione Tribunale di Catanzaro n° 38 del 12.04.1995

In inglese


Home
Info
Autori
Biografie
Periodici
Cerca
Video
Link
Archivio
Lettere
Estinti
Gestionale
Articolo meno letto:
COMUNE DI BADOLATO Servizi Demografici – Ufficio Anagrafe
Autore:Vincenzo Rudi     Data: 30/12/2020  
WebCam su badolato borgo

Inserisci email per essere aggio Inserisci email per essere aggiornato


 LINK Culturali su Badolato:

Storia di Badolato a partire dai 50 anni della parrocchia Santi Angeli custodi di Badolato Marina, i giovani di ieri si raccontano.
www.ricordando.net

Comune di Badolato, servizio per la ricerca e visione dei testi conservati nella biblioteca comunale di Badolato.
www.laradice.it/bibliotecabadolato

Archivio di foto di interesse artistico culturale e storico - chiunque può partecipare inviando foto, descrizione e dati dell'autore
www.laradice.it/archiviofoto

Per ricordare chi ci ha preceduto e fà parte della  nostra storia
www.laradice.it/estinti


ACCETTIAMO:
  • MATERIALE da pubblicare o da conservare;
  • NOTIZIE storiche e d'altro genere;
  • INDIRIZZI di Badolatesi che ancora non ricevono il giornale;
  • FOTOGRAFIE di qualche interesse;
  • SUGGERIMENTI, che terremo presenti;
  • CONTRIBUTI in denaro.

Visite:
Pagine richieste:
Utenti collegati:
dal 01/05/2004

Locations of visitors to this page

Data: 30/12/2020 - Anno: 26 - Numero: 2 - Pagina: 6 - INDIETRO - INDICE - AVANTI

RACCONTI BREVI

Letture: 62               AUTORE: (Altri articoli dell'autore)        

NOSTOS
“Sei tu? O forse è il vaneggiare del definitivo saluto che spreme la speranza, dopo anni, di
ascoltare di nuovo la tua voce.
Perché sento odore forte di sale, la mano callosa di corde nodose e negli occhi intravedo
un blu infinito?
Eppure, se tu sei, nascesti nel solco dell’aratro e crescesti sotto l’ombra del castagno.
Hai perso le tue radici?”
“Sono io e non ho perso niente altrimenti non ti avrei più ritrovato.
Dalla terra presi la spinta per andare incontro al confine del mare fino a quando, nel vento,
potei vedere il confine della terra dove attraccare.
I miei calli torneranno di ascia e di zappa e l’odore d’umido d’erba, fino a quando ci sarà di
nuovo negli occhi la spinta per andare e tornare, andare e tornare…..”
UN GIORNO DI QUIETE
Un giorno di quiete, di questo sentiva il bisogno, di vivida luce che illuminasse le cose, per
riconoscerle nitidamente appieno.
L’urto alla sua virtù irto di ipotesi aveva provocato un livido intimo che si manifestava con
una smorfia isoscele, ogni volta che sentiva pronunciata la parola “notte”.
Di notte, infatti, si consumò l’abbandono lungo la strada del loro discorso frammentato, nel
preciso angolo del suo disincanto.
Walter Colaiacomo


E-mail: info@laradice.it             Webmaster: www.giuseppecaporale.it               Segnalazione errori

Testi e materiale Copyright©
Associazione culturale La Radice
  www.laradice.it

Sviluppo e design Copyright©
Giuseppe Caporale
 www.giuseppecaporale.it

Tecnologie e software Copyright©
SISTEMIC di Giuseppe Caporale
 www.sistemic.it

Advertising e link support
by www.Golink.it

Golink www.Golink.it