Associazione culturale “La Radice”
Registrazione Tribunale di Catanzaro n° 38 del 12.04.1995

In inglese


Home
Info
Autori
Biografie
Periodici
Cerca
Video
Link
Archivio
Lettere
Estinti
Gestionale
Articolo meno letto:
L’AUTO CHE PORTÒ UMBERTO DI SAVOIA PER BADOLATO
Autore:Claudio Caroleo     Data: 30/12/2020  
WebCam su badolato borgo

Inserisci email per essere aggio Inserisci email per essere aggiornato


 LINK Culturali su Badolato:

Storia di Badolato a partire dai 50 anni della parrocchia Santi Angeli custodi di Badolato Marina, i giovani di ieri si raccontano.
www.ricordando.net

Comune di Badolato, servizio per la ricerca e visione dei testi conservati nella biblioteca comunale di Badolato.
www.laradice.it/bibliotecabadolato

Archivio di foto di interesse artistico culturale e storico - chiunque può partecipare inviando foto, descrizione e dati dell'autore
www.laradice.it/archiviofoto

Per ricordare chi ci ha preceduto e fà parte della  nostra storia
www.laradice.it/estinti


ACCETTIAMO:
  • MATERIALE da pubblicare o da conservare;
  • NOTIZIE storiche e d'altro genere;
  • INDIRIZZI di Badolatesi che ancora non ricevono il giornale;
  • FOTOGRAFIE di qualche interesse;
  • SUGGERIMENTI, che terremo presenti;
  • CONTRIBUTI in denaro.

Visite:
Pagine richieste:
Utenti collegati:
dal 01/05/2004

Locations of visitors to this page

Data: 31/12/2005 - Anno: 11 - Numero: 4 - Pagina: 26 - INDIETRO - INDICE - AVANTI

REPRBBACA

Letture: 533               AUTORE: Vincenzo Squillacioti (Altri articoli dell'autore)        

Ero ancora bambino quando il popolo italiano, uscito salvo ma un po schiavo e con tutte le ossa rotte dal conflitto mondiale 1939-45, si preparava a decidere se per il proprio futuro sarebbe stato meglio avere ancora in Italia la Monarchia -quella Sabauda, ovviamente- o la Repubblica. Si quindi votato, come ognun sa, il 2 giugno del 1946, e ha vinto la Repubblica. Dio sa con quanti (im)brogli! Cos si dice. Noi ne sappiamo qualcosa, per storia tramandataci oralmente, per quel che riguarda Badolato, e non solo.
Nel periodo immediatamente precedente la data della votazione ho avuto modo di sentire parlare numerose volte do rre e da reprbbaca. E pi volte ho sentito dire: Si bbena a reprbbaca simu rovinti! Ognnu pota fara chihr!u chi bbola, e nda vidmu dogni culri. In sostanza, parte del popolo, forsanche un po catechizzata, associava il concetto di res publica a quello di anarchia.
Oggi, a distanza di sessantanni, non saprei dire se quella gente avesse torto o ragione. Un fatto, per, certo: pur senza concedere alcuno spazio alla possibilit o convenienza che lItalia potesse, o possa essere governata da un inutile monarca, io mi sento di affermare che la reprbbaca arrivata. Lento pede, a tappe, ma arrivata, ed oggi pi che mai una realt macroscopica. E ci sovrasta, ci coinvolge, ci stritola, tutti noi che non abitiamo neppure uno stanzino del potere. E siamo la maggioranza. Ci avviamo ad essere, quelli schiacciati o da schiacciare, quell80% di cui scriveva anni fa con lucidit e rabbia quel satanasso di Giorgio Bocca. Ma di cui oggi scrive su Famiglia Cristiana -si badi: un periodico non proprio comunista!- Beppe del Colle: si assiste alla costante crescita del numero dei poveri, saliti a 7 milioni e mezzo (negli ultimi anni 600.000 famiglie del ceto medio hanno visto diminuire il loro livello di reddito fino ad avvicinarsi alla soglia di povert) e, contemporaneamente, allincremento dei ricchi, mentre i patrimoni si concentrano sempre pi nelle mani di pochi (il 10 per cento delle famiglie agiate gode del 45 per cento della ricchezza complessiva. (famiglia cristiana - n 51/2005 - pag. 27).
Per rispetto ai lettori, ancor pi che per legittima paura di probabili lecite od illecite conseguenze, lascio nella bozza il lungo elenco delle realt e dei dati che proverebbero senza alcun dubbio che lItalia oggi una reprbbaca, dai pi alti colli sino alla profonda Erice e alla pi nordica vetta dItalia. Pertanto, assonniamoci pure allascolto di retoriche e stucchevoli esternazioni sullesistenza di una grande Patria Italia che -si aggiunge- la fotocopia del paradiso terrestre. Anzi di pi: degli Stati Uniti dAmerica!


E-mail: info@laradice.it             Webmaster: www.giuseppecaporale.it               Segnalazione errori

Testi e materiale Copyright©
Associazione culturale La Radice
  www.laradice.it

Sviluppo e design Copyright©
Giuseppe Caporale
 www.giuseppecaporale.it

Tecnologie e software Copyright©
SISTEMIC di Giuseppe Caporale
 www.sistemic.it

Advertising e link support
by www.Golink.it

Golink www.Golink.it