Associazione culturale “La Radice”
Registrazione Tribunale di Catanzaro n° 38 del 12.04.1995

In inglese


Home
Info
Autori
Biografie
Periodici
Cerca
Video
Link
Archivio
Lettere
Estinti
Gestionale
Articolo meno letto:
BADOLATO, RIFUGIO DI GRANDI ARTISTI. Riflessioni
Autore:Claudio Caroleo     Data: 31/12/2019  
WebCam su badolato borgo

Inserisci email per essere aggio Inserisci email per essere aggiornato


 LINK Culturali su Badolato:

Storia di Badolato a partire dai 50 anni della parrocchia Santi Angeli custodi di Badolato Marina, i giovani di ieri si raccontano.
www.ricordando.net

Comune di Badolato, servizio per la ricerca e visione dei testi conservati nella biblioteca comunale di Badolato.
www.laradice.it/bibliotecabadolato

Archivio di foto di interesse artistico culturale e storico - chiunque può partecipare inviando foto, descrizione e dati dell'autore
www.laradice.it/archiviofoto

Per ricordare chi ci ha preceduto e fà parte della  nostra storia
www.laradice.it/estinti


ACCETTIAMO:
  • MATERIALE da pubblicare o da conservare;
  • NOTIZIE storiche e d'altro genere;
  • INDIRIZZI di Badolatesi che ancora non ricevono il giornale;
  • FOTOGRAFIE di qualche interesse;
  • SUGGERIMENTI, che terremo presenti;
  • CONTRIBUTI in denaro.

Visite:
Pagine richieste:
Utenti collegati:
dal 01/05/2004

Locations of visitors to this page

Data: 31/12/2005 - Anno: 11 - Numero: 4 - Pagina: 32 - INDIETRO - INDICE - AVANTI

RICORDI

Letture: 538               AUTORE: Caterina Guarna (Altri articoli dell'autore)        

(Riceviamo e con piacere pubblichiamo un prezioso contributo che lamica Caterina Guarna, che risiede a Pisa fin dallUniversit ma di sangue badolatese, ha voluto di recente mandarci. E la ringraziamo anche da queste colonne.)

RICORDI

Nella vecchia piazza Santa Barbara riaffiorano uno per uno i ricordi.
L di fronte cera la bottega del nonno, u varihr!aru, profumata di legno fresco, con i cerchi delle botti e le doghe dei barili.
Di fronte, la casa dei Ddavi da cui proveniva il rumore di un telaio. A sinistra la bottega di MastrUmbertu, dove si andava a comprare la pasta o la farina per fare il pane, e la casa di Sisina, mia compagna di giochi. Di sotto, nel fresco vicolo tutto fatto di scalini, la casa di mia cugina, pi grande di me, in cui ci si rifugiava nelle ore pi calde del giorno.
E nella loggia, da cui si vedeva il mare lontano, la nonna stendeva il bucato o metteva a seccare o i fichi o i pomodori.
Nel pomeriggio, quando il sole era meno caldo, si andava nellorto del nonno, dopo la chiesa di San Domenico: ci si portava da casa una cipolla e un pezzo di pane, la zia coglieva un pomodoro, e si faceva cos la merenda. E poi osservavamo la zia che irrigava, aprendo e chiudendo solchi con la zappa, mentre lacqua correva da una rsola allaltra.
La sera, sotto le stelle, ci si raccoglieva nella piazza, davanti alla casa dei nonni: i grandi raccontavano vecchie storie di spriti e noi bambini ascoltavamo, assorti e a volte impauriti.
E poi arrivava la grande festa della vendemmia: ci si svegliava che era ancora buio, ci si preparava alla luce delle lanterne a olio, le donne si mettevano i gistni sulla testa e si partiva, a piedi, affrontando, ancora col buio, a petta e lngeli.
Al convento si faceva la prima sosta, per bere e riposarsi. Dopo tanto camminare si arrivava a vedere da lontano a cashr!a e dallaltra parte il sole che sorgeva dal mare, con una luce gi calda e intensa. Allora cominciava la discesa e poi la breve salita che portava a Fangmi, dove ci aspettavano i filari gonfi di uva matura. Ed era una festa correre con i panri a raccogliere luva e svuotarli poi nei gistni e da l nel purmnto. L gli uomini a pieni nudi schiacciavano i chicchi e il primo liquido rossastro cominciava a colare nella vasca profonda.
Avevo sei anni, quando ci fu lalluvione.
Ero andata con mio padre al paese per la vendemmia e mia madre era rimasta in citt, con i miei fratelli. Ricordo le giornate interminabili di pioggia, che non smetteva mai, e io non potevo far altro che guardare dalla finestra la campagna di fronte: l vedevo, come in un sogno, camminare gli alti e possenti alberi di ulivo lungo il fianco della montagna. E man mano che passavano i giorni anche le case cominciavano a venire gi: ogni tanto arrivavano notizie di crolli e frane e morti, e le donne piangevano impaurite. E poi ci fu la grande processione, a cui tutto il paese partecip, per chiedere alla Madonna la fine della pioggia.
Si rimase isolati per giorni e giorni e non cera modo di comunicare col mondo esterno, di mandare notizie a mia madre che sicuramente era in apprensione.
Poi la pioggia fin, torn il sole, cominci l altra processione, quella dei politici e dei notabili che venivano a vedere i danni e a fare promesse questo lho saputo dopo, da grande: nei miei occhi di bambina rimasta limmagine dei grandi olivi che scendevano dalla montagna, come in una favola.


E-mail: info@laradice.it             Webmaster: www.giuseppecaporale.it               Segnalazione errori

Testi e materiale Copyright©
Associazione culturale La Radice
  www.laradice.it

Sviluppo e design Copyright©
Giuseppe Caporale
 www.giuseppecaporale.it

Tecnologie e software Copyright©
SISTEMIC di Giuseppe Caporale
 www.sistemic.it

Advertising e link support
by www.Golink.it

Golink www.Golink.it