Associazione culturale “La Radice”
Registrazione Tribunale di Catanzaro n° 38 del 12.04.1995



Home
Info
Autori
Biografie
Periodici
Cerca
Video
Link
Archivio
Lettere
Estinti
Gestionale
Articolo meno letto:
LAUREE
Autore:     Data: 30/12/2020  
WebCam su badolato borgo

Inserisci email per essere aggio Inserisci email per essere aggiornato


 LINK Culturali su Badolato:

Storia di Badolato a partire dai 50 anni della parrocchia Santi Angeli custodi di Badolato Marina, i giovani di ieri si raccontano.
www.ricordando.net

Comune di Badolato, servizio per la ricerca e visione dei testi conservati nella biblioteca comunale di Badolato.
www.laradice.it/bibliotecabadolato

Archivio di foto di interesse artistico culturale e storico - chiunque può partecipare inviando foto, descrizione e dati dell'autore
www.laradice.it/archiviofoto

Per ricordare chi ci ha preceduto e fà parte della  nostra storia
www.laradice.it/estinti


ACCETTIAMO:
  • MATERIALE da pubblicare o da conservare;
  • NOTIZIE storiche e d'altro genere;
  • INDIRIZZI di Badolatesi che ancora non ricevono il giornale;
  • FOTOGRAFIE di qualche interesse;
  • SUGGERIMENTI, che terremo presenti;
  • CONTRIBUTI in denaro.

Visite:
Pagine richieste:
Utenti collegati:
dal 01/05/2004

Locations of visitors to this page

Data: 31/12/2009 - Anno: 15 - Numero: 3 - Pagina: 21 - INDIETRO - INDICE - AVANTI

SI CHIAMAVA KLAIN

Letture: 896               AUTORE: Annamaria Bruni (Altri articoli dell'autore)        

(Leggiamo con piacere la pagina che segue che abbiamo ricevuto per e mail dalla
Signora Annamaria Bruni, di Lamezia. per noi motivo di soddisfazione sapere che siamo
letti, ovunque, anche se talvolta soltanto per caso. In questo caso, poi, siamo particolarmente
lieti perch quanto ci scrive la Signora Bruni arricchisce larticolo del professore
Ulderico Nistic, e quindi il nostro lavoro. Chiss che in questa rete non venga fuori anche
il nome dellaltro marinaretto che ha vegliato la salma! Meraviglia soltanto che nella
Cronaca dei Salesiani, abitualmente puntuali e precisi, non sia riportato il nome dello
sfortunato soldato tedesco.
Esprimiamo ancora da queste colonne il nostro ringraziamento alla Signora Bruni, ed un
augurio anche al suo pap, Signor Domenico.)
Ho letto nel vostro sito su un articolo di Ulderico Nistic dal titolo 7 settembre 1943 che
si cita un marinaio tedesco, dato come ignoto, e ritrovato a Soverato. Non cos, mio padre
Domenico Bruni allora studente dellIstituto salesiano ebbe il compito di vegliare il corpo
insieme ad un suo compagno vestiti con la divisa di marinaretto, tipica dei liceali, ed ebbe modo
di leggere il suo nome sulla targhetta Walter Klain aveva 22 anni era alto biondo e con una lunga
barba era marinaio di un sommergibile U-Boot tedesco mitragliato dagli aerei inglesi.
Vi riporto un passo dei racconti di vita che sto scrivendo perch le tracce della storia
non si smarriscano ed in cui descrivo il fatto:
Nella zona di mare dinanzi a Soverato passavano di frequente in mare gli U-Boot, che
furono estremamente efficaci nella distruzione di migliaia di mercantili nemici, erano sommergibili
tedeschi, che andavano o ritornavano dalle loro basi, a Taranto o a Bari, per rifornirsi
di munizioni o riparare i pezzi. Attraversavano Gibilterra per raggiungere lAtlantico e
aspettavano per mesi di sorprendere gli americani che andavano a rifornire gli Inglesi.
Verso Badolato un sommergibile era emerso dal mare nella certezza di essere in acque
sicure, ma passava proprio di l un sommergibile inglese che riusc a sferrare un attacco
squarciando in due lo scafo dellU-Boot tedesco. Alcuni marinai si sono salvati lanciandosi
in mare, altri sono stati falciati dai fuochi.
Qualche tempo dopo venne ritrovato a riva il corpo di un marinaio tedesco era il 22 marzo
del 1942, di cui si celebr il funerale a Soverato. Si chiamava Walter Klain, aveva 22 anni, era
alto e biondo con una lunga barba. Il suo nome si leggeva sulla medaglietta identificativa.
Era toccato a pap e ad un suo compagno, in uniforme scolastica, il dovere di vegliare di
notte la salma scoperta, avevano infatti ununiforme detta da marinaretto per la forma cos
simile alla divisa degli ufficiali di marina.
Vegliarono uno al capo e laltro ai piedi del corpo, lamico che volgeva le spalle al
deceduto, nel buio era spaventato e chiedeva tremante al compagno che aveva lo sguardo al
soldato:
O Bruni che fa il morto?!
Riceveva una tranquillizzante risposta:
Stai tranquillo non si muove, morto.
Spero che possa essere utile per voi questa storia di vita che si incrocia con quanto
narrato dallarticolo.
Cordiali saluti.
Annamaria Bruni


E-mail:              Webmaster: www.giuseppecaporale.it               Segnalazione errori

Testi e materiale Copyright©
Associazione culturale La Radice
  www.laradice.it

Sviluppo e design Copyright©
Giuseppe Caporale
 www.giuseppecaporale.it

Tecnologie e software Copyright©
SISTEMIC di Giuseppe Caporale
 www.sistemic.it

Advertising e link support
by www.Golink.it

Golink www.Golink.it