Associazione culturale “La Radice”
Registrazione Tribunale di Catanzaro n° 38 del 12.04.1995



Home
Info
Autori
Biografie
Periodici
Cerca
Video
Link
Archivio
Lettere
Estinti
Gestionale
Articolo meno letto:
LO SAPEVI CHE...
Autore:     Data: 30/04/2019  
WebCam su badolato borgo

Inserisci email per essere aggio Inserisci email per essere aggiornato


 LINK Culturali su Badolato:

Storia di Badolato a partire dai 50 anni della parrocchia Santi Angeli custodi di Badolato Marina, i giovani di ieri si raccontano.
www.laradice.it/bibliotecabadolato

Archivio di foto di interesse artistico culturale e storico - chiunque può partecipare inviando foto, descrizione e dati dell'autore
www.laradice.it/archiviofoto

Per ricordare chi ci ha preceduto e fà parte della  nostra storia
www.laradice.it/estinti


ACCETTIAMO:
  • MATERIALE da pubblicare o da conservare;
  • NOTIZIE storiche e d'altro genere;
  • INDIRIZZI di Badolatesi che ancora non ricevono il giornale;
  • FOTOGRAFIE di qualche interesse;
  • SUGGERIMENTI, che terremo presenti;
  • CONTRIBUTI in denaro.

Visite:
Pagine richieste:
Utenti collegati:
dal 01/05/2004

Locations of visitors to this page

Data: 30/06/2022 - Anno: 28 - Numero: 1 - Pagina: 17 - INDIETRO - INDICE - AVANTI

SU ANTONIO TROPIANO SCULTORE

Letture: 239               AUTORE: (Altri articoli dell'autore)        

“Quel che mi è dato di capire a fine giornata, quando spengo le luci dello studio, è che le mie
braccia sanno che fino al penultimo colpo di mazzuolo io sono uno scultore”.
Mi piace iniziare a raccontare così, con le sue parole, l’arte di Antonio Tropiano. Una frase
che racconta la sua identità di scultore in modo semplice e puro, come la sua anima e il suo modo
di essere. Forse basterebbero queste poche parole per capire ogni sua opera, ma mi sono assunto
l’impegno e l’onore di raccontare qualcosa di più su di lui e sulla sua arte.
Ho conosciuto Antonio qualche tempo fa, a Roma prima, e successivamente in visita nel suo
laboratorio in Calabria.
Ricordo ancora la frase che ho citato quando lo salutai dopo uno dei nostri magici incontri:
“Le persone capitano per caso nella nostra vita, ma non a caso…” (Alda Merini).
Un pomeriggio di una calda estate, mi invita a gustare del cibo nella sua residenza, in uno dei
luoghi più romantici e affascinanti della Calabria, per poi visitare il suo laboratorio e ammirare le
sue opere. Una visita immersiva direi, a stretto contatto con le sue sculture e soprattutto con il suo
racconto su ciascuna delle opere. Osservare le sculture, ascoltando le parole di chi le ha scolpite, è
il massimo che si possa auspicare al visitatore. Non capita spesso di trovarsi in condizioni simili,
ad ascoltare un uomo di immensa cultura letteraria e umanistica che ti incanta con le sue parole
sempre profonde e ricche di riferimenti e citazioni. Tropiano ti provoca un desiderio insaziabile
di apprendere, di ascoltare, di divorare con gli occhi e ammirare nello stesso tempo. Direi, per
fare un paragone, che ci si sente proprio come in una tappa del viaggio di Ulisse nell’Odissea di
Omero, quando affrontò il canto delle sirene. Proprio così viviamo le sue parole, come un sottile e
persuasivo strumento di seduzione, espressione di un legame inscindibile tra amore per la cultura
e persuasione per l’arte.
Chi lo ascolta cede al dolce suono della voce
di una sirena, la stessa che aveva incontrato
Ulisse nel suo viaggio. Tutto diventa ora simbolo
di un racconto, ora fascinoso e dilettevole
sguardo verso le sue sculture. Nel percorso
ti senti travolto da una tempesta di emozioni,
colpito da metafore e bellezza, da definizioni
poetiche e sculture che le rappresentano.
Chi è Antonio Tropiano? Forse non basta
descriverlo con le sue stesse parole. Magari
basterebbe pure, ma sarà meglio raccontarlo a
tutti, agli altri, a coloro i quali, facendo un percorso
immersivo dentro le sue opere, potranno
percepire quella tempesta insolita e unica che
ho percepito io, grazie al suo racconto.
Con la sua mostra al Marca di Catanzaro, ci
ha dato questa opportunità. Minima Fragmenta
è il titolo della mostra, nata dall’incontro
con Rocco Guglielmo, direttore del Museo. Le
sculture sono distribuite con una logica espositiva
avvolgente, al centro di uno spazio che
consente di viverle nella loro interezza, di osservarle da tutti i punti di vista, dall’alto, dal basso,
girando attorno ad esse. Ogni minimo dettaglio ti conduce al “minimo frammento” che lo scultore
ha intagliato su quel legno.
I temi delle sculture di Antonio, conducono ad una rappresentazione plastica del suo universo
creativo e linguistico. L’opera compiuta agli occhi di chi la osserva può essere un’opera incompiuta
agli occhi dello scultore. Lui stesso definisce il suo “non finito” come un “non risolto”, “un
qualcosa che non ha trovato la ragione per essere qualcos’altro”. Ecco perché ogni sua scultura
va vissuta osservandola da ogni punto di vista, alla ricerca di ogni minimo dettaglio che consenta
di coglierne il segreto, ciò che la caratterizza e la rende compiuta o incompiuta, nel gesto del penultimo
colpo del mazzuolo.
Antonio conosce la materia, cattura il tronco e sente il punto dove il superfluo cederà ai suoi
colpi. La materia aspetta solo di essere scoperta, denudata, intuisce la direzione che lo scultore vuol
farle prendere e asseconda i suoi assalti prima forti e poi delicati.
Il talento sta proprio lì, nel rendere manifeste tutte quelle forme che a noi umani sono invisibili.
Scolpire non è scavare la materia, ma ascoltare il respiro della vita in essa rilevato.
Mi piace molto chiudere con una frase di Michelangelo Buonarroti:
Tu vedi un blocco,
pensa all’immagine:
l’immagine è dentro
basta soltanto spogliarla.
Pasquale Piroso
(Ringraziamo Pasquale Piroso, architetto badolatese che vive a Roma ma che opera pure in
Badolato, per aver accettato, “con piacere e onore”, l’invito di scrivere della Mostra di scultura
di Antonio Tropiano a Catanzaro: un pezzo pregevole, il suo, scritto con intelligenza e competenza.
E confessiamo, al contempo, che siamo lieti anche noi di aver visitato la bella esposizione al
Marca. Non potevamo mancare! La vista di quelle sculture lignee, e la vicinanza e il loro contatto,
quasi, ci ha proiettato in un mondo dove l’indefinibile gaudio che si provava era al limite della
sofferente incapacità di cogliere ciò che l’opera diceva dopo averla “spogliata”. Per fortuna a
quel punto soccorreva il supporto dell’Autore, con la sua fondante narrazione della strana seppure
avvincente avventura umana, della fantasiosa mitologia, della letteratura, dell’indagine psicoanalitica:
ecco quindi venir fuori dal legno, chiara ed evidente, l’identità il senso ed il messaggio
dell’opera dell’Artista. È il concetto che diventa forma, immagine, nitida e affascinante, anche per
la maestria della mano che ha segato, scolpito, levigato. Grazie, maestro. - Ndd)


E-mail:              Webmaster: www.giuseppecaporale.it               Segnalazione errori

Testi e materiale Copyright©
Associazione culturale La Radice
  www.laradice.it

Sviluppo e design Copyright©
Giuseppe Caporale
 www.giuseppecaporale.it

Tecnologie e software Copyright©
SISTEMIC di Giuseppe Caporale
 www.sistemic.it

Advertising e link support
by www.Golink.it

Golink www.Golink.it