Associazione culturale “La Radice”
Registrazione Tribunale di Catanzaro n° 38 del 12.04.1995

In inglese


Home
Info
Autori
Biografie
Periodici
Cerca
Video
Link
Archivio
Lettere
Estinti
Gestionale
Articolo meno letto:
ANTONIO BARBUTO Leopardi traduttore del Secondo libro dell’Eneide
Autore:Antonio Barbuto     Data: 31/12/2019  
WebCam su badolato borgo

Inserisci email per essere aggio Inserisci email per essere aggiornato


 LINK Culturali su Badolato:

Storia di Badolato a partire dai 50 anni della parrocchia Santi Angeli custodi di Badolato Marina, i giovani di ieri si raccontano.
www.ricordando.net

Comune di Badolato, servizio per la ricerca e visione dei testi conservati nella biblioteca comunale di Badolato.
www.laradice.it/bibliotecabadolato

Archivio di foto di interesse artistico culturale e storico - chiunque può partecipare inviando foto, descrizione e dati dell'autore
www.laradice.it/archiviofoto

Per ricordare chi ci ha preceduto e fà parte della  nostra storia
www.laradice.it/estinti


ACCETTIAMO:
  • MATERIALE da pubblicare o da conservare;
  • NOTIZIE storiche e d'altro genere;
  • INDIRIZZI di Badolatesi che ancora non ricevono il giornale;
  • FOTOGRAFIE di qualche interesse;
  • SUGGERIMENTI, che terremo presenti;
  • CONTRIBUTI in denaro.

Visite:
Pagine richieste:
Utenti collegati:
dal 01/05/2004

Locations of visitors to this page

Data: 31/12/2005 - Anno: 11 - Numero: 4 - Pagina: 45 - INDIETRO - INDICE - AVANTI

UNA PARTICOLARE FIACCOLATA

Letture: 542               AUTORE: Tota Gallelli (Altri articoli dell'autore)        

Il due novembre non era ancora lalba, quando, finita la celebrazione della Messa di suffragio per i defunti, tutti i presenti uscivano dalla chiesa con le candele accese. Preceduti dal sacerdote e recitando le preghiere si recavano in processione al cimitero percorrendo il tratto della strada provinciale per salire poi da petta e lngiali.
Arrivati al cimitero continuavano il giro tra le tombe, deponendo le candele sulle tombe dei propri cari; il sacerdote poi andava a celebrare la Messa nella chiesetta del cimitero. Durante il giorno si davano offerte ai monaci del convento che si soffermavano presso le tombe per recitare dei salmi.
Le tremule fiammelle ad una ad una si spegnevano lasciando per terra la cera, che allindomani veniva raccolta da ragazzini: la pi pulita la utilizzavano loro stessi per fare nuove candele, quella pi imbrattata di terra la vendevano ad uno del paese. A quei tempi nulla andava perduto.


E-mail: info@laradice.it             Webmaster: www.giuseppecaporale.it               Segnalazione errori

Testi e materiale Copyright©
Associazione culturale La Radice
  www.laradice.it

Sviluppo e design Copyright©
Giuseppe Caporale
 www.giuseppecaporale.it

Tecnologie e software Copyright©
SISTEMIC di Giuseppe Caporale
 www.sistemic.it

Advertising e link support
by www.Golink.it

Golink www.Golink.it