Associazione culturale “La Radice”
Registrazione Tribunale di Catanzaro n° 38 del 12.04.1995

In inglese


HomeInfoAutoriBiografiePeriodiciCercaVideoLinkArchivioAltro spazioEstintiGestionale
Articolo meno letto:
“Estinti a Casa”
Autore:Vincenzo Piperissa     Data: 30/06/2005  
WebCam su badolato borgo

Inserisci email per essere aggio Inserisci email per essere aggiornato


 LINK Culturali su Badolato:

Storia di Badolato a partire dai 50 anni della parrocchia Santi Angeli custodi di Badolato Marina, i giovani di ieri si raccontano.
www.ricordando.net

Comune di Badolato, servizio per la ricerca e visione dei testi conservati nella biblioteca comunale di Badolato.
www.laradice.it/bibliotecabadolato

Archivio di foto di interesse artistico culturale e storico - chiunque può partecipare inviando foto, descrizione e dati dell'autore
www.laradice.it/archiviofoto

Per ricordare chi ci ha preceduto e fà parte della  nostra storia
www.laradice.it/estinti


ACCETTIAMO:
  • MATERIALE da pubblicare o da conservare;
  • NOTIZIE storiche e d'altro genere;
  • INDIRIZZI di Badolatesi che ancora non ricevono il giornale;
  • FOTOGRAFIE di qualche interesse;
  • SUGGERIMENTI, che terremo presenti;
  • CONTRIBUTI in denaro.

Visite:
Pagine richieste:
Utenti collegati:
dal 01/05/2004

Locations of visitors to this page

Data: 31/12/2017 - Anno: 23 - Numero: 3 - Pagina: 44 - INDIETRO - INDICE - AVANTI

UNO STORICO PROGETTO (PER LO SCIOPERO A ROVESCIO)

Letture: 419               AUTORE: Vincenzo Squillacioti (Altri articoli dell'autore)        

Per mancanza di tempo, soprattutto, e non certo per trascuratezza, sono trascorsi numerosi anni
prima di soddisfare un’esigenza, un desiderio, in qualche modo un dovere: acquisire notizie sul progetto
della strada di Giambàrtolo che, nelle intenzioni degli organizzatori e dei volontari lavoratori
dello Sciopero a rovescio, sarebbe dovuto essere il primo segmento dell’arteria rotabile che avrebbe
collegato, anche da Badolato, la Calabria ionica con Serra San Bruno sull’Appennino, con Vibo
Pizzo e Tropea sul Tirreno. In uno dei vari articoli pubblicati in questo periodico sull’argomento abbiamo
avuto modo di scrivere che il progetto era stato redatto del geometra Angelo Vincenzo Anoja,
ma non eravamo mai andati oltre. Finalmente tempo fa siamo riusciti ad acquisire sull’argomento
notizie di non trascurabile interesse, da aggiungere a quelle che già conoscevamo.

In compagnia dell’amico collaboratore
Pietro Cossari, fornito di telecamera,
qualche mese fa ci siamo recati a casa
del nostro tecnico e abbiamo conversato
a lungo sull’argomento, senza divagazioni
e senza giudizi di merito sulla storica
vicenda, com’è costume, in genere, del
geometra Anoja, e fondamentale intento
nel nostro lavoro di ricerca.
Ci ha confermato di aver fatto lui -e,
purtroppo, di non essere più in possesso
del cartaceo- il progetto della strada
Giambàrtolo-Guardia, su richiesta verbale
dell’avvocato Luigi Tropeano, allora
Sindaco di Badolato.

Per il lettore che non ricordasse quanto più volte scritto su questo periodico, diciamo che lo
Sciopero a rovescio è iniziato il 13 ottobre del 1950 ed è finito ed esaurito il 9 gennaio del 1951.
“Non sono stato pagato. Quando Tropeano mi ha detto che c’è gente che vuole fare una strada da
Giambàrtolo per la montagna, io, da poco diplomato, ho chiesto la collaborazione del geometra
Menniti, di Guardavalle, mio compagno di scuola; ma né io né lui avevamo lo strumento necessario
per il lavoro. Siamo allora andati dal geometra Riillo di Santa Caterina, anziano, che ci ha prestato il
tacheometro.” Questa la risposta alla prima nostra domanda di stretta pertinenza. Poi, visibilmente
contento, ha continuato: “Finito il progetto e il picchettamento, vicino Piazza Annunziata mi hanno
preso sulle braccia per portarmi a Giambàrtolo e mostrar loro i picchetti del tracciato: io mi sono
fatto mettere con i piedi per terra, e siamo andati….. Non ricordo i nomi delle persone, ma uno era
sicuramente Giangru.” (si tratta -ne siamo certi- di Vincenzo Andreacchio, detto Giangru, esponente
di spicco del P.C.I., e tra i principali protagonisti dello Sciopero a rovescio.)
“Mentre lavoravamo per il picchettamento uno veniva ogni tanto a trovarci, Micu Corea.” Il più
importante, forse, tra i Capi del suo Partito a Badolato, almeno per un certo periodo.
Abbiamo voluto sentire il geometra Anoja anche in merito ad ostacoli durante la “illecita” realizzazione
della strada, ed egli ci ha detto quanto è già piuttosto noto: “Si è ribellato e ha denunciato
don Antonio Campagna (è il perito agrario Antonio Gallelli) perché aveva nella zona un uliveto del
quale sarebbero state sradicate alcune piante per realizzare il tracciato progettato”. Noi qui aggiungiamo
-è già storia pure questa- che il figlio del perito Gallelli, ancora giovane studente, pur contrariando
la volontà del genitore, è stata favorevole alla prosecuzione dei lavori secondo progetto.

Dell’intervento del Prefetto, della Polizia, dei blindati e degli arresti non scriviamo, perché se ne
è trattato già a sufficienza.
Il geometra Anoja ci ha poi raccontato, a nostra richiesta, di un altro suo progetto commissionatogli
da una Cooperativa per la sistemazione di un tratto di quella strada che era stata già aperta con
lo sciopero. E del progetto di successiva bitumazione di quella stessa strada, quando era Sindaco
l’avvocato Giacomo Crisafi. Ovviamente, si è trattato di attività non più volontarie. Poi, negli anni,
numerosi altri progetti: l’acquedotto Badolato Superiore-Badolato Marina; il cunettone di sbarramento
delle acque piovane a ridosso della zona detta Ghetto, da sud a nord sino al torrente Barone,
in Badolato Marina; la strada Santuario della Sanità-Butulli…..
Gli abbiamo poi rivolto un’ultima domanda: “Secondo voi, come cittadino, come tecnico, come
progettista la strada di Giambàrtolo aveva una funzione importante per lo sviluppo di Badolato e del
suo territorio?” E lui: “Volevano fare il collegamento con la Guardia, e poi dalla Guardia si poteva
andare a Serra San Bruno, perché allora si andava a piedi. Però è stata inutile, sino a quando non
abbiamo fatto la strada della Sanità, che continuava oltre la Guardia, sino alla montagna… La strada
dal paese alla Sanità era stata fatta per interessamento dell’Arciprete don Antonio Peronace.”
Lo Sciopero a rovescio, però, noi sappiamo che nasceva soprattutto da un’altra pressante esigenza:
creare lavoro per tanta gente che non ce l’aveva. Troppo spesso, e troppa gente “istituzionale”
dimentica, ancora oggi, non solo che senza lavoro si perde la possibilità e il diritto di vivere, ma
dimentica o non sa che solo gli umani lavorano (fatta eccezione per pochi altri animali), e che impedire
od ostacolare, direttamente o indirettamente, la possibilità di lavorare equivale alla negazione
di una delle più importanti dimensioni umane.
Preghiamo tenere presente che le ultime sei righe sintetizzano una non proprio estemporanea
seppur amara nostra riflessione, e non fanno parte, quindi, dell’intervista all’amico geometra Vincenzo
Anoja che ringraziamo per la disponibilità e il prezioso contributo fornitoci, così come ringraziamo
l’amico Pietro Cossari per la continua e valida sua collaborazione.



E-mail: info@laradice.it             Webmaster: www.giuseppecaporale.it               Segnalazione errori

Testi e materiale Copyright©
Associazione culturale La Radice
  www.laradice.it

Sviluppo e design Copyright©
Giuseppe Caporale
 www.giuseppecaporale.it

Tecnologie e software Copyright©
SISTEMIC di Giuseppe Caporale
 www.sistemic.it

Advertising e link support
by www.Golink.it

Golink www.Golink.it