Associazione culturale “La Radice”
Registrazione Tribunale di Catanzaro n° 38 del 12.04.1995



Home
Info
Autori
Biografie
Periodici
Cerca
Video
Link
Archivio
Lettere
Estinti
Gestionale
Articolo meno letto:
INDIA DEL SUD (Spigolature di viaggio)
Autore:Roberto Gambini     Data: 31/08/2015  
WebCam su badolato borgo

Inserisci email per essere aggio Inserisci email per essere aggiornato


 LINK Culturali su Badolato:

Storia di Badolato a partire dai 50 anni della parrocchia Santi Angeli custodi di Badolato Marina, i giovani di ieri si raccontano.
www.ricordando.net

Comune di Badolato, servizio per la ricerca e visione dei testi conservati nella biblioteca comunale di Badolato.
www.laradice.it/bibliotecabadolato

Archivio di foto di interesse artistico culturale e storico - chiunque può partecipare inviando foto, descrizione e dati dell'autore
www.laradice.it/archiviofoto

Per ricordare chi ci ha preceduto e fà parte della  nostra storia
www.laradice.it/estinti


ACCETTIAMO:
  • MATERIALE da pubblicare o da conservare;
  • NOTIZIE storiche e d'altro genere;
  • INDIRIZZI di Badolatesi che ancora non ricevono il giornale;
  • FOTOGRAFIE di qualche interesse;
  • SUGGERIMENTI, che terremo presenti;
  • CONTRIBUTI in denaro.

Visite:
Pagine richieste:
Utenti collegati:
dal 01/05/2004

Locations of visitors to this page

Data: 30/09/2006 - Anno: 12 - Numero: 3 - Pagina: 30 - INDIETRO - INDICE - AVANTI

VERRA' tempo ...

Letture: 883               AUTORE: Nicola Maddaloni (Altri articoli dell'autore)        

Un bel giorno, fra tanti, ho sorpreso un figlio adottivo metter tenda allImmacolata.
Gli ho chiesto come mai avesse deciso di spendere in una zona simile.
Altri miei siti, tranquilli, pi accessibili e meno precari avrebbero potuto ospitarlo.
Non mi ha risposto subito, forse per farmi riflettere.
E poi dun tratto, scrollando un po le spalle ha mormorato:
Vuoi per caso prenderti gioco di me?
Non vedi che qui tutto dirupa?
Solo da pochi mesi ho acquistato e gi mi crollato il tetto!
Comunque ti partecipo che non penso di arrendermi.
Non devo!
Se cedo, casa mia andr gi e poi, man mano, anche le altre alle sue spalle.
Se ricostruisco il tetto sar pi facile resistere, anche per le altre case ancora alle sue spalle.

E da allora, ad ogni alba, butto uno sguardo gi, verso lImmacolata, a curiosare se quella casa ancora permane.
Certo!
Non solo c ancora; anche successo che altri figli adottivi si sono accampati l intorno, come paletti o se si vuole come baluardi; e magari, tra gli alti e bassi della Congrega, qualcosa resiste allavanzare del dirupo.
Ora basta, troppo mi sono dilungato a narrarvi di questo figlio sprovveduto.
Non posso non darvi atto che altri figli adottivi si son dati da fare ed in altre mie zone, di pari o minore degrado.
E sempre, ad ogni alba, me li guardo tutti; proprio come fa il buon padre di famiglia con la sua prole.
Anche perch la mia prole numerosa; sono comunque centinaia di persone ed inoltre molto ben assortiti.
Ho figli naturali; ho figli adottivi, del nord, del sud, mediterranei, europei e non, giovani e meno giovani.
Ho ancora tanti figli prediletti: quelli cio che hanno memoria dei miei trascorsi; quelli che ripercorrendo i miei vicoli, le mie stradine, i miei sentieri, ritrovano casa, bottega,.........
Ed io che ho visto pi di trecentomila albe ed altrettanti tramonti ho imparato ad aspettare sapendo che arriva tempo e col tempo che ci vuole.
Tempo a che le mie colline sinfittiscano ancor pi di vigne, olivi e frutteti.
Tempo a che esse siano fornite di laghetti collinari per la regolazione delle piogge a favore delle stagioni aride.
Tempo a che si ricostruiscano sentieri e terrazzi, selciati e muretti.
Tempo a che siano ripopolati stalle e fienili.
Tempo a che siano riaperti catoj e ricostruiti mulini.
Tempo a che siano portati alla luce le antiche vestigia della citt e del contado.
Tempo a che le argille, altrimenti votate inesorabilmente al mare, tornino a cuocere nelle fornaci, per lantico sapere di vasi, coppi e mattoni.
Tempo a che divenga scuola tutto quanto per il tramandarsi dellantico sapere.
Ma anche tempo per lardita marina; tempo per un oculato ed attento Piano Particolareggiato, frutto di intese tra Amministrazioni Governative, Anas, Ferrovie e di condivisione con i Cittadini.
Certo non gradirei che ladeguamento della 106 si trasformasse in una banale variante, magari a monte dellattuale tracciato ed in area quasi interna, con spreco di prezioso mio suolo, sfregio delle mie colline ed emarginazione dellattuale struttura produttiva di valle.
Altri paesi gi attraversati da tali nuove varianti, come sopra concepite, mi hanno appena avvertito in tal senso.
Mi piacerebbe invece che i tanti miei figliuoli, naturali o adottivi, del sud o del nord, italiani o stranieri, europei e non, si adoperassero a che ladeguamento della 106 fosse, per la mia marina, occasione di sviluppo e non di emarginazione.
Anche se sono un semplice borgo di collina, conosco abbastanza il mio territorio e penso che il tracciato della 106 debba restare invariato; penso che sia da realizzare un asse integrato che copti la ferrovia e che con essa, nel formare un terminale plurilivello e multifunzione, produca connessione con labitato ed invito diffuso e discreto alle pendici che portano a me.
So bene che tanto implica tempo e risorse; so, altrettanto bene, che un concorso di idee sarebbe meno dispendioso e comunque utile allo scopo.
E poi, visto che per ventanni mi hanno conosciuto come il paese in vendita, per i prossimi venti potrei chiamarmi: il paese che aspetta.
Pu darsi per che stavolta ventanni sian troppi, non necessari.
Mi par di sentire... da qualche mio uscio... una sorta di TAM TAM... man mano pi forte ed intenso......... e poi un accorrere, un brulicare ed un saziare i catoj di roba e di merci per nuovi scambi; tracce di antiche rotte per un ritrovato Mediterraneo.

Nicola Maddaloni * Architetto


E-mail:              Webmaster: www.giuseppecaporale.it               Segnalazione errori

Testi e materiale Copyright©
Associazione culturale La Radice
  www.laradice.it

Sviluppo e design Copyright©
Giuseppe Caporale
 www.giuseppecaporale.it

Tecnologie e software Copyright©
SISTEMIC di Giuseppe Caporale
 www.sistemic.it

Advertising e link support
by www.Golink.it

Golink www.Golink.it